Emorragie: come intervenire al PS

Al PS, o in caso di emorragie, che fare?

aggiornamento per il medico pratico

 

da appunti del dott. Claudio Italiano

 

L'emorragia è una condizione che si determina a seguito di una lesione dei tessuti con fuoriuscita del sangue dai vasi sanguigni; tuttavia la lesione può comprendere i vasi sanguigni, cioè le arterie (sono come dei “tubi” che dal cuore portano il sangue in periferia).Viceversa le vene (sono dei “tubi” che al contrario raccolgono il sangue dalla periferia e lo portano al cuore destro) e pertanto la gravità dipende dalla quantità di sangue che viene perso e dalla sua rapidità di uscita, perché se un’arteria è lesionata vedrete zampillare a fiotti il sangue.
 
Che fare?
Urlate con violenza e svenite! No, scherzo! Dovete invece al più presto intervenire per bloccare l’emorragia perché altrimenti il paziente infortunato è spacciato, specie se il vaso interessato è di dimensioni notevoli (per esempio l’arteria di un braccio o di una gamba che ha subito un trauma.

 

Procedure consigliate in caso di emorragia

Dovete:
A)  Sdraiare il paziente, perché la pressione sanguigna si sarà nel frattempo ridotta ed egli rischia di crollare per terra!
B) Dovete tamponare la ferita, apponendovi sopra una garza (vedi il disegno)  Infatti così avrete risolto il problema nel 95% dei casi.  Si procede con quello che trovate prima: un fazzoletto, un pacchetto di fazzoletti di carta ed una garza, un pezzo di camicia! Nessuna esitazione è quindi giustificata davanti ad un infortunato con grave emorragia, non va neppure perso tempo per chiamare i soccorsi qualificati prima di aver tamponato l'emorragia.Tamponamento della ferita con un fazzoletto
Bendaggio del tampone già posizionatoC) Quindi si procede con una fasciatura compressiva, cioè si prende la cintura o una cravatta, una sciarpa e la si avvolge attorno all’arto che sanguina, per farsi che il tampone di prima stia ben aderente e non si smuova! La fasciatura va fatta stretta affinché si blocchi l’emorragia.
D) Ma se la ferita è alla coscia, se è al collo che faccio? Lo strozzo? No, in questo caso comprimo a monte l’arteria secondo lo schema della figura. Le più importanti emorragie arteriose, quelle al collo, all'inguine o alla coscia, non possono essere bloccate da una compressione sul punto di sanguinamento, ovviamente. In questo caso tampono come posso e tengo conto del flusso ematico che procede dal cuore verso la periferia del corpo, tamite le arterie. In questo caso la compressione verrà effettuata lontano dal punto di sanguinamento, utilizzando le proprie mani come tenaglie per schiacciare l'arteria contro un piano osseo. Questa manovra si chiama compressione digitale a distanza.
Questi punti possono essere ricercati su noi stessi, a scopo di addestramento, in quanto vi è possibile rilevare la pulsazione dell'arteria sottostante. Alcuni punti di compressione sono i seguenti:

*Arteria succlavia: per emorragie della spalla; comprimere con la punta delle dita dietro alla clavicola, dall'alto al basso per spingendo l'arteria succlavia contro la prima costa.
Punti su cui comprimere con le dita in caso di emorragia*Arteria ascellare: per emorragie del braccio schiacciare al centro dell'ascella.
*Arteria omerale: per emorragie della parte finale del braccio, si comprime sulla faccia interna del braccio, a metà altezza, sotto al muscolo bicipite, comprimendo l'arteria omerale sull'omero.
*Arteria omerale: per emorragie dell'avambraccio e della mano; Si comprime con i due pollici tenuti paralleli nella piega del gomito mentre con le altre dita incorciate si abbraccia il gomito stesso.
*Arteria femorale: per emorragie della coscia; premere con tutto il peso del corpo, con il pungo chiuso ed il braccio teso nella piega inguinale
*Arteria poplitea: Premere con i pollici paralleli all'interno della piega del ginocchio abbracciando contemporaneamente con le altre dita incrociate il ginocchio stesso.

USO DEL LACCIO EMOSTATICO.

pio se l’arto è fuori uso e sarà amputato, poiché il laccio blocca completamente la circolazione del sangue e crea ischemia severa e necrosi dei tessuti! Esso va posto sempre alla radice dell'arto stesso; si possono usare: cinture, cravatte, stracci arrotolati, etc. ma MAI spaghi, fili, stringhe, fili elettrici che stritolano!
Una volta messo non va mai tolto (viene tolto solo all'interno del pronto soccorso).
 

ULTIMA COSA MA PRIMA COSA DA RICORDARE!

Se un paziente infortunato ha un corpo estraneo infisso nella ferita da cui geme sangue che faccio ? Lo rimuovo? NO! ASSOLUTAMENTE NON VA RIMOSSO; va bendato con garza ed il paziente condotto al più presto in ospedale con tutto il corpo estraneo conficcato! Pensate a  Gage, un americano, conosciuto per essere diventato uno dei casi di studio più famosi in neurologia  in seguito a un incidente sul lavoro avvenuto nel pomeriggio del 13 settembre 1848 vicino alla città di Cavendish, nella Contea di Windsor, mentre inseriva una carica esplosiva in una roccia che doveva essere fatta saltare in aria perché bloccava il passaggio della linea ferroviaria in costruzione.
A causa dell'esplosione accidentale della polvere da sparo, il ferro di pigiatura che Gage stava usando per compattarla schizzò in aria attraversando la parte anteriore del suo cranio, provocando un grave trauma cranico che interessò i lobi frontali del cervello.Miracolosamente sopravvissuto all'incidente, già dopo pochi minuti Gage era di nuovo cosciente e in grado di parlare.

Per approfondire il tema dell'emergenza:

La borsa del medico

Arresto cardiaco

emergenze 1

emergenze 2

Ipotensione cura

shock la cura

Disidratazionee cura

acidosi, alcalosi

Acidosi ed alcalosi, la cura

EGA

Osmolalità del sangue

Dolore alla mandibola

indice argomenti sulla visita del paziente