Spiegazione dell’ elettrocardiogramma (ECG) per i non medici

appunti del dott. Claudio Italiano

cfr anche i link correlati al tema su :  Aritmie2  cuore e diabete ecg  ecg2   fibrillazione atriale  fibrillazione ventricolare  shock cardiogeno   dolore toracico  elettrocardiogramma ed onde T di ischemia   Infarto ed elettrocardiogramma   infarto

Premesse.

Ogni cellula cardiaca è dotata di cariche elettriche, dovute alla presenza di ioni, all’interno K+ ed all’esterno Na+; tuttavia la presenza di proteine con cariche elettriche negative nel citoplasma determina un ambiente elettronegativo all’interno della cellula; volendo misurare tale potenziale con due elttrodi tra interno ed esterno della cellula il valore sarà di -100 mV ( potenziale di riposo). A seguito di una stimolazione, però, tale potenziale elettrico si modifica e descrivendo un profilo caratteristico passa a positivo (depolarizzazione); questo fenomeno dipende dal passaggio di Na+ al’interno dela cellula ed, in seguito, con la fuoriuscita di K+, la cellula ritorna al valore del potenziale di riposo. Tuttavia un insieme di cellule che sono investite da questo fenomeno generano un’onda di depolarizazione, che può essere rappresentata come un dipolo, disposto per convenzione con il segno positivo in avanti, cioè nel senso della corrente di depolarizzazione e con la coda negativa. 

Volendo, a questo punto, rilevare una tale attività di depolarizzazione che investe il miocardio, sul tracciato ECG, essa è rappresentata da una deflessione positiva se l’elettrodo che esplora tale dipolo è posto di fronte, cioè se "vede" tale dipolo che si avvicina a lui, se, viceversa, il dipolo si allontana, sarà negativa. La fase di ripolarizzazione, in cui le cellule, per effetto delle pompe di membrana, riprendono la carica elettronegativa all’interno, viene rappresentata come onda della fase di ripolarizzazione o di recupero o onda T. In ultima analisi un ciclo cardiaco è dato dall’onda P di attività elettrica atriale, legata alla contrazione degli atri, ed un complesso QRS, dove la Q deve essere sempre molto piccola, R è la deflessione positiva ed S quella negativa, che costituiscono l’attività dei ventricoli; a questo punto segue un tratto S e T, e l'onda T, quindi  una pausa; il tratto ST  riveste notevole importa ai fini dell’interpretazione dell’ECG, perchè esprime lo stato delle coronarie e dell’ossigenazione del miocardio, intesa come flusso ematico; in caso di infarto acuto, tale tratto si presenta in genere molto sopraslivellato rispetto alla linea isoelettrica su cui giace di norma, oppure, negli infarti posteriori, sottoslivellato su V1 e V2. Si ricorda, infine, che uno stato di ipertrofia ventricolare si accompagna a segni di sovraccarico, cioè ST sottoslivellato e talora T negative a branche asimmetriche con R in V5 e V6 di alto voltaggio.

Posizionamento degli elettrodi esploranti.

Quando si effettua un ECG occorre posizionare sul paziente gli elettrodi delle cosiddette derivazioni periferiche e derivazioni toraciche. Qual’è il senso degli elettrodi esploranti?  

Essi hanno il compito di studiare il cuore da diverse angolazioni; per esempio quelle toraciche vanno da V1 a V6 ed esplorano meglio il ventricolo di destra, di sinistra, il setto ecc., localizzando con attenzione eventuali anomalie o onde di lesione, ischemia e necrosi a seconda della localizzazione delle stesse. Le derivazioni periferiche ci danno aiuto nella localizzazione dell’asse cardiaco, esse sono: aVL (cioè aumentato Voltaggio Left con elettrodo positivo alla mano sinistra), aVR (con elettrodo positivo alla mano destra), aVF (F = foot, elettrodo al piede sx positivo);  gli elettrodi delle derivazioni D1, D2, e D3., ossia delle derivazioni degli arti, sono : D1 con polo + a sinistra (se l’asse elettrico del dipolo cuore è verso sinistra, come è nella norma, dunque, in D1 l’onda R sarà SEMPRE positiva perchè la depolarizzazione è diretta verso sinistra!); in D2e D3 il polo positivo è in basso. D2+D3 +aVF hanno importanza nello studio delle ischemie/o infarto inferiori del cuore.

