DOLORE TORACICO DI ORIGINE GASTROINTESTINALE

 

Appunti del dott. Claudio Italiano

 

link correlati al tema: 

*Dolore toracico di origine miocardica
*Dolore toracico di origine pericardica
*Dolore toracico di origine aortica
*Dolore toracico di origine polmonare
*Dolore toracico di origine gastrointestinale

 

Come diceva il mio prof. Peppino Oreto, il dolore anginoso toracico riferito al precordio può dipendere da a) angina pectoris, b) angina esofagea, in genere uno spasmo esofageo diffuso, un’esofagite, il dolore dell’ernia jatale, oppure c) da entrambi, essendo condotto dallo stesso nervo vago. Così accade una grave cardiopatia può essere simulata da un'ernia diaframmatica o da alterazioni della parte superiore del tubo digerente. In una casistica i pazienti affetti da ernia dello hiatus esofageo, in almeno il 5% dei casi si aveva un dolore simile a quello dell'angina pectoris. In altri studi è stato dimostrato che il 23% dei pazienti ricoverati in ospedale con dolore precordiale, si aveva un'affezione gastrointestinale.L'ernia dello hiatus esofageo e l'esofagite da reflusso sono le alterazioni gastrointestinali che più frequentemente simulano l'ischemia miocardica. La sindrome di Mallory-Weiss si riscontra talora negli etilisti e viene ricono­sciuta in base ad un'anamnesi di vomito ripetuto ed ematemesi. Uno scatenamento del dolore esofageo a seguito di uno sforzo o di un'emozione è stato riscontrato nel 25% dei soggetti di una casistica. Il dolore eso­fageo in tali casi era scatenato più frequentemente dalla assunzione di cibo che non il dolore cardiaco. Inoltre, il carattere urente del dolore, il suo rapporto con la posizione e la scomparsa a seguito della somministrazione di antiacidi dovrebbero portare ad una corretta diagnosi. Le prove me­diante perfusione (cfr L’esofagite e la diagnostica )  sono talora utili per documentare la causa del dolore nelle malattie esofagee. Anche il cancro dell’esofago può provocare un dolore intenso precordiale che simula un attacco anginoso o, nelle migliore delle ipotesi, un esofago di Barrett può dare algie precordiali e deve essere indagato.

Le coliche biliari e la colecistite possono provocare dolori simili a quelli dell'infarto miocardico. Una volta si riteneva che le malattie della colecisti fossero in rapporto con le coronaropatie e potessero scatenare un'angina pectoris, ma i dati più recenti sembrano escludere un siffatto rapporto. Altre affezioni addominali come l'acalasia, la sindrome della flessura splenica, l'ulcera peptica e la pancreatite vengono di solito facilmente diagno­sticate facendo ricorso alle indagini radiologiche e alle prove di laboratorio. La pancreatite può rappresentare un problema particolarmente difficile in quanto può provocare alterazioni elettrocardiografiche simili a quelle dell'infarto miocardico. Anche un dolore da distensione del fegato nelle epatomegalie può irradiarsi al torace ed intensificarsi con gli atti del respiro e deve essere tenuto in debito conto alla visita del paziente.

 

cfr indice di cardiologia