Neoplasia e sue problematiche

per info  Inf.prof.le Franco Lembo    

Il webmaster, dott. Claudio Italiano, ringrazia per la cortesia ricevuta circa la pubblicazione del presente lavoro.

Link correlati al tema:

Come gestire il paziente con tumore a casa: i problemi

Come gestire il dolore del paziente con tumore: i farmaci

Le metastasi ossee, come gestire il paziente con metastasi ossee

Come gestire il paziente con tumore a casa: la cura

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico: neoplasie e problematiche

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico dopo chirurgia e chemio

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico: i port

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico: tracheostomia port

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico: colostomia

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico: il dolore

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico: palliazione

L'assistenza infermieristica del paziente oncologico: hospice

 

 

Problematiche connesse con la gestione del  paziente oncologico

• CONCETTI E DEFINIZIONI
• COMPORTAMENTO BIOLOGICO
• EZIOLOGIA DEL CANCRO
• PROFILASSI DEI TUMORI
• STADIAZIONE TNM
• PROBLEMI ASSISTENZIALI E DI CURA IN CASO DI RADIAZIONI
• VANTAGGI E SVANTAGGI INTERVENTO CHIRURGICO
• PROBLEMI ASSISTENZIALI SPECIFICI DOPO INTERVENTO CHIRURGICO
• CHEMIOTERAPIA: PRINCIPALI EFFETTI COLLATERALI
• LA SITUAZIONE DEL MALATO
• IL COMPORTAMENTO DI CHI LO ASSISTE
• IMPIANTO E GESTIONE DEL PORT-A-CATH
• LA TRACHEOSTOMIA
• LA COLOSTOMIA
• AIUTARE IL PAZIENTE NELLE VARIE ATTIVITA’ DI VITA

Concetti e definizioni della neoplasia

Lo stadio precanceroso e’ la fase preparatoria alla formazione di una tumefazione maligna

-Il tumore primario e’ il focolaio di partenza di una malattia tumorale maligna;
-la metastasi e’una proliferazione a distanza del tumore maligno, esse si realizzano:
Per via linfatica,
Per via ematica,
Per proliferazione
In relazione al decorso ed alla cura si usano i seguenti termini:
-remissione significa la riduzione di uno o più focolai tumorali,
-durata della remissione significa quel lasso di tempo che intercorre dalla riduzione dei sintomi fino alla dimostrazione certa di un ulteriore crescita della neoplasia o metastasi,
-recidiva significa la ricaduta o la ricomparsa della malattia dopo una cura apparentemente riuscita,
-progressione e’ la proliferazione documentata della crescita tumorale.
 

Comportamento biologico

La neoplasia può avere origine benigna o maligna a seconda delle caratteristiche delle cellule neoplastiche. In particolare si chiama:
- cancro quando ha caratteristiche infiltranti e recidiva molto spesso dopo resezione chirurgica.
-Si definisce invece tumore quando ha caratteristiche non infiltranti ma espansive e presenta un basso tasso di recidiva dopo asportazione chirurgica.
In alcuni casi i tumori presentano un comportamento intermedio tra la malignità e la benignità (borderline) o risultano inclassificabili,in questi casi generalmente la frequenza delle metastasi e’ molto bassa e il decorso è lento. Generalmente i tumori vengono inoltre divisi in solidi, semisolidi e liquidi.

Eziologia del cancro

Vista la grande varietà di tumori non sorprende il fatto che non vi sia e non vi sarà probabilmente mai una sola causa comune che li provoca. Conosciamo solo alcuni fattori di rischio:
-Radiazioni, l’esposizione prolungata ed intensa della pelle alle radiazioni ultraviolette, radioattive ed ai raggi x.
-Sostanze cancerogene chimiche, arsenico,nichel, amianto, inquinamento ambientale, additivi negli alimenti.
-Regime alimentare, la mancanza di fibre, il contenuto alto di grassi.
-Fumo, l’inalazione del fumo di sigaretta è oggi la causa più nota dell’aumentata incidenza del carcinoma del cavo orale, cancro del polmone, laringe, cancro esofago.

Profilassi dei tumori

Si distingue in:
-profilassi primaria con l’adozione di misure per prevenire la comparsa della malattia:-educazione igienico sanitaria della popolazione con l’informazione attiva sull’effetto nocivo della nicotina e con l’incitamento a seguire una vita ed una alimentazione sana;
-l’organizzazione tecnica per proteggere i lavoratori da fonti di radiazioni e dall’eliminazione delle sostanze chimiche cancerogene;
-leggi adeguate sulle sostanze impiegate dall’industria alimentare;
 -profilassi secondaria con l’individuazione precoce del processo oncologico, laddove la prevenzione non sia più possibile per scarsa conoscenza delle cause o per l’impossibilita’ ad eliminarle. Si tratta di sfruttare ogni ragionevole possibilità per un’individuazione precoce della malattia che,in molti casi avrebbe buone probabilità di guarigione se individuata nel primo stadio.

Classificazione TNM

Il parametro T può essere 1, 2, 3, 4 a seconda della sua grandezza (1 piccola, 4 grande).
Il parametro N indica lo stato dei linfonodi vicini al tumore, se è 0 sono del tutto indenni, altrimenti può valere 1, 2, 3 con gravità via via crescente.
Il parametro M indica la presenza di metastasi a distanza, esso può valere solo 0 (nessuna metastasi) o 1 (presenza di metastasi).
Un parametro rappresentato da una "x" (ad esempio, T2N1Mx) indica che non si conosce l'esatta estensione a distanza della malattia per il quale sono necessari ulteriori esami di approfondimento (ad esempio: ecografia, radiografia del torace, TAC, RMN, scintigrafia ossea total-body etc.).

La terapia

Il problema principale nella terapia dei tumori e’ che il sistema immunitario del paziente non distingue le cellule tumorali da quelle sane, e quindi non reagisce alla loro presenza,o non reagisce con sufficiente energia.  La grande velocità di riproduzione delle cellule cancerose le rende però molto più vulnerabili alle radiazioni rispetto ai tessuti sani:questa debolezza viene sfruttata per curare molti tipi di tumori solidi con la radioterapia. La chemioterapia invece sfrutta la sensibilità specifica dei singoli tumori a determinate sostanze,e per ogni pz viene studiata una miscela personalizzata di più farmaci. Quasi sempre in questo cocktail su misura sono presenti uno o più inibitori della mitosi, per ostacolare la proliferazione cellulare.
L’intervento chirurgico serve ad asportare tutto o gran parte di un tumore tecnicamente operabile.


segue assistenza paziente oncologico dopo la chirurgia