Ricordo di Giorgio Rizzo

RICORDI DI UN VECCHIO MARINAIO DEDICATO ALL' STV GIORGIO RIZZO, C.TE DEL MAS 531

cfr anche Giorgio Rizzo

Onori al Grande C.te STV Giorgio Rizzo

 

Una foto che ritrae il dott. Claudio Italiano quando era ancora Guardia Marina.

Onori a Giorgio Rizzo !

Sono gli ultimi momenti dell'esistenza di Giorgio Rizzo, la cui nobile figura è filtrata attraverso il ricordo del C.te Bellone De Grecis, l'ultimo degli uomini del Mas di Giorgio Rizzo. L'uomo di mare, avendo avuto notizie del sito che curo, dove tra l'altro celebro i Rizzo, mi ha pregiato di inviarmi queste righe, a testimonianza del Valore e dell'Onore di un grande Eroe, Giorgio, emulo del Padre Luigi.  Giorgio sa bene che lo aspettano i nemici per mettere vigliaccamente fine ai suoi giorni ed ordina al giovane Bellone De Grecis di andare a comprare i tabacchi a Bari, per risparmiare al ragazzo la giovane vita....

a cura del  STV (MD) Claudio Italiano

********************************

 

L'Ufficiale di M.M. Giorgio Rizzo, figlio dell'altro eroe Luigi Rizzo, di Milazzo

C.te Giorgio Rizzo

"Chi scrive fa parte di quei "solini blu" che dopo I '8 settembre 1943 hanno consentito di mantenere, a bordo e a terra, la compattezza della Marina Militare Italiana. Sono vecchio e pieno di ricordi di un periodo ormai tanto lontano, ma denso di avvenimenti che restano indelebilmente impressi nella mia mente e nel mio cuore. Dei miei 51 anni, 8 mesi e 13 giorni di servizio militare, desidero raccontare il primo impatto con la Marina, con la guerra, la seconda guerra mondiale. Nel 1940 ho conseguito il diploma di terza media. Avevo 16 anni, l'Italia era in guerra e fui preso dall'entusiasmo, allora dilagante, di servire la Patria. Fu bandito un concorso in Marina, ma bisognava mediamente aver compiuto 17 anni, mentre per la categoria di motorista si poteva accedere anche a 16 anni e tre mesi; quindi optai per quella categoria.

Passai la prima visita a Bari, risultai idoneo e fui destinato a Gaeta, luogo di accentramento di tutti i volontari del meridione, dove passai una seconda visita medica ed il 14 giugno 1941, con altri volontari, partii per Pola dove entrai a far parte del C.R.E.M.. Superai il corso e chiesi come destinazione l'imbarco sui M.A.S. o motosiluranti.
Cosi', all'inizio del 1943, insieme ad altri motoristi fummo inviati a Navalgenio Milano e dopo qualche settimana di frequenza del corso sui motori all'Isotta Fraschini, fummo destinati a La Spezia; dopo pochi giorni di permanenza nella citta' ligure, ero tra i sette allievi inviati presso la 2A flottiglia M.A.S. a Trapani. Questa destinazione non fu certo felice, perche' dopo solo due giorni ebbi il primo duro impatto con la guerra, infatti a Trapani vi fu il primo bombardamento dei quadrimotori americani in Italia. Al termine di quell'orribile bombardamento, io ed i miei compagni siamo usciti dal ricovero per dare aiuto alla popolazione. La Via dei Biscottai, che costeggiava il porto, era ridotta ad un cumulo di macerie. Un disastro, preferisco non indulgere in macabri e dilanianti particolari.

Il Comando della 2A flottiglia M.A.S. era diretto dal Comandante Michelangelo e dal Comandante Ghittoni, peraltro non ricordo con precisione il loro grado. Essi per ordini ricevuti spostarono la base dei M.A.S. da Trapani a Mazzara del Vallo e cosi' l'intero gruppo di "massisti" fu trasferito. Per i M.A.S. Fu un periodo negativo perche' ne furono affondati due all'isola di Lampedusa e un altro a Pantelleria prese fuoco e ando' completamente distrutto. A questo punto il Comando destino' sei allievi motoristi in Italia ed io, il settimo, fui destinato a Pantelleria; mi fu detto perentoriamente che l'indomani dovevo imbarcare sul peschereccio San Ciro diretto a

Pantelleria. Al momento mi sembro' strano che tutti i miei amici tornavano indietro, mentre io scendevo verso quel lembo estremo del nostro Paese. Tant'e'.
Sbarcato a Pantelleria, vidi una casermetta sulla strada alla fine della banchina, vi era un solo MAS., il numero 531; il motto del naviglio era: "Ibis et redibis". Il proverbio latino, per intero, suona cosi': "Ibis et redibis, non morieris in bello", andrai e ritornerai non morirai in guerra. e' davvero singolare questo proverbio, con particolare riferimento alla storia che vado narrando, spesso mi soffermo a pensare. Secondo la leggenda, infatti, i soldati romani, prima di partire per la guerra, si recavano dalla Sibilla Cumana, la quale pronunciava sempre le stesse parole, quelle del proverbio appunto. E pero', la Sibilla per modificare il vaticinio bastava che si soffermasse o meno, sulla negazione "non", in tal modo scaturivano due diversi oracoli: Ibis et redibis, non morieris in bello (andrai e tornerai, non morirai in guerra); Ibis et redibis non, morieris in bello (andrai e non ritornerai, morirai in guerra).

