Dolore cronico alla spalla

Il dolore cronico di spalla

 

cfr spalla dolorosa

 

Il dott. Claudio Italiano riceve a MilazzoOssia quel maledetto dolore alla spalla che ci prende la notte, specie quando siamo coricati in un letto nuovo, scomodo, con un cuscino duro, alto o basso e che ci impedisce di muovere il braccio oppure che ci siamo meritati dopo aver fatto quella partita a tennis, senza allenamento. Viene definito dolore cronico quando è presente da più di 6 mesi. Allora diciamo subito che le più comuni condizioni patologiche che danno un dolore alla spalla sono:
Alterazioni della cuffia dei rotatori,
Capsulite adesiva
Instabilità di spalla
Artrosi della spalla.
tumore del polmone Sindrome di Pancoast)

Le alterazioni della cuffia dei rotatori comprendono tendinopatie, lesioni parziali e lesioni complete a tutto spessore.

1 Acromion; 2 Borsa sotto-acromiale; 3 Omero; 4 Glenoide; 5 Cuffia dei rotatori

Per saperne di più clicca e vedi il sito della spalla onlineUna diagnosi di lesioni della cuffia dei rotatori viene suggerita da osservazioni cliniche come un dolore durante il movimento del braccio, essendo il braccio posto al di sopra del capo, riduzione di forza ai test empty can ed al test di rotazione esterna, segni di conflitto subacromiale. La presentazione clinica di una capsulite adesiva, condizione che si può associare a diabete ed a patologie della tiroide, comprende dolore diffuso alla spalla e riduzione di ampiezza dei movimenti passivi. L’artrosi acromio-clavicolare destra determina dolore alla spalla localizzato superiormente, dolore alla palpazione dell’articolazione, dolore ai test di abduzione del braccio verso la spalla controlaterale. L’artrosi si presenta in paziente con età > di 50 anni. L’instabilità glenoomerale è presente nei soggetti giovani di età inferiore ai 40 anni conuna storia di dislocazioni e di sublussazioni.

Generalità

Il dolore alla spalla rappresenta circa il 16% di tutti i sintomi riguardanti il sistema muscolo-scheletrico, con un’incidenza annuale, a livello del medico di famiglia, pari a 15 nuovi episodi ogni 1.000 pazienti.

In particolare il dolore può essere diviso in 6 categorie:

alterazione della cuffia dei rotatori, comprendenti tendinosi, lesioni complete dei tendini o parziali, tendiniti calcifiche; pazienti di età > 40 anni; dolore al sovraccarico a braccio elevato sopra la testa; dolore notturno, test di Hawkins positivo.

capsulite adesiva, cioè infiammazione della capsula : pazienti in età > 40 anni, diminuzione ai mnovimenti attivi e passivi, storia di diabete e patologie della tiroide.

artrosi gleno-omerale: età > 50 anni, dolore ingravescente, crepitii all’articolazione, storia di artrite

instabilità gleno-omerale: soggetti < 40 anni, storia di lussazione e sublussazione e di dislocazione o lassità ligamentosa.

patologie dell’articolazione acromio-clavicolare: test di adduzione del braccio verso la spalla controlaterale

altre forme di dolore cronico.

Alla visita, allo scopo di orientare il medico, è opportuno chiedere quale attività compia il paziente, se cioè sollevi pesi, lavori col braccio, stressando l’articolazione e ciò orienta per un’artrosi acromio-clavicolare, mentre se il paziente compie attività sportiva o sovraccarica il braccio elevato per ragioni di lavoro occorre pensare a patologie della cuffia dei rotatori. Se il dolore si irradia al gomito ed alla mano, allora occorre pensare a problemi della colonna cervicale.

A questo punto il medico attua l’ispezione, palpa l’articolazione acromio-calvicolare ed il dolore evocato indica spesso un interessamento artrosico, mentre a livello subacromiale depone per una patologia della cuffia dei rotatori.

manovre

Test di Hawkins: il paziente solleva il braccio flesso in avanti a 90°, quindi il gomito viene spinto verso l’interno, lasciando il braccio sempre flesso, il test che evoca dolore fa pensare a tendinopatie o lesioni della cuffia dei rotatori.

Test di caduta del braccio: il paziente abbassa lentamente il braccio fino al fianco del corpo. Il test positivo indica una lesione della cuffia dei rotatori.

Test di empy-can per valutare il tendine del sovraspinoso; il paziente sta a braccia abdotte a 90 gradi e flesse di 30°, cioè coi pollici verso il basso e si oppone alla forza dell’esaminatore che spinge le braccie in basso: se c’è deficit di forza allora significa lesione del tendine del sovraspinoso

Diagnosi

A questo punto occorrono le indagini diagnostiche:

radiografia dell’articolazione della spalla: valuta i segni di artrosi delle articolazioni acromio-clavicolari ed anche segni secondari di significative lesioni della cuffia dei rotatori.

Seguono ulteriori indagini che sono rappresentate da: risonanza magnetica, artrografia, TAC ed ecografia.

Cura del dolore artrosico

Trattamento conservativo e terapia chirurgica

Prevede il riposo da attività, ghiaccio dieci minuti per diverse volte al giorno e terapia medica con anti-infiammatori nelle fasi acute o a prevalenza infiammatoria. Se il dolore è molto intenso, potranno essere utilizzate infiltrazioni sub-acromiali di cortisone e anestetico.La terapia fisica nelle sue diverse forme (Laser, Tens etc.) potrà essere utile nel migliorare il dolore e la funzione. Se il dolore e la funzionalità non migliorano, se gli esami strumentali hanno evidenziato lesioni tendinee, è indicato intervenire per ricostruire i tendini e risolvere le lesioni, con riparazione anatomica, ma NON si tratta di intervento di poco conto! utile quindi una buona riabilitazione, per esempio in piscina. E' possibile avere una nuova lesione o rottura nel 5-10% dei casi.

Per approfondire il tema del dolore artrosico:

artrosi del ginocchio

La cura dell'artrosi

L'artrosi

Esercizi per l'artrosi

Le osteoartrosi

l'artrosi cervicale

 

index di ortopedia