Le feci ipocoliche

Link correlati al tema: Le epatiti  acute  La bilirubina  Il cancro dell'ampolla_di Vater

 

La presenza di feci ipocromiche, color argilla deriva solitamente da patologie epatiche, colecistiche o pancreatiche. Normalmente, la presenza dei pigmenti biliari conferisce alle feci la caratteristica colorazione marrone. In ogni caso, la degenerazione epatocellulare o l'ostruzione biliare, può interferire con la formazione o il rilascio di questi pigmenti nell'intestino, portando a feci color argilla. Queste feci sono solitamente associate a ittero e urine scure.
 

 

 

Anamnesi ed esame obiettivo

Dopo aver chiesto al paziente quando ha notato feci di color argilla, individuare segni e sintomi associati, quali dolori addominali, nausea e vomito, astenia, anoressia, calo pon­derale e urine scure. Il paziente ha problemi nel digerire pasti pesanti o grassi? Sviluppa facilmente ematomi? Successivamente, rivedere l'anamnesi relativa a patologie colecistiche, epatiche o pancreatiche. È mai stato sottoposto a chirurgia delle vie biliari? Ha eseguito di recente esami diagnostici con mezzo di contrasto baritato? Il mezzo di contrasto baritato determina l'emissione di feci chiare per vari giorni). Inoltre, informarsi sull'uso di antiacidi, perché grandi quantità possono determinare uno schiarimento delle feci. Annotare un'anam­nesi di etilismo o di esposizione ad altre so­stanze epatotossiche. Dopo aver valutato l'aspetto generale del paziente, controllare parametri vitali, cute e occhi per la presenza di ittero. Poi, esaminare l'addome, valutando rispettivamente la presenza di distensione e la presenza di peristalsi all'auscultazione. Eseguire percussione e palpazione per individuare masse e dolorabilità di rimbalzo. Infine, prelevare campioni di urine e feci per gli esami di laboratorio.

Cause mediche

Tumore del dotto biliare.

Segno di esordio frequente di questa patologia, le feci color argilla si possono associare a ittero, prurito, anoressia e calo ponderale, dolore ali 'addome superiore, diatesi emorragica e massa palpabile.

Cirrosi biliare.

Solitamente, l'evacuazione di feci color argilla segue l'insorgenza di un prurito inspiegabile che peggiora di sera, debolezza, astenia, calo ponderale e dolore addominale vago; queste caratteristiche pos­sono essere presenti per anni. Segni e sintomi associati possono includere ittero, iperpigmentazione e segni di malassorbimento, quali diarrea notturna, steatorrea, porpora, dolori lombari e ossei, dovuti a osteomalacia. Il paziente può anche sviluppare epatomegalia dolente con consistenza parenchimale dura, ematemesi, ascile, edema, e xantomi sul palmo delle mani, piante dei piedi e gomiti.

Colangite (sclerosante).

Caratterizzata da fibrosi dei dotti biliari, questa patologia in­fiammatoria cronica può determinare l'evacuazine di feci color argilla, ittero cronico o intermittente, prurito, dolore al quadrante su­periore destro dell'addome, brividi e febbre.

Colelitìasi.

Calcoli delle vie biliari possono determinare l'evacuazione di feci color argilla, quando ostruiscano il dotto biliare comune (coledocolitiasi). Tuttavia, se l'ostruzione è intermittente, le feci possono presentarsi alternativamente, normali e color argilla. Sintomi associati possono includere dispepsia e, in caso di ostruzione grave e improvvisa, le coli­che biliari. D dolore, localizzato al quadrante superiore destro, s'intensifica in varie ore, può irradiarsi all'epigastrio o alla scapola e non è alleviato dalla somministrazione di antiacidi. Il dolore è associato a tachicardia, agitazione, nausea, vomito, dolorabilità al quadrante superiore dell'addome, febbre, brividi e ittero.

Carcinoma epatico

. Prima che in questa malattia si abbia evacuazione di feci ipocromiche, il paziente lamenta, di solito, calo ponderale, debolezza e anoressia. Nelle fasi tardive, si può avere lo sviluppo di un' epatomegalia dura, con modularità, ittero, dolore al quadrante superiore destro dell'addome, ascite, edemi declivi e febbre. Durante l'auscultazione, qualora la massa tumorale interessi una vasta parte del fegato, si potrà udire un soffio, un ronzio o uno sfregamento.

Epatite.

Nell'epatite virale, la comparsa di feci color argilla segnala l'inizio della fase itterica ed è solitamente seguita dall'insor­genza di ittero nell'arco di 1-5 giorni. Segni associati comprendono lieve calo ponderale e urine scure, così come il perdurare di alcuni segni della fase precedente alla comparsa dell'ittero, quali anoressia ed epatomegalia dolente. Durante la fase itterica, il paziente può divenire irritabile e sviluppare dolore al quadrante superiore destro dell'addome, splenomegalia, ingrossamento dei linfo­nodi cervicali e intenso prurito. Una volta scomparso l'ittero, il paziente continua a lamentare astenia, flatulenza, dolore o dolorabilità addominale e dispepsia, sebbene l'appetito torni solitamente alla normalità e l'epatomegalia scompaia. La fase postitterica dura generalmente da 2 a 6 settimane, con recupero completo nell'arco di 6 mesi.

Nell'epatite colestatica non virale, si ha la presenza di feci acoliche color argilla, con altri segni di epatite virale.

Tumore del pancreas.

L'ostruzione del coledoco, associata a questo tumore insidioso, può causare la presenza di feci color argilla. Manifestazioni classiche associate includono dolori all'addome o alla schiena, ittero, prurito, nausea e vomito, anoressia, calo ponderale, astenia, debolezza e febbre. Altri possibili effetti sono diarrea, lesioni cutanee (soprattutto sugli arti inferiori), labilità emotiva, splenomegalia e segni di sanguinamento gastrointestinale. L'auscultazione può mettere in evidenza un soffio nell' area periombelicale e nel quadrante supe­riore sinistro dell'addome.

Pancreatite (acuta).

Questo disturbo infiammatorio può determinare la comparsa di feci color argilla, urine scure e ittero. Solitamente, provoca anche l'insorgenza di un intenso dolore epigastrico che si irradia alla schiena e si aggrava in posizione supina. Reperti associati possono includere nausea e vomito, febbre, resistenza e dolorabilità addo­minale, peristalsi e crepitii alle basi polmonari. Nella pancreatite grave, i reperti comprendono marcata agitazione psicomotoria, tachicardia, cute viscida e fredda, estremità sudate.

Considerazioni particolari

Preparare il paziente a test diagnostici, quali prelievi per il dosaggio delle transaminasi e della bilirubina, ecografia, TC e analisi delle feci.

oppure cfr indice di gastroenterologia