La valutazione multidimensionale

La valutazione multidimensionale dell’anziano

riflessioni del dott. Claudio Italiano

 

cfr  tabelle per l'invalidità civile e calcolo

Che cos'è una Valutazione multidimensionale dell'anziano?
Nel 2008 il problema dell’assistenza agli anziani si fa più pressante, essendo ormai la nostra società composta da anziani; l’anziano vive da solo, spesso con una badante, ma molteplici sono le sue esigenze di salute e di assistenza. Si tratta di un processo di tipo dinamico e interdisciplinare volto a identificare e descrivere, o predire, la natura e l’entità dei problemi di salute di natura fisica, psichica e funzionale di una persona non autosufficiente, e a caratterizzare le sue risorse e potenzialità. Questo approccio diagnostico globale, attraverso l’utilizzo di scale e strumenti validati, consente di individuare un piano di intervento sociosanitario coordinato e mirato al singolo individuo. Schematicamente, le aree tematiche fondamentali, o ‘dimensioni’, che configurano la natura multipla della valutazione, sono rappresentate da:
-salute fisica,
-stato cognitivo (o salute mentale),
 

 

-stato funzionale,
-condizione economica e condizione sociale.La valutazione, che concretamente si effettua sulla base della compilazione, cartacea o informatizzata, di liste di quesiti (o item), si avvale dell’uso di cosiddette ‘scale’ di natura monodimensionale, ciascuna delle quali cioé approfondisce una singola area o una specifica articolazione di essa (piuttosto conosciute in ambito medico sono le scale ADL – Activities of Daily Living – e le scale IADL – Instrumental Activities of Daily Living, con i loro vari indici), o di ‘strumenti’ multidimensionali veri e propri, pensati per caratterizzare il soggetto nelle diverse aree di interesse: questi ultimi possono evidentemente contenere all’interno scale monodimensionali.

Gli strumenti attualmente disponibili, descritti nel riquadro in basso, si differenziano in effetti per finalità, impostazione e capacità descrittiva. In sostanza, tale valutazione consente di apprezzare l'autosufficienza e le condizioni di salute globali dell'anziano o anche del bambino, se egli necessiti o meno di assistenza, stante le scarse risorse disponibili.   Allo scopo esistono diversi sistemi di valutazione che si attuano tramite un questionario: La regione Veneto per esempio utilizza una complessa scheda , detta “S.VA.M.A.”, ossia la “Scheda per la Valutazione Multidimensionale dell'Anziano". Essa  analizza tutti gli aspetti della vita dell'anziano preso in carico, per quanto concerne la salute, con riferimento ai vari organi ed apparati, ma soprattutto il suo grado di autosufficienza, i rapporti sociali, la situazione economica, che oggi col dimezzamento “eurale” della pensione  rappresenta il problema principale nella vita dell’anziano. Così tutti si precipitano a chiedere l’invalidità civile e l’indennità di accompagnamento, senza tenere conto che spesso non è di loro spettanza. Allo scopo di chiarire le idee dei nostri navigatori, vi parleremo in breve di quali sono i concetti di base con cui viene effettuata la valutazione dai diversi componenti della Unità operativa distrettuale. Vengono qui riportate le parti di S.VA.M.A., che sono in tutto quattro. Si tratta di sezioni (o "schede") che valutano, ognuna, un certo aspetto della persona presa in carico. Ogni sezione si suddivide a sua volta in quattro pagine. Tutte le parti di S.VA.M.A. sono state replicate sulla base della scheda originale S.VA.M.A., accompagnandole con le istruzioni necessarie alla loro compilazione.

 

Ma esistono altri sistemi e strumenti di valutazione?

