Management del paziente settico: segni di sepsi

Management del paziente settico: disfunzione degli organi.

 

cfr paziente settico parte introduttiva

Gli organi e gli apparati principalmente colpiti e il coinvolgimento dell’infermiere nel la valutazione della loro disfunzione possono cos์ essere schematizzati come appresso riportato, E' compito del medico fare il punto della situazione clinica del paziente ed attuare gli adeguati provvedimenti, La sepsi, ricordiamocelo, ่ una condizione di estremo pericolo quoad vitam, per cui sarebbe opportuno gestire il paziente in terapia intensiva o sub-intensiva con continuo monitoraggio.

 

Disfunzioni degli organi e apparati pi๙ colpiti in corso di sepsi.

 


Compromissione del sistema nervoso centrale

Rischi in corso di compromissione del SNC

• Alterazioni dello stato di coscienza • Insorgenza di eventi vascolari cerebrali
Manifestazione
• Confusione • Irrequietezza • Agitazione • Coma

Monitoraggio

• Attenta valutazione neurologica: coscienza, riflessi, risposta motoria • Utilizzo di scale a punteggio: GCS, Bozza-Marrubini • Esecuzione sistematica di finestre di valutazione in corso di sedazione continua

Trattamento

• Sorveglianza durante la somministrazione di farmaci anestetici endovenosi e curari • Valutazione dell’efficacia della terapia antalgica • Corretto uso della contenzione • Prevenzione e trattamento delle lesioni da compressione e da decubito

Compromissione del polmone in corso di sepsi

Rischio

• Ipossiernia:
— PO2<70 mmHg  — SpO2< 92 % — PO2 < 300
Manifestazione
• Tachipnea • Sub-cianosi, cianosi • Sudorazione • Agitazione, confusione • Aritmie cardiache

Monitoraggio

  • SpO2 • EGA seriati• EtCO2 • Frequenza respiratoria • Volume corrente

Trattamento

• Assistenza al paziente con "farne d’aria"  • Gestione infermieristica delle protesi e dei supporti ventilatori invasivi e non invasivi atti a ottenere una ventilazione "dolce" (Vt 6 — 8 ml/kg)
• Attenzione al rischio di ipercapnia • Adeguate precauzioni per limitare le desaturazioni temporanee (ad esempio BA, trasporti) • Precoce raccolta delle secrezioni bronchiali a scopo microbiologico-colturale • Drenaggio posturale, pronazione • Prevenzione e trattamento delle lesioni da compressione e da decubito
 

Compromissione del rene in coso di sepsi

Rischio

• Insufficienza renale acuta
Manifestazione
• Oliguria  • Anuria • Incremento nel sangue di metabolici tossici come urea, creatinina e potassio

Monitoraggio

• Diuresi oraria: target 0,5 ml/kg/ora • PVC target: 10-12 cmH2O • Controllo frequente di bilancio idroelettrolitico • ECG

Trattamento

• Precoce e massimale riempimento vascolare • Precoce urinocoltura • Controllo di nausea e vomito come possibili effetti dell’uremia  • Gestione infermieristica dei presidi atti alla depurazione extra-renale

Sistema cardio-circolatorio e sepsi

Rischio

• Turbe del ritmo cardiaco • Stato di Shock

Manifestazione

• Tachicardia • Aritmia • Ipotensione arteriosa sistemica • Alterazioni di PVC e Wedge • Oliguria, anuria

Monitoraggio

• ECG • PA sistemica • PVC • Diuresi oraria • Quando possibile: Sv0 CO e PA polmonare e Pressione capillare polmonare.

Trattamento

• Stretta e precoce sorveglianza al precoce e massimale riempimento vascolare • Saturazione del sangue venoso misto target: > 70% • PA sistemica Sistolica target: > 90 mmHg
• PA sistemica Media: > 70 mmHg • PVC target: 10-12 cmH • Diuresi oraria target: Q.U. > 0,5 ml/kg/ora • Sorveglianza durante la somministrazione di farmaci isotropi, vasoattivi e antiaritmici
• Prevenzione e trattamento delle lesioni da compressione e da decubito Aspetti emo-coagulativi

Rischio

• Piastrinopenia severa • Allungamento dei tempi di coagulazione PT e PU • Aumento D-Dimero • Leucopenia, leucocitosi

Manifestazione

• Sanguinamento acuto severo  • Aumentato rischio di sovrainfezione

Monitoraggio

• Stima ricorrente dell’entitเ del san,guinamento manifesto (ad esempio: ematuria, emoftoe, epistassi, ematemesi) • Ricerca del sanguinamento occulto (ad esempio: gastrico, intestinale, cerebrale) • Attenta sorveglianza dei tramiti dei presidi in sede • Conta piastrinica seriata

Trattamento

• Gestione del sanguinamento in atto • Sorveglianza durante la somministrazione di emoderivati • Prevenzione e trattamento delle lesioni da compressione e da decubito
 

Compromissione dell'Apparato digerente in corso di sepsi

Rischio

• Sofferenza ischemica intestinale  • Insufficienza epatica grave: 
— rialzo enzimatico
— ridotta albuminemia
•allungamento del PT •ridotta sintesi di proteina C e 5

Manifestazione

• Sanguinamento acuto  • Ittero  •Edema, anasarca • Occlusione intestinale, diarrea profusa • Gastroplegia con abbondante ristagno gastrico • Acidosi metabolica • Turbe glicemiche importanti

Monitoraggio

• Stima ricorrente del sanguinamento in atto • Ricerca del sanguinarnento occulto • Controllo frequente del bilancio idro-elettrolitico • Controllo dei tramiti dei presidi in sede • Controllo intensivo dei valori glicemici • Senati controlli ematici di funzionalitเ epatica

Trattamento

• Gestione del sanguinamento in atto • Sorveglianza durante la sommin์strazione di emodenivati • Glicemia target: 80-110 mg/dl • Gestione della nutrizione entrale: trattamento di patologia d’organo (trofismo della mucosa intestinale) • Prevenzione e trattamento delle lesioni da compressione e da decubito • Sorveglianza durante la somministrazione di proteina C attivata

Aspetti metabolici

Rischio: • Acidosi metabolica: — pH < 7,30  — BE <-5; aumento dei lattati circolanti,  iperpotassiemia relativa
Manifestazione
• Polipnea • Aritmie cardiache • Oliguria  • Ridotta efficacia di farmaci isotropi e vasoattivi

Monitoraggio

• EGA senati • Attenta sorveglianza "elettrolitica"  • Monitoraggio della temperatura corporea

Trattamento

• Stretta e precoce sorveglianza al massimale riempimento vascolare  • Sorveglianza durante la alcalinizzazione farmacologia e la correzione elettrolitica
• PVC target: 10-12 cm/H2O
 

gastroepato