La valutazione del paziente con ictus cerebrale

Come valutare un paziente con ictus ?

appunti del dott. Claudio Italiano

cfr prima stroke 2

Continuiamo a valutare il paziente con ictus, stavolta controllando gli altri nervi, il facciale, la risposta motoria agli arti superiori, agli arti inferiori, l'atassia, la sensibilità ed il linguaggio.

4. Paralisi del facciale

 

• 0. Normali movimenti simmetrici
• 1. Paralisi minore (solco nasolabiale appiattito, asimmetria rima labiale)
• 2. Paralisi parziale ( parte inferiore della faccia)
• 3. Paralisi completa di uno o entrambi i lati

5. Risposta motoria agli arti superiori

0. Nessuno slivellamento (l’arto si mantiene a 45° per 10 sec ) •1. Slivellamento (l’arto si mantiene a 45° ma slivella in basso prima dei 10 sec non toccando però né letto né supporti)

•2.Caduta prima di 10 sec (qualche movimento contro gravità)

•3. Nessun movimento contro gravità

•4. Nessun movimento 5a sinistro

5b destro

•9 (NV) amputazione, anchilosi

6. Risposta motoria agli arti inferiori

•0. Nessuno slivellamento (l’arto si mantiene a 30°per 5 sec)

•1. Slivellamento (l’arto si mantiene a 30° ma slivella in basso prima dei 5 sec ; non tocca letto né supporti)

•2.Caduta prima dei 5 sec (qualche movimento contro gravità)

•3. Nessun movimento contro gravità

•4. Nessun movimento 5a sinistro

5b destro

•9 (NV) amputazione, anchilosi

7 . Atassia degli arti

si valuta invitando il paziente a compiere la prova “indice-naso” o toccando col tallone il ginocchio.

•0. Assente

•1. Presente in un arto

•2. Presente in 2 arti

8.Deficit sensitivo

•0. Normale, nessun deficit sensitivo

•1. Deficit sensitivo lieve-moderato:   (il pz è consapevole di essere toccato, ma avverte lo stimolo in maniera ottusa, meno acuta)

•2. Deficit sensitivo grave-totale:   (il pz non si accorge di essere toccato)

9.Linguaggio

al paziente cioè, viene chiesto di :

A) commentare una vignetta: deve dire cosa vede e deve dirlo con linguaggio più fluente possibile

B) deve descrive gli oggetti di un’altra, come nelle figure a fianco e sottostante.

C) deve leggere delle frasi: Tu sai come. Giù per terra.  Sono tornato a casa dal lavoro.  Vicino al tavolo nella stanza da pranzo.  Lo hanno sentito parlare alla radio ieri sera

•0. Assenza di afasia, normale

•1. Afasia lieve-moderata (qualche evidente perdita di scorrevolezza o facilità di comprensione, senza significativa limitazione alle idee espresse o alla forma di espressione)

•2. Afasia grave (tutta la comunicazione avviene attraverso espressioni frammentarie; grande necessità di induzione, interrogazione da parte dell’ascoltatatore)

•3. Mutismo, afasia globale (assenza di eloquio utilizzabile o di comprensione uditiva)

10. Disartria

il paziente deve leggere queste parole:

•MAMMA, TIP-TAP, FITTI- FITTI, OCCHI BELLI, BISBIGLIARE

0. Normale

•1. Lieve-moderata

(il pz articola male alcune parole, al max, può essere compreso con qualche difficoltà)

•2. Grave

(eloquio non intellegibile in assenza di asfasia; pz muto anartrico)

•NV . Intubato o altro impedimento fisico all’articolazione della parola (spiegare)

11. Estinzione e Inattenzione

•0. Nessuna anormalità

•1. Inattenzione o estinzione visiva, tattile, spaziale o somatica alla stimolazione simultanea bilaterale in una delle modalità sensoriali

•2. Profonda emi-inattenzione o emi-inattenzione a più di una modalità; non riconosce la propria mano o si orienta solo verso un lato dello spazio

Link in tema dell'ictus:

L'ictus cerebrale

Il paziente con encefalopatia multinfartuale

Il paziente vascolare con ictus ischemico o emorragico

il paziente con stenosi della carotide: che fare e perchè e con

La chirurgia vascolare ed il suo ruolo nell'ischemia cerebrale

Intervento di endoarteriectomia

L'ictus emorragico, segni e sintomi vs ictus ischemico

Il rischio cerebrovascolare

ictus- classificazione

ictus- l'esame del paziente

ictus- la diagnostica

ictus- la cura, oggi

vedi stroke parte 3

Hai visto le altre belle pagine di medicina su gastroepato