ESEMPI DI SCALE E DI STRUMENTI PER LA VMD DISPONIBILI IN ITALIA

Scale monodimensionali
MMSE - Mini Mental State Examination Folstein MF, Folstein SE, McHugh PR. Mini-Mental State:a practical method for grading the cognitive state of patients for the clinician. J Psychiatr Res 1975; 12: 196-198 (cfr Mini mental test)
GDS - Geriatric Depression Scale Yesavage JA, Brink TL, Rose TL et al. Development and validation of a geriatric screening scale: a preliminary report.
J Psychiatr Res 1982-83; 17: 37-49
Indice di Barthel - Activities of daily living - Situazione funzionale Mahoney FI, Barthel D. Functional evaluation: the Barthel Index.
Maryland State Med J 1965; 14: 56-61
CIRS - Indice di Comorbilità Parmelee PA, Thuras PD, Katz IR, Lawton MP.

Validation of cumulative illness rating scale in a geriatric residential population. J AM Geriatric Soc 1995; 43: 130-137
TINETTI Scale - Scala di valutazione dell’equilibrio e dell’andatura
Tinetti ME. Performance-oriented assessment of mobility problems in elderly patients. J Am Geriatr Soc 1986; 34: 119-126
EXTON-SMITH - Valutazione dei rischi di piaghe da decubito Exton Smith AN.

An investigation of geriatric nursing problems in Hospital National Corporation for the care of old people. London Churchill Livingstone, 1962
Strumenti multidimensionali GEFI - Global Evaluation Functional Index Cucinotta D, Angelin A, Godoli G et al. Proposta e validazione
di un semplice indice per la valutazione funzionale globale dell'anziano: il GEFI. G Gerontol 1989; 38: 31-36
GFRS - Scala di valutazione della funzionalità geriatrica Grauer H, Birnbom F. A geriatric functional rating scale to determine the need for institutional care.
J Am Geriatr Soc 1975; 23 (10): 472-476
MDS-HC - Minimum data set - Home Care Morris JN, Fries BE, Bernabei R. RAI-Home Care,
VAOR-ADI Manuale d’istruzione. Ed italiana a cura di Bernabei R, Landi F, Manigrasso L et al, Ed Pfizer Italia SpA, 1996
OARS - Questionario per la valutazione funzionale multidimensionale Palombi L, Mancinelli S, Marazzi MC, Batoli A. Valutare la salute dell’anziano.

Guida all’uso della metodologia OARS - Older Americans Resources and Services. Torino, Nuova ERI, 1993
SVAMA - Valutazione multidimensionale dell’adulto e dell’anziano Regione Veneto (DGR 3979 del 9/11/99).
VAL.GRAF. - Scheda di valutazione multidimensionale longitudinale dell’anziano dei servizi geriatrici
Gigantesco A, Morosini P, Alunni S et al. Validazione di un semplice strumento per la valutazione funzionale dell’anziano. G Gerontol 1995; 43: 379-385

A cosa servono questi strumenti?

Sono strumenti indispensabili ai fini dell’ottenimento dei benefici previsti per l’anziano, per esempio chi fa domanda di invalità civile, per l'indennità di accompagnamento, o per ottenere l' assistenza domiciliare integrata, o per realizzare la “dimissione protetta”, cioè che il paziente dimesso dall’ospedale, continui ad avere un’assistenza adeguata a domicilio, deve passare per questi sistemi filtro, cioè deve essere ritenuto non autosufficiente o meritevole comunque di assistenza e di assegno. Significa, ancora, non sprecare le risorse, ma suddividere i soggetti fra quelli che necessitano di assistenza perché sono a rischio di deterioramento della propria salute, per via delle funzioni vitali compromesse, perché necessitano di un medico o di un infermiere, di riabilitazione e cosi via. Non sempre è un solo soggetto che può esprimere il giudizio, spesso ci si avvale di equipe che valutano che oltre al Medico di Medicina Generale, comprendono il pediatra, il cardiologo, il geriatra, il neurologo ecc.  Tutti i dati che scaturiscono dalla VMD, oltre ad offrire l’orientamento per la risposta ai bisogni clinico-assistenziali del singolo individuo (e talora per l’allocazione assistenziale più appropriata), possono però fornire anche informazioni di carattere epidemiologico su larga scala, tali da permettere la definizione delle necessità assistenziali presenti e future (predittività) della comunità di interesse.

segue un esempio pratico.

Segue un esempio di valutazione di un anziano.