Inquinamento atmosferico e cancro delle vie respiratorie

Inquinamento atmosferico e cancro delle vie respiratorie: quale relazione? E' vero che se ho un'industria a fianco della mia casa mi ammalo?

 

appunti del dott. Claudio Italiano

 

Negli ultimi tempi, benché il lavoro sia arduo, si è dimostrato che esiste una relazione fra cancro delle vie respiratorie ed inquinanti, a prescindere dall’impiego di tabacco (cfr fumo), che come sappiamo, è una causa maggiore di cancro. Non parleremo qui delle affezioni respiratorie, delle bronchiti croniche ostruttive  che interessano vecchi e bambini che vivono nelle zone industriali e nelle città soffocate dal traffico, ma ci sofferemeremo sulla relazione che intercorre tra il rischio di ammalare di cancro delle vie respiratorie ed inquinamento. E' difficile rispondere a questo quesito con certezza scientifica, infatti studiare le cause dei tumori è un lavoro complesso, che deve mettere in relazione:

Cause genetiche, cioè alterazioni e geni disvitali che sono alla base dell’alterazione del processo cancerogeno;<

Altri cofattori come il fumo di sigaretta, lo stile di vita, l’obesità, le infezioni; 

I fattori ambientali che interagiscono con la predisposizione genetica.

 

Il cancro, insomma, è una malattia multifattoriale, ma una cosa è certa: in Italia la crescita dei casi di tumori è a livelli da epidemia. Nell’ultimo trentennio si è assistito ad un  aumento dal 15 al 20 per cento in più di casi di linfomi e leucemie, del 37 per cento in più di casi dei mesoteliomi, del 27 per cento di tumori alla mammella, del 20 per cento di tumori al fegato (cfr tumore del fegato). I più colpiti sono spesso i bambini con incremento di  patologie respiratorie, di tumori strani cone il neuroblastoma, Milazzo, industrie in invernoi tumori del Sistema nervoso centrale e le leucemie. E vi è una maggiore concentrazione in 54 aree della nostra penisola, del Bel Paese, ammorbate da centrali elettriche, industrie petrolchimiche ed altri agglomerati industriali, e, dulcis in fundus, discariche abusive. Le principali sorgenti di inquinamento sono rappresentate da: autoveicoli, industrie chimiche e raffinerie, inceneritori o termovalorizzatori, discariche, impianti di riscaldamento, fertilizzanti, pesticidi utilizzati in agricoltura, etc...    Dagli studi del dott. Paolo Franceschi, specialista nelle malattie dell'apparato respiratorio, risulta che un soggetto fumatore sviluppa il cancro e che il fumo è la prima causa di sviluppare il tumore del polmone e delle vie respiratorie in genere, tuttavia, se il soggetto vive nello smog di Milano, per esempio, il suo rischio di ammalare si moltiplica per 1,5 volte di più, che se vive in campagna, in un ambiente salubre. Lo stesso vale per i soggetti che ammalano di linfomi non Hodgkin, che risultano residenti in aree dove sono stati attivi inceneritori di rifiuti solidi urbani secondo studi  del prof. Annibale Biggeri dell'Università di Firenze, dove si evidenzia  un eccesso nella mortalità per dal 1970 al 1989 per tali patologie. Se parliamo di Porto Marghera, invece, dobbiamo parlare di inquinanti a base di cloruro di vinile, che causano angiosarcomi del fegato.

Quindi non è vero che di tumore del polmone ammalano solo i fumatori, ma anche i soggetti non fumatori possono ammalare se vivono in aree urbano altamente inquinate dove le polveri più sottili entrano nelle loro fini vie respiratorie, cioè quelle sottili di pm 2,5 o più fini (cfr inquinanti a Gela). Oppure si potrebbero raccontare tante storie, di persone che non hanno mai fumato e hanno avuto il cancro alla laringe, come soggetti che vivono nell’hinterland di  Civitavecchia, dove esistono industrie termoelettriche e cementifici che emettono in aria ossido di zolfo e polveri. Allo scopo sono stati condotti studi altamente attendibili di cui è possibile avere gli abstract sul motore Pub Med, uno su una popolazione di soggetti che vivono in India, studio condotto dall’International Agency for Research on Cancer che ha dimostrato come l’impiego di combustibile fossile e di biomasse  è un probabile carcinogeno. Le popolazioni indiane utilizzano la legna in casa per cucinare, per lo meno nel 74% dei casi e tale impiego di associa nei soggetti anche non fumatori ad aumentato rischio di ammalare di cancro dell’ipofaringe e laringe (OR 3.47, CI 0.95-12.69) and laryngeal (OR 3.65, CI 1.11-11.93)   e del polmone [odds ratio (OR) 3.76, 95% confidence interval (CI) 1.64-8.63]. Ancora un altro studio attendibile dimostra che masticare tabacco determina un rischio accresciuto di sviluppare cancro dell’ipofaringe ma non della laringe, a differenza del fumatore di tabacco.

