Fauna

Quasi come spiriti provenienti da epoche ormai lontane, posti a custodia dei tesori della montagna, il lupo ed ilgatto selvatico corrono ancora lungo i sentieri, le vette e le valli dell'Oasi. Oltre alla loro incredibile presenza nell'area vivono indisturbati faina, martora, puzzola, tasso, volpe e donnola. Nella grotta dello Scalandrone trova rifugio un pipistrello, il rinofolo minore o ferro di cavallo, minacciato in quasi tutta Italia. Tra le specie preda piu' importanti ricordiamo la rarissima lepre italica, il cinghiale, il ghiro, il moscardino, la talpa romana.

Per quanto riguarda gli uccelli si puo' ammirare il maestoso volo dell'aquila, la poiana, il gheppio, gli elusivi picchi tra cui, il signore della foresta , il picchio nero. Il canto delle cince, delle capinere, degli usignoli, dei pettirossi e degli scriccioli allargano il panorama a percezioni sonore uniche ed irripetibili. Anche gli anfibi e i rettili dell'Oasi nascondono delle sorprese come la salamandrina dagli occhiali (delicatissimo endemismo italiano), la coronella austriaca (bellissimo serpente sensibile a qualunque modificazione dell'habitat).


















Per saperne di piu'