Fame compulsiva, il paziente che mangia per ossessione-compulsione

 

appunti del dott. Claudio Italiano

Definizione

In linea di massima, il bisogno compulsivo di ingerire grosse quantità di cibo è un sintomo percepito a livello soggettivo e, in pratica, non è definibile; se è soggettivo o meno, deve deciderlo il medico sulla base dell'impressione che egli riceve del paziente della sua personalità. Secondo una proposta dell'American Psychiatrìc Association, le esplosioni di condotti alimentare incontrollata ("binge eating disorder") sono caratterizzate da:
• Introduzione di quantità esageratamente grandi di cibo in poco tempo
• Perdita del controllo mentre si mangia. Occorre che siano soddisfatti almeno tre dei seguenti criteri:fame ossessiva
- Mangiare in maniera molto veloce.
- Mangiare fino a stare male.
- Mangiare grosse quantità di cibo anche senza avvertire senso di fame e fuori dai pasti.
- Mangiare da soli.
- Ansietà, noia o depressione come agenti scatenanti delle esplosioni di condotta alimentare incontrollata.
- Sensi di colpa, disgusto e perdita dell'autostima o depressione dopo un attacco di condotta alimentare incontrollata.
- Lotta continua contro il disordine alimentare.
- Esplosioni di condotta alimentare incontrollata almeno due velli alla settimana per un periodo di 6 mesi.Quadro clinico del sintomo predominante:
• Esplosioni di alimentazione incontrollata:
• Sindrome alimentare notturna: il (25-50%) dell'apporto calorico giornaliero avviene dopo la cena e durante la notte. Può eventualmente insorgere nella sindrome di apnea nel sonno a seguito di una modificazione dei ritmi circadiani e di oscillazioni dell'umore indotte da deficit di sonno
• Bulimia nervosa: esplosioni di alimentazione incontrollata con l'aggiunta di altri sintomi: vomito autoindotto, abuso di lassativi o di diuretici, assunzione di altri farmaci, clisteri, eccessiva attività sportivi pensiero fisso riguardante il cibo e il peso corporeo.
 

 
• Anoressia nervosa: rifiuto di mantenere il peso corporeo almeno ad un livello minimo, distorta percezione del peso e delle proporzioni del proprio corpo, costante ansia di diventare "grassi". Alla fine, insorgano disturbi del ciclo e amenorrea e una cosiddetta low-T3-syndromc do cumentabile con esami di laboratorio; nei casi avanzati, compare anche una low-T/TSH-syndrome.

Epidemiologia

Gli episodi di condotta alimentare incontrollata sono il disturbo alimentare più frequente e insorgono fino nel 30% delle persone sovrappeso e obese.

Diagnostica di base

Anamnesi


• Informarsi su eventuali sintomi di ipertiroidismo: nervosismo, diarrel sudorazione.
• Perdita di peso? (indicazione di ipertiroidismo, morbo di Addison)
• Aumento di peso? (indicazione di bulimia, insulinoma).
• Episodi di condotta alimentare incontrollata psicogena: l'anamnesi I basa sullo stato nutrizionale di parenti e familiari, sulle abitudini mangiare e nel bere del paziente, sulle eventuali esplosioni di alimentazione incontrollata e sui tentativi di dieta effettuati fino quel momento, ecc. inotre, la condotta alimentare può essere raccolta sulla scorta di un questionario secondo Pudel e Westenhofer (Pudel, M. G., Westenhofer J.: Questionario sulla condotta alimentare: istruzioni. Hogrefe, Gòttingen 1989), completato con la stesura di un protocollo alimentare di 7 giorni che presuppone, comunque, la collaborazione e la sincerità del paziente.

Esame obiettivo

• Accertamento del body-mass-index.
• Obesità? (eunucoide? Cushingoide?).
• Segni di ipertiroidismo (sudorazione, tremore, caduta di capelli, esoftalmo nel morbo di Basedow).

Esami di laboratorio: in caso di peso normale/sottopeso: TSH basale, glicemia, analisi delle feci per l'identificazione di eventuali uova di vermi.

Diagnostica specialistica

Procedure idonee da attuare nel sospetto diagnostico e/o nella diagnosi differenziale
- escludere la bulimia nervosa
- ipertiroidismo
- anoressia nervosa
- considerare la fame che insorge nelle condizioni di ipoglicemia
- insufficienza surrenalica
- insulinoma

Test di provocazione (insulinoma, sindrome da autoanticorpi anti-insulina).
Test con ACTH (morbo di Addison).
In caso di sottopeso: altre misure diagnostiche

Diagnosi differenziale
Da ricordare: nell'ambito di malattie endocrine come ipertiroidismo e ipoglicemia, in caso di insulinoma, insufficienza surrenalica primaria (morbo di Addison) o di insufficienza surrenalica secondaria si possono avere episodi di condotta alimentare incontrollata

 

indice di psichiatria