La sindrome da Colon o Intestino Irritabile (S.I.I.)

La sindrome del colon irritabile

 

 

appunti del dott. Claudio Italiano

 

Link correlati al tema: Sindrome del colon irritabile:la visita  La sindrome del colon irritabile varietà con stitichezza   la cura del colon irritabile   Aggiornamento 2009 sulla sindrome da colon irritabile La sindrome da colon irritabile da anche problemi dispeptici del tratto digestivo superiore, vediamoli.   La cura con le piante nella sindrome del colon irritabile

 

Fisiopatologia spicciola della sindrome

Le malattie funzionali del colon sono il gruppo di affezioni di più frequente riscontro nell’ambito della patologia colica, e, per la loro elevata incidenza, costituiscono un problema estremamente importante dal punto di vista socio-economico, come si rileva tenendo presente che esse costituiscono la causa più diffusa di consultazione presso l’ambulatorio dello specialista in gastroenterologia (50-70% dei casi) è uno dei principali motivi di assenteismo dal lavoro nei Paesi industrializzati. Ne sono colpite soprattutto le persone tra i 20 e i 40 anni, con lieve prevalenza del sesso femminile, ma non è eccezionale la loro comparsa in età infantile. Al contrario, è raro che insorgano dopo i 50 anni. Nel COLON IRRITABILE è alterata la motilità intestinale o c’è un disturbo della funzione di assorbimento e di secrezione del colon. I termini di “colite spastica”, o “colite” sono impropri, perché starebbero a significare la presenza di una infezione o di una infiammazione del colon, che invece è del tutto assente, anche se esistono studi recenti che correlano questa condizione ad uno “stato infiammatorio” del colon, ma sarebbe più corretto parlare di “colite linfocitica”, ma essa è un’entità nosografia di pertinenza dell’anatomopatologo.

Volendo dare una definizione, diremo che l'intestino è dotato di una sua muscolatura che si contrae, cioè esiste un’attività di propulsione a distanza e di segmentazione (cfr Il movimento del colon ); la prima spinge il contenuto del lume e l’altra lo rallenta, creando delle concamerazioni. Normalmente nel soggetto sane, questa motilità non è avvertita, è coordinata e si svolge in un tempo che non si protrae dalla bocca al retto oltre le 96 ore in genere. Accade però che alcuni individui, vuoi per un aumento delle onde di propagazione che hanno una grande ampiezza ed energia, vuoi per una particolare ”sensibilità” alla distensione gassosa dei visceri, avvertono dolore, del tipo a colica, cioè che “va e viene”, aumenta e si riduce, e sentono le anse “muoversi”, si applicano ai sintomi viscerali e riferiscono al medico di sentirsi dentro  come se avessero “una sorta di lavatrice (!)”, significando con ciò il movimento dei visceri ed il gonfiore che va da destra verso la fossa iliaca di sinistra, che spesso è dolorante e spastica (segno della corda colica). I sintomi possono essere provocati dalla assunzione di cibo o di bevande fredde e si accompagnano a borborigni, rumori e brontolii addominali. C’è circuiti integrati nel meccanismo della defecazionegonfiore addominale esteso a tutto l’ambito del colon o localizzato in una sede.  Se prevale, dunque, l’attività propulsiva, l'alimento è, così, più rapidamente spinto attraverso l'intestino, causando gas, rigonfiamento e diarrea. In altri casi, tuttavia, accade l'opposto e prevale l’attività segmentante, sicchè il contenuto del lume, si disidrata, il passaggio dell'alimento ritarda e le feci diventano dure ed asciutte (stipsi defecazione e stipsi ). Le turbe del transito del contenuto intestinale assumono perciò aspetti diversi: stitichezza più o meno dolorosa, alternanza di stipsi e diarrea, diarrea mattutina, o dopo i pasti non accompagnata da manifestazioni dolorose, semplice emissione di filamenti e nastri di muco.   Nessuno conosce ancora con esattezza le cause della Sindrome del Colon Irritabile. Sappiamo che l’attività fondamentale del colon, in condizioni di normalità, è rappresentata dall’assorbimento dell’acqua e dalla formazione di feci semisolide. A livello del colon due fenomeni si considerano importanti per la formazione di feci normali: 1) l’assorbimento di acqua, di sodio e di cloro, nonché una modica secrezione di potassio; 2) i processi di fermentazione e di putrefazione, realizzati dai batteri che costituiscono l’abituale flora microbiologica intestinale. Si capisce, perciò, come un’alterazione degli stessi processi determini o un transito accelerato con diarrea o un transito ridotto con stipsi e fatti putrefattivi o, infine, l’alternarsi di un alvo stitico e diarroico per il concomitante sviluppo di processi putrefattivi e l’azione irritante di microrganismi. Altri sintomi, infine, sono l’alitosi (odore fecaloide dell’alito specie nella varietà con stipsi), la nausea, il vomito, le eruttazioni, l’anoressia, il meteorismo, la flatulenza, la cefalea, levertigini, le palpitazioni, l’emicrania.

Cause eziopatogenetiche della S. da colon irritabile.

- alterazione dei nervi che controllano le contrazioni del muscolo o la sensibilità dell'intestino
- fattori genetici. Se è S.I.I. in famiglia, per es. nei genitori, i figli possono ammalare, così comei gemelli omozigoti
-aumento delle cellule che producono 5HT. Queste rilasciano mediatori che aumentano la motilità (IL s, NO, istamina, poteasi con stimolo sulle cellule dei plessi nervosi mioenterici).
 -correlazione con gli ormoni sessuali; il progesterone rallenta la motilità: nelle donne è più frequente; esse rappresentano i due terzi delle persone affette da questa patologia, i ricercatori ritengono che i cambiamenti ormonali svolgano un ruolo importante. Per molte donne, infatti, i sintomi aumentano durante i periodi mestruali.
-eventi stressanti.

In ogni caso lo stress può solo aggravare i sintomi ma mai causarli Il profilo psicosomatico di questo tipo di paziente è di vario genere. Il paziente affetto da S.I.I. è un meticoloso ossessivo, maniaco fecale, isterico con tendenza a localizzare vari tipi di dolore, o depresso, delirante ipocondriaco, spesso fobico nei confronti del cancro. Certo è che se si interrogano questi pazienti si riscontra come caratteristica di base una condizione di stress. Molti pazienti affetti da colon irritabile vengono scambiati (e operati) per individui sofferenti di appendicite.
Gastroenteriti, nel 7-32% dei soggetti dopo un episodio acuto di diarrea (gastroenterite) può far sorgere il Colon Irritabile.
antibiotici la cui assunzione porta alla distruzione della normale flora batterica
lassativi così come di alcuni farmaci antidiarroici possono causare “irritazione” del colon e contribuire al problema.
Intolleranze alimentari, consumo di latticini, gomma o caramelle senza zucchero, :  per intolleranza allo zucchero (lattosio) nei latticini o nel sorbitolo del dolcificante artificiale.In questo caso vi consigliamo di sottoporvi al Breath test al lattosio


segue sindrome del colon irritabile, la clinica

indice di gastroenterologia