Ansia,  depressione e bpco

 

appunti del dott. Claudio Italiano

Studi sui fattori psicosociali nei pazienti affetti da BPCO indicano che ansia, depressione e alcuni sintomi psichiatrici, come gli attacchi di panico,  in particolare, sono comuni. Gli attacchi di panico sono episodi di improvvisa ed intensa paura o di una rapida escalation dell’ansia normalmente presente. Sono accompagnati da sintomi somatici e cognitivi, quali palpitazioni, sudorazione improvvisa, tremore, sensazione di soffocamento, dolore al petto, nausea, paura di morire o di impazzire, brividi o vampate di calore. Talora questi sintomi possono essere correlati all’impiego dei farmaci che normalmente vengono utilizzati nel paziente e, cioè, β2 stimolanti, teofillinici, cortisonici, che di norma, come effetto collaterale, danno appunto ansia, tremori e palpitazione.  Chi ha provato gli attacchi di panico li descrive come un’esperienza terribile, spesso improvvisa ed inaspettata, almeno la prima volta. E’ ovvio che la paura di un nuovo attacco diventa immediatamente forte e dominante. L’evitamento di tutte le situazioni potenzialmente ansiogene diviene la modalità prevalente ed il paziente diviene schiavo del suo disturbo, costringendo spesso tutti i familiari ad adattarsi di conseguenza, a non lasciarlo mai solo e ad accompagnarlo ovunque, con l’inevitabile senso di frustrazione che deriva dal fatto di essere "grande e grosso" ma dipendente dagli altri, che può condurre ad una depressione secondaria.  Il paziente broncopatico presenta un disagio psicologico e scarsa stima di sé avranno chiaramente un impatto sulle capacità del paziente di svolgere le normali attività della vita quotidiana. Tuttavia, in alcuni pazienti le sequele psicologiche sono minime o assenti. La BPCO viene spesso associata a scarsa accettazione del proprio corpo, solitudine, ridotto supporto sociale e mancanza di autostima.

Fattori sociali che aggravano il quadro clinico.

Circa il 44% dei decessi per malattie respiratorie si associa a diseguaglianze sociali. I Fattori sociali, quali disponibilità di alloggio, influenzano la capacità di gestione a domicilio del paziente e il benessere generale e mentale del soggetto. I gruppi Breathe Easy ("respira facile) offrono supporto sociale e interazioni di gruppo. Per i pazienti impossibilitati a frequentare gli incontri sono disponibili opuscoli informativi e linee telefoniche di assistenza.

 

Facilitazioni/esenzioni

Semplici consigli sulle facilitazioni/esenzioni disponibili e su come otte-nerle aiutano i pazienti a preservare la propria indipendenza e qualità di vita.  L'esatta prevalenza di ansia e depressione nella BPCO non è del tutto nota. La prevalenza dell'ansia sembra variare tra il 2% e il 34%, mentre la prevalenza della  depressione si attesta attorno al 42% nei pazienti con BPCO in forma moderata-grave. La  depressione può risultare maggiormente prevalente nella BPCO rispetto ad altre condizioni cliniche. Ciò non sorprende, data la natura cronicamente progressiva della malattia. La depressione può essere ritenuta una ragionevole risposta psicologica al progressivo aumento delle limitazioni imposte dalla malattia. I pazienti affetti da BPCO rimangono sempre più confinati a casa e possono ritenersi emarginati dal sistema sanitario.

Sintomi depressivi sono frequenti in pazienti con malattia in forma grave, i quali hanno un rischio 2,5 volte maggiore di depressione. E importante tenere attentamente sotto controllo i sintomi ascrivibili a una possibile depressione e trattarli adeguatamente. Ansia e disagio sono legati alla mancanza di fiato. La dispnea è causa di ansia e stress, i quali a loro volta portano a iperventilazione con conseguente mancanza di fiato, dando il via a un circolo vizioso conosciuto come ciclo del panico. Le forti emozioni interferiscono con la respirazione e lo stress emotivo TJUÒ precipitare sintomi quali il broncospasmo. E spesso difficile stabilire se le emozioni siano la causa o l'effetto dei sintomi respiratori. I sazienti affetti da BPCO utilizzano spesso i disturbi somatici per mascherare le proprie preoccupazioni emotive.

Che fare in caso di depressione ed ansia nella bpco?

L'American College of Chest Physicians e l'American Association sf Cardiovascular and Pulmonary Rehabilitation hanno riscontrato scarse dimostrazioni sull'efficacia degli interventi psicosociali a breve Termine come singole modalità terapeutiche, ma riconoscono che inter-venti a lungo termine possono essere di beneficio. Se un paziente è in grado di limitare i propri problemi psicosociali, diventerà più capace di affrontare la malattia e vivrà più a lungo.

Gli obiettivi principali del supporto psicosociale sono:Immagine radiografica di un "brutto torace" di fumatore

a) Promuovere la speranza e l’ottimismo nel paziente; spesso è più importante dare coraggio più che semplici farmaci ed anche una parola di conforto e la disponibilità del medico può aiutare il paziente.
b) Trattare gli attacchi di panico
c) Minimizzare l’impatto psico-fisiologico sulla vita quotidiana
d) Fornire supporto per aumentare la capacità di adattamento
 Riconoscere la depressione

Caratteristiche cliniche della depressione:

· pianto e tristezza protratta
· perdita di interesse e incapacità di godere la vita
· scarsa capacità di attenzione e concentrazione
· perdita di autostima e tendenza autosvalutativa
· visione negativa del futuro e del mondo in generale
· riduzione del sonno e dell'appetito

Trattamenti utili per l'ansia e la depressione

· tecniche di rilassamento
· controllo degli attacchi di panico
· allenamento della respirazione r insegnamento di tecniche di adattamento
· conservazione delle energie
· supporto psicologico
 

Educazione

L'educazione è importante a tutti i livelli della malattia. Gli interventi educativi devono comprendere spiegazioni sulla natura della malattia, sull'utilizzo e sullo scopo dei farmaci per la BPCO, nonché sulle tecniche volte a preservare il benessere e l'indipendenza. Vanno forniti consigli a intervalli regolari sulle modificazioni dello stile di vita e l'importanza dell'esercizio fisico

Gli interventi educativi vanno adattati in base al deterioramento delle condizioni del paziente, come pure all'insorgenza di una crisi o di riacutizzazioni. E importante che l'assistenza a lungo termine venga gestita da un gruppo che posizioni il "paziente edotto" al centro dell'attenzione, in quanto questo approccio può aiutare a mantenere la qualità di vita del paziente

Per approfondire il tema della bronchite cronica:

Bronchite cronica e riacutizzazioni

Bronchite cronica:  la cura  

Bronchite cronica: la storia naturale

Bronchite cronica: malattia sistemica

Bronchite cronica: approccio al paziente 

Bronchite cronica: impiego del ventilatore meccanico

La riacutizzazione della bronchite cronica ostruttiva

La difficile cura della riacutizzazione della bronchite cronica, introduzione

La difficile cura della riacutizzazione della bronchite cronica, beta-2 stimolanti, mucolitici, ossigenoterapia

enfisema

fibrosi polmonare

index di pneumologia