.....(Schema centralina)

NOTA IMPORTANTE QUESTA COSTRUZIONE E' PURAMENTE DIDATTICA, COMUNQUE VA RICORDATO CHE QUANDO SI LAVORA CON LA TENSIONE DI RETE, O VICINO A IMPIANTI DOVE SI USA ENERGIA (ELETTRICA,GAS,VAPORE,ECC.) SI DEVE SEMPRE PRENDERE TUTTE LE PRECAUZIONI NECESSARIE PER RISPETTARE LE NORME DI SICUREZZA SIA NELL'ISOLAMENTO ELETTRICO, MESSA A TERRA ,SALVAVITA, MATERIALI A NORME,ECC. COME PURE IL CIRCUITO DEVE ESSERE DOTATO DI PROTEZIONI ELETTRONICHE PER UN EFFICENTE E SICURO FUNZIONAMENTO. OLTRE A QUESTO CI SONO POI DEI LIMITI LEGISLATIVI CHE VIETANO ALLE PERSONE INCOMPETENTI (O SENZA PATENTINO) DI MANOMETTERE INVOLONTARIAMENTE APPARECCHIATURE IL CUI CATTIVO FUNZIONAMENTO POTREBBE ESSERE PERICOLOSO PER L'INCOLUMITA' DELLE PERSONE.

DESCRIZIONE Questa semplice centralina elettronica potrebbe sopperire al noto difetto dei meno recenti scaldabagno che hanno la valvola di tenuta per la mandata del gas al bruciatore alimentata dalla corrente della termocoppia. Con il tempo a motivo dell'usura il magnete perde le sue caratteristiche, e alla fine manca la tenuta,anche se la termocoppia funziona egregiamente. Per ovviare a questo difetto abbastanza evidente, le case costruttrici ora li costruiscono con il controllo elettronico alimentato a pila con un sistema di certo molto moderno. Tuttavia si potrebbe ovviare all'inconveniente con una centralina automatica ESTERNA che genera una corrente a bassa tensione di poco inferiore ad 1Amp. per l'elettrovalvola che allo stesso tempo viene comandata automaticamente dalla tensione della sonda di temperatura (della spia accesa)a termocoppia. Questa centralina si potrebbe accendere manualmente solo quando necessaria l'acqua calda e se dovesse spegnersi la fiamma della spia, dopo alcuni secondi cadrebbe la corrente di tenuta e la valvola del gas si chiuderebbe automaticamente.

(Vai a pagina1)