Battaglia di Milazzo e GaribaldiTratto da “la voce di Milazzo” Garibaldi, Battaglia di Milazzo, al Ponte

La Battaglia di Milazzo

 

(Mary Cowden Clarke)* Sulla battaglia garibaldina di Milazzo del 20 Luglio 1860 Girolamo Fuduli ha scoperto una lirica della poetessa inglese Mary Cowden Clarke.

La pubblichiamo insieme a un breve commento.

  • La Battaglia di Milazzo - parte prima Fine di un Regno e nascita di una Nazione,

  • Le idee politiche dei patrioti milazzesi del Risorgimento

  • Lo scrittoreFederico De Roberto, Milazzo e l'illusione

  • La battaglia di Garibaldi a Milazzo: la figura dell'eroe Alessandro Pizzoli

  • La battaglia di Garibaldi ed i Milazzesi

  • La battaglia di Milazzo: Milazzo teatro di scontri o i milazzesi a fianco di Garibaldi?
  • La Battaglia di Milazzo1

  • La Battaglia di Milazzo2

  • La Battaglia di Milazzo che non c'è stata

  • La Battaglia di Milazzo attraverso i documenti critici e la loro revisione

  • Garibaldi a Milazzo

     

    Il nostro bivacco notturno su quel terreno solitario, il castello in rovina sulla collina,
    i nostri soldati sparsi qua e là,
    l'aria estiva così calma, così immobile,
    i fuochi dei bivacchi sprigionavano una luce irregolare -
    ora ombre più oscure si levavano da una parte e dall'altra,
    ora macchie di un rosso scialbo, ora vivide, -tutto tenuamente stava divenendo meno intenso là dove
    il cielo lontano verso oriente cominciava ad impallidire e a screziarsi per l'imminente aurora,
    quell'alba per ciascun uomo foriera della battaglia contro il servaggio che ne aveva tormentato
    io spirito: la vedo adesso, -tutta quella scena impressionante, -
    i miei compagni distesi
    immersi in quel sonno sereno simile alla morte, -
    (ahimè, ben presto potrebbero essere morti
    davvero, pensai!) - la notte -, il mattino, -
    l'alzarsi bruscamente con un profondo respiro, -
    il raccogliere in fretta quelle armi da noi impugnate
    altre volte per la sacra causa -
    l'entusiasmo di soldati che si mettono in formazione,
    senza pensarci un attimo e senza alcun indugio, -
    per unirsi alla gloriosa impavida schiera
    di colui che ci spronava a realizzare le nostre aspirazioni, la fiducia del nostro paese,
    la totale libertà dalle opprimenti catene
    che a lungo ci avevano tenuti nella polvere.
    Lo trovammo, Garibaldi, lì
    vigile e pronto alla battaglia;
    la sua bocca rigida e immobile, composto il suo contegno;
    tuttavia lo sguardo ardente e vivace
    esprimeva un appassionato proposito, risoluto,
    inestinguibile, come sin dall'inizio
    era sempre stato: lì tra tutti noi incombeva, il suo sguardo desideroso
    di agire; quieto tutto il resto,
    e calmo e naturale; l'audace mano
    sulla spada, l'altra sul fianco; il suo petto
    non era più avvolto dal corsetto ma dalla fascia
    che con non-curanza cingeva la rossa, celebre marziale camicia.
    Mandò avanti il nostro piccolo battaglione
    per favorire il passaggio
    di un ponte ritenendo ciò assai importante:
    con qualche successo e con qualche perdita,
    affrontammo una batteria difesa
    da alcuni Cacciatori napoletani:
    da ciò, lo sapevamo bene, dipendeva
    la grande, auspicabile gloria, -
    la conquista del ponte. Un fragore
    di armi da fuoco ora ci faceva indietreggiare
    e ancora di più: gli spari fragorosi
    del cannone, e l'azione fulminante
    di baionette contrassegnavano il luogo:
    lì stava ritto il nostro Generale, faccia al nemico,
    impassibile in mezzo al grandinare di colpi,
    come se fosse un condannato, o non
    avesse percezione del grave rischio:
    Alla vista di lui, così magnificamente coraggioso,
    così sicuro, incurante del pericolo, i miei compagni esplosero in delirio
    diffuso di "Viva Garibaldi!"
    e "Viva l'Italia" squarciò il cielo:
    io guidavo la carica mentre correvamo veloci in avanti:
    non appena ci vide, levò in alto le braccia; e correndo verso di me
    con forti pugni colpì
    il mio petto, urlando chiaramente:
    "Andate indietro, pazzi! Indietro! Desistete!
    Qui sarete fatti a pezzi tutti"!
    Ma niente avrebbe potuto spingermi indietro:
    mi resi conto che guadagnare quella posizione era tutto;
    una seconda corsa, un attacco, e una carica, davanti alla palla di cannone
    distante non più di quaranta passi:
    lanciai uno sguardo: ma in quattro o cinque mi erano accanto,
    miei fedeli "valorosi", legati
    da fratellanza nel pagare caro
    un successo fortemente desiderato, finalmente ottenuto,:
    la via era cosparsa di morenti, di morti;
    alcuni colpiti a morte giacevano a terra
    con larghe ferite da cui sgorgava copioso sangue;
    altri con occhi fissi sbarrati e irrigiditi;
    altri placidamente sorridenti come bambini;
    altri ancora con un ultimo disperato bisbiglio,
    con un'accorata preghiera, con un confuso addio.
    Accanto a me tenevo il mio valoroso amico,
    il coraggioso Lombardi, che si era scagliato
    tra i primi; un crudele scoppio di moschetto aveva fatto saltare la sua mano destra:
    ed io ero stato colpito al petto in modo così assordante, che pensai quasi
    di dover morire: ma poi un segno che ero ancora vivo, prese rapidamente
    forma di dolore, - un'altra palla
    colpì perforando, la mia gamba, e mi fece
    capire che ero ancora vivo: la mia caduta
    vi fu ma su un terreno riparato: da qui rotolai
    e strisciai per mettermi a riparo di una casa:
    lì dietro l'angolo trovai un gruppo di compagni che si erano rifugiati in quei pressi,
    con Garibaldi sano e salvo;
    sebbene tutt'intorno a loro volassero ancora
    proiettili con fischi forti e acuti.
    Il coraggioso Migliavacca improvvisamente cadde,
    un proiettile lo aveva colpito in testa;
    il nostro concitato parlare era da poco cessato,
    prima che lo scorgessimo senza vita, morto!
    E mentre con pietoso e fremente sguardo
    lo osservavamo, Cosenz subito dopo
    ricevette un colpo che gli squarciò
    la gola; ma lui con un sorriso indifferente esclama: "Non è niente, non è una ferita
    importante". Sì, noi tutti
    avevamo ragione di esultare e celebrare
    una vittoria; poiché la fine di quel giorno
    ci vide padroni del campo.
    L'importante ponte era stato preso e oltrepassato,
    la stessa Milazzo fu costretta ad arrendersi,
    una conquista e certamente non la nostra ultima. 'Le vere parole di Garibaldi sono anche più severe e vigorose nel suo vernacolo: "Indietro canaglie che andate a farvi massacrare".
    *Mary Cadwen Clarke curò insieme al marito Charles un'opera omnia su William Shakespeare.

