Actinomiceti

Actinomiceti

 

Nocardia e Actinomyces sono batteri filamentosi debolmente Gram-positivi. Nocardia è un microrganismo alcol-acido-resistente ed aerobio, ubiquitario e saprofita, che si trova in materiale organico e nelle acque. Si conoscono almeno 30 specie del genere Nocardia e 13 di essi sono considerati responsabili di malattia nell’uomo e di continuo si repertano nuove specie di nocardia. Il batterio Nocardia asteroides è responsabile della maggior parte dei casi di Nocardiosi negli Usa, mentre altrove dominano altre specie. Nocardia può dare mastite nei bovini e nocardiosi sporotricoide nei cavalli. Quando si osservano al microscopio, sia in strisci colorati con Gram, sia in campioni clinici o colture o nei tessuti, i batteri di Nocardia si presentano ramificazione, a perline, filamentosi, gram-positivi, con una morfologia caratteristica. Le forme di Nocardiosi cutanea, sottocutane e linfocutanea si determinano a seguito di inoculazione traumatica, con necrosi suppurativa ed ascessi. Queste infezioni non sono necessariamente associate al paziente immunodeficiente anche se ciò è più probabile. La nocardiosi pleuropolmonare si determina per inalazione di batteri, mentre la disseminazione ematogena si attua a partire da focolai pleuropolmonari. Ciò si verifica più facilmente nei pazienti immunocompromessi.

 

 
Actinomyces

Non presenta queste caratteristiche e si localizza a livello buccale e vaginale, provocando ascessi e osteomieliti cervice-facciali; nella forma cervico facciale, la via di ingresso più frequente è un dente malato; polmoniti con empiema e ascessi intra-addominali e pelvici, spesso conseguenti all'uso di contraccettivi intrauterini. I microrganismi responsabili, anaerobi gram +, specie dell'Actinomyces o del Propionobacterium (più comunemente A. israelii), sono spesso presenti come commensali sulle gengive, sulle tonsille e sui denti. Nocardia provoca polmoniti e ascessi cerebrali: circa la metà dei pazienti infettati presenta un grave deficit dell'immunità cellulo-mediata. Entrambe queste infezioni richiedono un trattamento di lunga durata. Actinomyces è relativamente sensibile alla maggior parte degli antibiotici; la penicillina è il farmaco di scelta. Le infezioni da Nocardia vengono trattate con sulfamidici ad alte dosi. Le lesioni caratteristiche consistono in un'area indurita con ascessi multipli, piccoli e comunicanti, circondati da tessuto di granulazione. Le lesioni tissutali tendono a formare tratti fistolosi che comunicano con la pelle e drenano materiale purulento contenente granuli sulfurei giallastri. Tuttavia molte, se non la maggior parte delle infezioni, sono polimicrobiche, con altri batteri (anaerobi del cavo orale, stafilococchi, streptococchi o Enterobacteriaceae) frequentemente coltivati dalle lesioni. L'actinomicosi si manifesta il più delle volte in soggetti adulti di sesso maschile. nella forma toracica, la malattia polmonare è conseguente ad aspirazione di secrezioni orali; nella forma addominale, la malattia risulta presumibilmente da una rottura nella mucosa di un diverticolo, dell'appendice o durante un trauma; nella forma pelvica localizzata, l'actinomicosi è una complicanza di alcuni tipi di spirale. Raramente si verifica la propagazione dalla localizzazione primaria, probabilmente per diffusione ematogena dal primitivo sito di infezione.

Sintomi

I sintomi variano e dipendono dagli organi interessati.

Polmoni (nocardiosi polmonare):
Dolore toracico durante la respirazione (possono verificarsi improvvisamente o lentamente)
Emottisi
Febbre
Sudorazione notturna
Perdita di peso

Nocardiosi cerebrale

Infezioni da actinomiceti alla bocca

Infezioni da actinomiceti alla bocca

- Febbre

- Mal di testa
La perdita della funzione neurologica (a seconda della parte del cervello interessata)

Pelle

Può diventare infezione cronica (micetoma) e sviluppare tratti drenanti
Ulcere o noduli con infezione a volte diffondendo lungo linfonodi
Alcune persone con infezione da Nocardia non hanno sintomi.
 La maggior parte dei pazienti risponde a cicli prolungati di terapia antibiotica anche se lentamente a causa dell'esteso indurimento dei tessuti e della fibrosi relativamente avascolare. Pertanto il trattamento deve essere continuato per almeno 8 sett. e occasionalmente per 1 anno fino a che siano regrediti i segni e i sintomi. Può essere necessaria l'esecuzione di interventi chirurgici estesi e ripetuti. Alcune volte i piccoli ascessi devono essere aspirati, i più grandi drenati o le fistole escisse chirurgicamente. Alte dosi di penicillina G, di solito 12-18 milioni U/die EV

 

indice argomenti di infettivologia