Nuovi farmaci per la BPCO

appunti del dott. Claudio Italiano

Per approfondire il tema del trattamento della bronchite:

Algoritmo per la cura della riacutizzazione della bronchite cronica  

La difficile cura della riacutizzazione della bronchite cronica, beta-2 stimolanti, mucolitici, ossigenoterapia  

La difficile cura della riacutizzazione della bronchite cronica, un nuovo Beta 2 long-acting, l'indacaterolo

L'industria farmaceutica sta investendo ingenti risorse per sviluppare  farmaci che forniscono benefici ai pazienti con malattia polmonare ostruttiva  cronica (BPCO). Gli inibitori della fosfodiesterasi 4 (PDE4) sono tra i  farmaci che generano speranza circa due importanti obiettivi della gestione  della BPCO, sollievo dei sintomi e  riduzione del rischio di riacutizzazioni.  Nel corso degli ultimi dieci anni, studi randomizzati sponsorizzati  dall'industria farmaceutica di fase II e III, sono stati condotti per  esplorare l'efficacia e la sicurezza degli inibitori della PDE4, il  cilomilast ed il Roflumilast nei pazienti con BPCO. Diveranno questi  inibitori della PDE4 la pillola magica necessaria per la lunga cura dei  pazienti con BPCO? La review di alta qualità sistematica condotta da parte di Chong e colleghi,  getta una luce sui benefici e sui danni associati con gli inibitori PDE4.  La  revisione pubblicata da Cochrane identifica 23 studi pubblicati e non  controllati con placebo su cilomilast e Roflumilast che comprendeva 15.668  pazienti con BPCO con una vasta gamma di gravità della malattia e che aveva  una durata media di circa sei mesi. La meta-analisi mostrano risultati misti  per i risultati benefici o dannosi: sia cilomilast e Roflumilast hanno  ridotto il rischio di riacutizzazioni e portato a miglioramenti della  funzione polmonare di chiara rilevanza clinica rispetto al placebo, ma i  sintomi rimasti, la qualità di vita correlata alla salute del paziente o la  capacità di esercizio sostanzialmente restano inalterati.  

 

Entrambi i farmaci,  anche se un pò di più per cilomilast, sono stati associati a diarrea,  nausea, dolori addominali, mal di testa e perdita di peso inspiegabile che  hanno portato al ritiro dal trattamento farmacologico. Una conclusione  importante che gli autori trarre da questa revisione sistematica è che è  probabile che gli inibitori PDE4 possano agire indipendentemente da  broncodilatatori a lunga durata d'azione, che sono stati ammessi in qualità  di co-farmaci nella maggior parte delle prove. Una recente meta-analisi  supporta questa conclusione, dato che suggerisce che i trattamenti di  combinazione che comprendono gli inibitori PDE4 ridurre il rischio di  riacutizzazioni in misura maggiore rispetto ai trattamenti di combinazione  senza inibitori PDE4.   A questo punto, è difficile giudicare il beneficio netto di inibitori PDE4, e  se i benefici superano i danni.

Questa incertezza si riflette la storia di  regolamentazione dei due farmaci. Cilomilast è stato presentato negli Stati  Uniti Food and Drug Administration (FDA) nel dicembre 2002.    Una riunione del  consiglio consultivo della FDA si è tenuta nel settembre 2003 dove la  maggioranza ha votato contro cilomilast poiché i dati di efficacia non sono  state convincenti e per motivi di sicurezza.  Di conseguenza, la FDA non ha  approvato il farmaco, ma ha emesso un documento di approvazione per  l'indicazione di BPCO, con la richiesta di studi a lungo termine.  Non è  chiaro se tali studi a lungo termine sono state completate e se Immagine radiografica di un "brutto torace" di fumatore l'approvazione è ancora un obiettivo per cilomilast. Per Roflumilast, la  storia è in qualche modo simile. Nel luglio 2009, l'azienda produttrice ha  presentato una New Drug Application alla FDA. In un voto ampiamente  pubblicizzato, il consiglio consultivo della FDA ha votato in aprile 2010  contro Roflumilast a causa degli effetti avversi troppi che avrebbe  compensato il modesto beneficio.  Tuttavia, l'Agenzia europea dei medicinali  ha approvato Roflumilast nel 2010 , e la FDA ha recentemente seguito a questa  decisione con l'approvazione del Roflumilast per l'indicazione di ridurre il  rischio di riacutizzazioni (marzo 2011). Il disegno dello studio deve essere  adeguate a dimostrare la rilevanza clinica effetto benefico di Roflumilast  come terapia aggiuntiva rispetto a un agonista long-acting beta e  corticosteroide inalatorio combinazione a dose fissa di trattamento ", che,  tuttavia, non sembra risolvere i problemi di sicurezza che esistono.   Il rapporto beneficio-danno di Roflumilast, o più in generale di PDE4  inibitori, è al centro del dibattito. Tuttavia, una valutazione completa e  trasparente beneficio-danno, che guida le decisioni su una politica o di un  livello individuale del paziente, sembra mancare. Il libro briefing dello  sponsor della Roflumilast comprende una sezione chiamata "valutazione  rischi-benefici", che, tuttavia, non fornisce alcun rapporto beneficio-danno,  ma piuttosto sminuisce l'importanza di osservare gli effetti negativi .

oppure cfr indice di pneumologia