parole, indice generaletorna alle parole
novitanovita



site map

homehome

Firma la pagina degli ospiti   sign!!

scrvimi

Juan Rulfo


Un sito con le
fotografie di J. Rulfo


Intervista di W.Dante a Juan Rulfo in lingua spagnola

  " Sono venuto a Comala perchŔ mi avevano detto che qui abitava mio padre, un certo Pedro Paramo. Me lo aveva detto mia madre. E io le avevo promesso che sarei andato a trovarlo appena lei fosse morta. Per prometterglielo, le avevo stretto le mani; stava per morire ed io ero pronto a contentarla in tutto."

Cosi' comincia Pedro Paramo il libro, forse, piu' importante del secolo in lingua spagnola. Le due opere piu' importanti di Juan Rulfo vengono pubblicate tra il 1953 (El llano en llamas) e il 1955 (Pedro Paramo). Mai scrittore e' riuscito a concentrare in cosi' poche pagine tanta forza narrativa, perfezione di stile, profondita' e ricchezza di significati mitici e simbolici.


"Sono nato in un paesino poco conosciuto, Apulco, in Jalisco, il 16 di maggio del 1918, ma poco dopo ce ne andammo a san gabriel. Apulco era un paese isolato e per questo lo saccheggiarono e lo bruciarono molte volte. Vivere li' era pericoloso, e fu per questo che i miei genitori decisero di andare a San Gabriel. San Gabriel, dove trascorsi tutta la mia infanzia, era un paese grande - di circa sette mila abitanti - e li' c'era la scorta militare. Nel 1923 mori' mio padre, Juan Nepomuceno Perez Rulfo Navarro, e nel 1927 mia madre, Maria Vizcaino."

In questa breve sintesi della sua infanzia, che Juan Rulfo fece nel 1968, si possono trovare quelli che sono i temi riccorrenti della sua opera: la solitudine,la desolazione, la violenza e la morte in tutte le sue forme, ma anche l'amore, eterna frustrazione dell'uomo. In un mondo dove proliferano i linguaggi, e le immagini e le parole si moltiplicano e si riversano all'infinito sulla nostra esistenza, fino a perdere di consistenza, di precisione e di significato, proprio in questo mondo del 2000, appestato dal superfluo, l'opera di Rulfo potrebbe aiutarci a ritrovare il senso delle cose, la precisione, la capacita' di esprimere cio' che sentiamo. Le ultime parole del romanzo di Pedro Paramosono il miglior esempio della potenza espressiva che Juan rulfo riesce a concentrare in poche parole:

  "Dopo pochi passi cadde, supplicando dentro di se; ma senza dire una sola parola. Diede un colpo secco contro la terra e si ando' sgretolando, come fosse un mucchio di pietre."


calvino

" ...mi sembra che il linguaggio venga sempre usato in modo approssimativo, casuale, e ne provo un fastidio intollerabile....Alle volte mi sembra che un'epidemia pestilenziale abbia colpito l'umanita' nella facolta' che piu' la caratterizza, cioe'   l'uso della parola, una peste del linguaggio che si manifesta come perdita di forza conoscitiva e di immediatezza, come automatismo che tende a livellare l'espressione sulle formule piu' generiche, anonime, astratte, a diluire i significati, a smussare le punte espressive,...Viviamo sotto una pioggia ininterrotta d'immagini, i piu' potenti media non fanno che trasformare il mondo in immagine e moltiplicarlo attraverso una fantasmagoria di giochi di specchi: immagini che in gran parte sono prive della necessita' interna che dovrebbe caratterizzare ogni immagine, come forma e come significato, come forza d'imporsi all'attenzione, come ricchezza di significati possibili. Gran parte di questa nuvola d'immagini si dissolve immediatamente come i sogni che non lasciano traccia nella memoria; ma non si dissolve una sensazione d'estraneita' e di disagio.."   back
(da 'sei lezioni americane' di Italo Calvino collegamentointerno a calvino)

tanti i siti su Calvino, ma si puo' cominciare con questo:

http://www.emory.edu/EDUCATION/mfp/cal.html


sopra
forum forum guest bookGuest Book links-servizi utili links utili