    Nel variegato panorama delle opere poetiche dedicate alla battaglia garibaldina di Milazzo del 20 Luglio 1860, al di là della letteratura così detta alta (quella di D'Annunzio o di Pascoli, tanto per intenderci), bisogna prendere atto che e 'è tutto un fiorire di componimenti per così dire "minori" : tanto per fare qualche citazione, il romanzo storico del milazzese Antonino Marulli, la poesia popolare di Mario La Fata e di Antonino Giunta, anche in vernacolo. Sono opere che si conoscono. È stata, invece, per me una grande sorpresa l'apprendere di una lirica composta nel 1860, pochi mesi dopo il sanguinoso scontro, da una poetessa inglese, Mary Cowden Clarke, che la pubblicò nella prestigiosa rivista "The Atheneum" di Londra il 22 Settembre 1860. C'è da chiedersi, anzitutto, come la scrittrice inglese, assai lontana dai fatti liricamente rac­contati, abbia potuto ritrarre con così potente realismo una fase particolarmente drammatica della battaglia garibaldina di Milazzo, quella che si svolse in quella parte della città che una volta era denominata contrada ponte. A me è venuto da pensare che l'autrice, più che attingere al racconto dal vivo di un testimone diretto dello scontro, abbia tratto ispirazione da uno dei reportage giornalistici che in quei giorni fiorirono in buon numero e da Milazzo seppero rac­contare con dovizia di particolari l'epico scontro a una opinione pubblica inglese ammiratrice di Garibaldi e assetata di novità. Non a caso la poetessa intesta il racconto a un combattente che non può che essere un garibaldino italiano: in prima persona egli parla di Garibaldi, inneggia all'Eroe e all'Italia, racconta dei morti e dei feriti lì presso il Ponte. È un racconto al quale la Mary Cowden Clarke imprime l'andamento di una cronaca in diretta, senza svolazzi retorici e con quella asciut­tezza di toni, che nella seconda metà dell''800 caratterizzò la letteratura del realismo europeo. Se, all'inizio della lunga lirica, l'autrice sembra indulgere a una sorta di romanticismo nella descri­zione del paesaggio corrusco dello scontro, con "il castello in rovina sulla collina " e il gioco delle ombre e delle luci sul far dell'alba, ben presto il discorso poetico si fa racconto minuto e preciso della battaglia, con i suoi morti e i suoi feriti, con Migliavacca e Cosenz e altre decine di garibaldini che giacciono presso il Ponte. Alla fine viene conquistato, ma a quale prezzo! Impassibile lo sguardo della poetessa registra uno scenario di morte.

    indice argomenti su Milazzo