 

Rapida interpretazione dell’Elettro-Cardio-Gramma o ECG.

vedi auscultazione del cuorecon toni reali registrati!

A) Controllo della frequenza cardiaca: si determina nel punto in cui cade l’onda R e quella successiva; per facilitare questo compito, non avendo il regolo calcolatore, si può osservare un’onda R che cade su una linea marcata in neretto sull’ECG e valutare dove ricade l’altra onda R: se essa cade sulla prima linea in neretto= 300, altrimenti 150, 100, 75 60, 50; per frequenze basse si cercano sul tracciato le tacche che corrispondono a 3 sec, si cercano in esse il numero dei cicli di 6 sec e si moltiplica X 10.

B) Verificare se ci sono frequenza dissociate atriali e ventricolari (onde P e ventricolari QRS). Nella lettura del tracciato occorre valutare la distanza tra l’onda P e l’onda R, il tratto PR che è espressione del tempo che intercorre tra la sistole atriale e quella ventricolare e che non può andare oltre 0,2 sec, sull’ECG oltre le dimensioni di un quadrato grande:

In queste derivazioni, per la lettura:

derivazioni aVR avL, aVF : notare PR ai limiti di 5 quadrati piccoli, cioè 0,2 sec.

ECG: AVF isodifasica perchè l'asse elettrico è orizzontale e coincide con lo zero

Esiste l'onda P? Si, dunque, il ritmo è definito " sinusale".

Nel caso esso sia di dimensione oltre 0, 2 sec, significa che c’è un blocco tra la conduzione degli impulsi tra gli atri e i ventricoli; noi sappiamo, infatti che esiste un tessuto miocardico specifico che si chiama nodo del SENO dove si fabbricano automaticamente gli impulsi, o pacemaker: da qui attraverso vie specifiche il segnale passa al nodo atrioventricolare o AV, per essere avviato alle branche destre e sinistre al fascio di His. Ebbene il tratto PR è espressione della conduzione atrio->ventricolare dell’onda di depolarizzazione, che se va oltre il tempo stabilito vuol dire che il tessuto ha problemi nella conduzione: BLOCCO ATRIOVENTRICOLARE (vedi le aritmie in questo sito).

Derivazioni V1-V6 dello stesso paziente di cui sopra.

Un’altra cosa da osservare nell’ECG è la presenza dell’onda P e se essa è positiva o negativa, cioè se dagli atri, rispetto all’elettrodo esplorante parte il segnale o se il segnale elettrico si porta agli atri da qualche altro segnapassi. Altra cosa da osservare sono i complessi QRS, perchè se vi è un blocco della conduzione più a valle, cioè nella branca destra (BBD) o nella branca sinistra (BBS) del fascio di His il QRS sarà slargato e di forma strana, ad M, con cuspidi R ed R1, cioè come a 2 picchi, perchè la depolarizzazione dei ventricoli avverrà in modo asincrono:

Nel caso del blocco di branca sinistra, l’aspetto sarà di un QRS slargato come con due cuspidi unite da un tratto a concavità verso l'alto. Tale aspetto occorrerà valutarlo in V1 e V2 per il BBD,  e nelle derivazioni toraciche V5 e V6 per un BBS.

Ritmo. (aritmie)

Sinusale, se parte dal nodo del seno e se vi sono onde P sull’ECG, espressione di contrazione elettromeccanica atriale; se tali onde mancano essendo sostituite da tante piccole onde "f", avremo una fibrillazione atriale, se le onde saranno intaccature più grandi a denti di sega, avremo onde "F" più grandi da flutter atriale.

