Ectopia renale

La causa di un ectopia renale è una alterazione, nel corso dello sviluppo embrionale, del processo di risalita dei reni a partire dalla sua posizione iniziale nella pelvi fino all'altezza della vertebra L2. Può accadere che il rene non risalga del tutto (rene pelvico), Risalga troppo (rene toracico) o che migri verso il polo opposto (ectopia crociata). L'ectopia renale è più facilmente riscontrabile nel sesso maschile che in quello femminile e nel lato sinistro è da due a tre volte più frequente che nel destro. In circa il 10-20% dei casi l'ectopia è bilaterale; in rari casi vi è la presenza di un solo rene, che è ectopico. Generalmente, l'ectopia renale si accompagna ad anomalie della colonna vertebrale, principalmente il mielomeningocele. Anche l'atresia anale è un reperto che si può riscontrare in associazione con l'ectopia renale.

 

 

Rene pelvico


Eziologia. La varietà più frequente di ectopia è quella pelvica. Si suppone che essa sia dovuta ad una persistenza di connessioni vascolari embrionarie precoci, che rendono difficile la risalita del rene. Un rene pelvico può essere vascolarizzato da una arteria che origina dalla porzione caudale dell'aorta o dalle arterie iliache. L'uretere è corto e generalmente vi è una assenza della fisiologica rotazione del rene, che appare orientato ventralmente.

 

Clinica ectopia renale

A causa della pressione esercitata sui vasi sanguigni, sui nervi e sugli organi vicini, un rene pelvico può provocare disturbi addominali. A volte si ha stipsi per la dislocazione o la compressione sul colon o difficoltà durante il parto nel caso di coinvolgimento dell'utero. La stipsi e i fecalomi sono complicanze che a loro volta possono originare infezioni secondarie.
Diagnosi. Spesso il rene pelvico è palpabile e può essere scambiato per un tumore solido della pelvi. Tuttavia, l'urografia è in grado di far porre la diagnosi corretta. È importante la diagnosi differenziale tra il rene pelvico e la ptosi renale. Se l'urografia discendente evidenzia un uretere normale, sebbene allungato e tortuoso, si tratta di una ptosi renale. Alla aortografia si riconosce, in caso di ptosi, la normale emergenza dell'arteria renale; in caso di rene pelvico, al contrario, la sua origine è anomala.
Terapia. Quando si riscontra occasionalmente un rene pelvico, non viene realizzata la nefropessia a causa della brevità dell'uretere e delle anomalie vasi. Se il rene controlaterale è normale, si può attuare una nefrectomia nel caso di una sintomatologia grave.

Rene toracico

Quando il rene risale troppo, nella fase di sviluppi embrionale, esso raggiunge la cavità toracica. Le arterie che lo vascolarizzano emergono dal tragitto superiore dell'aorta e l'uretere si allunga.
Clinica. Possono essere presenti i sintomi di un sindrome diaframmatica, sebbene essi siano assenti quando il rene oltrepassa completamente l'orifizio diaframmatico. Nel torace, i segni locali della patologia sono dovuti alle infezioni o alle ostruzioni da parte de ectopia).
Terapia. Nel caso di un rene toracico la sintomatologia recede al riposizionamento del rene nella sua sede corretta ed alla chiusura dell'orifizio diaframmatico.
 

ectopia renale pelvica

Ectopia crociata

Una ectopia crociata senza fusione renale è rari n rene ectopico è situato generalmente più in basso di quello in sede normale. I suoi vasi possono avere un'origine corretta e successivamente dirigersi verso il lato opposto; oppure entrambe le arterie renali possono originare dallo stesso lato dell'aorta ed entrambe le vene renali possono sboccare nello stesso punto della vena cava. Lo sbocco dell'uretere in vescica è situato normalmente nella sua posizione corretti Spesso non c'è la normale rotazione del rene con posizionamento ventrale della pelvi renale.
Clinica. La lunghezza anomala ed il tragitto tortuoso dei vai sanguigni e dell'uretere del rene ectopia possono causare ostruzioni ed infezioni. Anche l'uri tere dell'altro rene, localizzato nella sua sede corretta, può essere compresso.
Diagnosi. La diagnosi viene stabilita mediante urografia discendente. In alcuni casi può essere difficile distinguere prima dell'intervento l'ectopia crociata con fusione da quella senza fusione.
Terapia. In caso di una sintomatologia importante si procede ad un intervento chirurgico di ricollocazione del rene nella sua sede corretta.

indice argomenti di nefrologia