S.Leonardo

S. Leonardo

La chiesa dedicata a S. Leonardo e l’annesso convento testimoniano la presenza delle suore benedettine a Monopoli.

I lavori di edificazione si svolsero nella prima metà del settecento e furono diretti dall’architetto Mauro Manieri, famoso per aver realizzato importanti opere a Lecce, Taranto e Brindisi.

Infatti, da un punto di vista puramente architettonico, la chiesa rivela un evidente influsso del barocco leccese, tuttavia, non mancano apporti del barocco napoletano, in particolare l’altare maggiore presenta nei marmi una policromia tipica della scuola napoletana.

La presenza delle suore di clausura è ben visibile per via delle grate dietro le quali le monache assistevano alle funzioni senza essere viste.

Molte sono le ricchezze di questa chiesa, tra le quali, il pavimento dell’altare maggiore in maiolica.

Con l’Unità d’Italia il governo centrale emanò un decreto che confiscava tutti gli edifici ecclesiastici, così le benedettine furono costrette ad abbandonare Monopoli.

Nel corso del tempo il monastero, oggi di proprietà del comune, è stato sede di numerosi edifici scolastici.

La chiesa, invece, dagli inizi del XX secolo, ospita la confraternita di S. Giuseppe che egregiamente ne cura l’apertura e i restauri di cui periodicamente necessita la struttura.

La confraternita organizza una serie di manifestazioni, tra le quali spiccano quelle per il 19 marzo giorno in cui ricorre la festività di S. Giuseppe.