Ischemia, lesione, infarto. (infarto miocardico

).  Le onde di lesione, ischemia ed infarto, sono rapprentate dall’ONDA T INVERTITA (ISCHEMIA), che è espressione, talora, di un infarto recente, quando in una seconda il tratto ST si livella e compare l’onda T negativa di lesione a branche simmetriche INVERTITA !! rispetto all’onda R;

TRATTO ST SOPRASLIVELLATO

Esso è espressione di un episodio recente ed acuto di infarto (LESIONE); se il tratto ST è sottoslivellato possiamo pensare a test di Master positivo, oppure ad ischemia subendocardica.

ONDE Q di NECROSI

Attenzione alla presenza di onde T a tenda alte ed appuntite in un paziente con dolore alla pancia o al petto! Occhio a tratti ST sopraslivellati e T che tendono a farsi negative: è segno di infarto acuto da fibrinolisare; le onde Q di necrosi, ossia onde Q di dimensioni 1/3 rispetto all’onda R sonop l'esito di un infarto già avvenuto e stabilizzatosi; a questo punto occorre valutare in quale derivazioni compaiono le onde di lesione, ischemia o infarto: per es se in V1 V2 V3 V4 pensiamo ad un infarto anteriore; se V1-V2.V3 al setto;

vedi auscultazione del cuorecon toni reali registrati!

se le onde di lesione si manifestano in aVL ed in D1 pensiamo alle derivazioni in cui si proietta la parte laterale del cuore, quindi ad un infarto laterale; gli infarti posteriori andranno letti in D2, D3 ed aVF; infine negli infarti posteriori  V1 e V2 presenteranno sottoslivellamento di ST verso il basso, ma in realtà, col test dello specchio, l’onda R altro non è se non una specie di onda Q capovolta! Ed ecco perchè slivellamenti in V1 e V2 vanno attenzionati. In altri casi V5 sottoslivellato può esprimere un impegno ventricolare sinistro da savraccarico e lo stesso V2, per il ventricolo destro. Sempre vanno richiesti gli enzimi cardiaci, troponina, CPKMB, GOT LDH isoenzima ecc. Se si elevano del doppio=infarto! Subito al più presto occorre attuare una terapia fibrinolitica con attivatore tissutale del fibrinogeno; però in mancanza di ciò anche il medico di prontosoccorso può attuare calciparina sottocute ed aspirina endovena in attesa del trattaemnto definitivo presso l'UTIC.

Altri segni da saper riconoscere...

Ipertrofia dei ventricoli

IPERTROFIA Ventricolo Sinistro= quando misurando l’onda S in V1 e l’onda R in V5, la misura sarà maggiore di 35 mm + T invertita

IPERTROFIA V.D= onde R di alto voltaggio in V1-V2-V3-V4.

IPERTROFIA ATRIO SINISTRO= onda P difasica come una S orizzontale;

IPERTROFIA A.DX= onda P di alto voltaggio.

SQUILIBRI CON GLI ELETTROLITI

Iperpotassiemia: onda T a punta oppure QRS slargato

Ipopotassiemia: onda T piatta

Ipercalcemia: QT breve

ipocalcemia: QT: lungo;

PERICARDITE

In corso di versamento pericardico , ST è appiattito e sopraslivellato con tratto concavo ed ST si porta sopra la linea isoelettrica.

CHINIDINA.

QT lungo e sottoslivellato, P uncinata; onda U dopo T, come di flessione ad U. Tracciato a "montagne russe" in caso di sovradosaggio.

IN SINTESI NELLA LETTURA DELL’ECG

CONTROLLARE SEMPRE:

RITMO, FREQUENZA, CONDUZIONE, STATO DEL QRS ED ASSE, IPERTROFIA, INFARTO.

Per le aritmie ipocinetiche ed ipercinetiche si rimanda alla pagina che le tratta su questo sito e lo stesso per quanto concerne l’infarto e l’ischemia del miocardio.

indice argomenti di cardiologia