Lavanda gastrica

Lavanda gastrica

Aggiornamento per il medico pratico

 

appunti del dott. Claudio Italiano

INDICAZIONI DELLA LAVANDA GASTRICA O GASTROLUSI

E' una procedura mirante all'ottenimento dello svuotamento dello stomaco dopo assunzione per os, accidentale o intenzionale, di veleni (cfr avvelenamenti).

CONTROINDICAZIONI

- Ingestione di sostanze caustiche o corrosive: rischio di lesioni e perforazioni esofagee.
- Ingestione di distillati del petrolio (pericolo di inalazioni)
- Ingestione di sostanze schiumogene (pericolo di inalazioni )
- Pazienti con crisi convulsive (le manovre possono scatenarle ed aggravarle).

 

PROCEDURA - I pazienti incoscienti o con netta riduzione dei riflessi prottettlvl delle vie aeree vanno intubati: pericolo di aspirazione del Vi | mito.
- Posizione del paziente: decubito laterale sinistro con capo abbassato di circa 15 gradi. Questa posizione riduce il rischio di aspirazione e diminuisce il passaggio di liquido dallo stomaca al duodeno).

- Coprire il paziente per proteggerlo dal vomito.
- Scegliere un tubo gastrico di grande lume: almeno 1 cm nell'adulto.
- Misurare indicativamente la distanza tra il naso e l'epigastrio per conoscere la lunghezza che occorre introdurre.
- Introdurre il tubo preferibilmente per via orale. Se il pazienti è agitato o stuporoso vi è il rischio per l'operatore di essere morsicato e che il tubo sia masticato con i denti. Il rischio è minimizzato con l'uso concomitante di una cannula di Muyo
- Accertarsi che il tubo sia nello stomaco: in genere si procede insufflando aria ed auscultando col fonendoscopio il gorgoglio. Attenzione a malposizione della sonda !
- Aspirare il contenuto gastrico (tenere eventualmente un campione del contenuto gastrico per esami tossicologici).
- «Lavare» lo stomaco con 200-300 ml di acqua o con soluzioni particolari.
gastrolusi, lavanda gastrica, posizione del pazienteÈ utile «agitare» manualmente lo stomaco del paziente prima di rimuovere il liquido. Nei bambini è meglio usare 10 ml/kg di soluzione fisiologica per evitare gravi iponatriemie da diluizione. E' consigliabile che il liquido sia preriscaldato a 45 gradi.
- La soluzione deve uscire facilmente dal tubo per la sola forza di gravità. Se ciò non avviene il tubo è malposizionato nello stomaco.
- Ripetere più volte l'operazione. Quando il liquido esce praticamente limpido, lavare ancora con 1-2 litri di soluzione.
- Al termine somministrare carbone attivato (30-120 g) che è in grado di legare molte sostanze tossiche presenti nel lume intestinale

- Rimuovere il tubo dopo averlo chiuso all'estremità.
- Non rimuovere subito il tubo endotracheale (nei pazienti intubati), perché può comparire vomito al termine della gastrolusi
- Nei pazienti avvelenati con acidi o basi forti non fare assumere soluzioni «neutralizzanti». Il calore che si sviluppa può aggravare il danno tissutale.

COMPLICAZIONI


- Malposizionamento del tubo nelle vie aeree (può essere fatale)
- Perforazione dell'esofago e dello stomaco, in caso di patologi | preesistente o di intossicazione con alcali e acidi.
- Alterazioni idro-elettrolitiche causate dal liquido di lava: i (specie nei bambini).
- Aspirazione polmonare.
- Ipotermia: nei bambini, se il liquido non è preriscaldato.

indice argomenti della visita