Uno studio che mi è piaciuto citare a conferma della relazione fumo-inquinanti

BACKGROUND: A recent monograph by the International Agency for Research on Cancer (IARC) has identified indoor air pollution from coal usage as a known human carcinogen, while that from biomass as a probable human carcinogen. Although as much as 74% of the Indian population relies on solid fuels for cooking, very little information is available on cancer risk associated with these fuels in India. METHODS: Using data from a multicentric case-control study of 799 lung and 1062 hypopharyngeal/laryngeal cancer cases, and 718 controls, we investigated indoor air pollution from various solid fuels as risk factors for these cancers in India. RESULTS: Compared with never users, individuals who always used coal had an increased risk of lung cancer [odds ratio (OR) 3.76, 95% confidence interval (CI) 1.64-8.63]. Long duration of coal usage (>50 years) was a risk factor for hypopharyngeal (OR 3.47, CI 0.95-12.69) and laryngeal (OR 3.65, CI 1.11-11.93) cancers. An increased risk of hypopharyngeal cancer was observed among lifelong users of wood (OR 1.62, CI 1.14-2.32), however this was less apparent among never-smokers. Increasing level of smokiness inside the home was associated with an increasing risk of hypopharyngeal and lung cancer (P(trend) < 0.05). CONCLUSION: This study showed differential risks associated with indoor air pollution from wood and coal burning, and provides novel evidence on cancer risks associated with solid fuel usage in India. Our findings suggest that reducing indoor air pollution from solid fuels may contribute to prevention of these cancers in India, in addition to tobacco and alcohol control programs.
   

Smokeless tobacco and increased risk of hypopharyngeal and laryngeal cancers: a multicentric case-control study from India.


Sapkota A, Gajalakshmi V, Jetly DH, Roychowdhury S, Dikshit RP, Brennan P, Hashibe M, Boffetta P.
International Agency for Research on Cancer, Lyon, France.
Hypopharyngeal and laryngeal cancers are among the most common cancers in India. In addition to smoking, tobacco chewing may be a major risk factor for some of these cancers in India. Using data from a multicentric case-control study conducted in India that included 513 hypopharyngeal cancer cases, 511 laryngeal cancer cases and 718 controls, we investigated smoking and chewing tobacco products as risk factors for these cancers. Bidi smoking was a stronger risk factor compared to cigarette smoking for cancer of the hypopharynx (OR(bidi) 6.80 vs. OR(cig) 3.82) and supraglottis (OR(bidi) 7.53 vs. OR(cig) 2.14), while the effect of the 2 products was similar for cancer of the glottis (OR(bidi) 5.32 vs. OR(cig) 5.74). Among never-smokers, tobacco chewing was a risk factor for hypopharyngeal cancer, but not for laryngeal cancer. In particular, the risk of hypopharyngeal cancer increased with the use of Khaini (OR 2.02, CI 0.81-5.05), Mawa (OR 3.17, CI 1.06-9.53), Pan (OR 3.34, CI 1.68-6.61), Zarda (OR 3.58, CI 1.20-10.68) and Gutkha (OR 4.59, CI 1.21-17.49). A strong dose-response relationship was observed between chewing frequency and the risk of hypopharyngeal cancer (p(trend) < 0.001). An effect of alcohol on cancer of the hypopharynx and supraglottis was observed only among daily drinkers (OR 2.22, CI 1.11-4.45 and OR 3.76, CI 1.25-11.30, respectively). In summary, this study shows that chewing tobacco products commercially available in India are risk factors for hypopharyngeal cancer, and that the potency of Bidi smoking may be higher than that of cigarette smoking for hypopharyngeal and laryngeal cancers. (c) 2007 Wiley-Liss, Inc.
 

indice neoplasie