Mi presentai ad un marinaio che era sulla porta della casermetta e questi mi porto' dal Comandante. Non so se egli sapesse del mio arrivo, mi guardo' mi squadro' e quasi sorridente mi domando' quanti anni avessi, gli risposi:
- Quasi diciotto.
Mi diede un benevolo scappellotto e mi disse che lui era del 1921 e che era Giorgio Rizzo; si', Rizzo di Grado e di Premuda. Rimasi incredulo. Lo avevo studiato, mi trovavo di fronte al figlio dell'Ammiraglio Luigi Rizzo di Grado e di Premuda, Eroe della prima guerra mondiale, il celebre affondatore delle corazzate tedesche "Viribus Uniti's" e "Santo Stefano". Il Comandante percepi' il mio stupore e quasi a soddisfare la mia innata curiosita' mi accenno', comunque umilmente, alle gesta del padre, alle due Medaglie d'Oro e alle quattro d'Argento, se mal non ricordo. Il Comandante Rizzo, per il suo comportamento con tutti gli uomini dell'equipaggio, sembrava quasi un fratello maggiore. Nei miei quaranta anni d'imbarco raramente ho avuto modo di incontrare una persona dotata delle sue qualita' morali.
Tutte le notti eravamo in mare per tendere l'agguato al naviglio nemico e al rientro il primo lavoro era rifornire i serbatoi di benzina, controllare bene i motori e pulire le sentine e siccome ero il piu' giovane e smilzo, mi prendevano in giro: questo compito toccava a me. Quando si rientrava alla palazzina, il Comandante domandava sempre al Direttore (era un maresciallo motorista) come andavano i motori e questi rispondeva:

- Sono pronti al fiammifero.
Dopo un lungo periodo di' navigazione i motori iniziavano a scadere di potenza per cui fummo costretti a ritornare a Mazzara del Vallo per eseguire lavori. Quasi alla fine del porto-canale vi era lo scalo dei pescherecci, mentre dal lato opposto vi era l'officina il cui tecnico Milanese si chiamava Scalabino; erano arrivati da Firenze due motori gia' revisionati. Ci mettemmo tutti al lavoro, il Comandante Rizzo era al paranco e ci dava istruzioni per la messa a punto dei motore sulla base dello scalo; mi era toccato il compito di collegare i tubi dell'olio dal motore al refrigerante, vista la mia magrezza; infatti, il refrigerante era posto sulla paratia dello scafo e per arrivare a collegare i tubi bisognava fare delle contorsioni quasi impossibili. Mettemmo a posto il motore di dritta e non avemmo nessuna brutta sorpresa quando lo mettemmo in moto. Eravamo tutti felici per il nostro operato e cosi' iniziammo a mettere sul basamento anche il motore di sinistra. Collegammo tutti i tubi, anche quelli dell'olio al refrigerante, ma successivamente notammo che l'olio aspirato dal motore non tornava tutto alla cassa. Mediante il motore ausiliario aspirammo tutto l'olio dal motore principale, scollegammo dal basamento il motore, togliemmo la sottocoppa e notammo che vicino alla pigna di aspirazione dell'olio vi era un batuffolo di stoffa, lo togliemmo, pulimmo per bene, rimettemmo al suo posto il motore, ma ancora una volta nel verificare il livello della cassa dell'olio eravamo ancora costretti a constatare che non tutto l'olio veniva aspirato dal motore. A questo punto nacque il dubbio che la pompa di recupero non aspirasse tutto. Infatti, i motori dei MAS. avevano due pompe una di mandata e una di recupero, entrambe azionate dallo stesso asse; la pompa di recupero doveva avere una portata maggiore di quella di mandata perche' l'olio riscaldandosi aumenta di volume, ebbene verificammo che le pompe erano state scambiate e pertanto l'olio rimaneva nel motore: errore di montaggio! Rimontammo correttamente il tutto, eseguii nuovamente le mie contorsioni ed il giorno dopo facemmo le prove. Abbiamo percorso quarantacinque miglia, eravamo soddisfatti del nostro lavoro: il MAS. n. 531 era il piu' veloce della squadriglia. Il Comandante Rizzo era contentissimo, si congratulo' e noi eravamo orgogliosi.

Ricominciarono le nostre missioni quotidiane. Allora i M.A.S. uscivano in coppia di notte e al rientro al mattino con una piccola pompa dovevamo caricare 5.000 litri di benzina e rimettere tutto in ordine per una nuova missione. Quando i motori erano "pronti al fiammifero" si andava fuori del paese, li' dove la vecchia centrale del latte era adibita a refettorio, mentre nel vecchio macello era allestito il camerone per dormire in brande di legno. Nonostante le ristrettezze e i conseguenti forti disagi, eravamo sempre allegri e scherzavamo prendendoci in giro.
Dopo tante missioni, si inizio' a temere lo sbarco degli alleati e pertanto ci mandarono con due M.A.S. a Licata e a Sciacca, dove si presumeva potesse avvenire l'invasione. Al contrario gli alleati sbarcarono ad Augusta.
Nuovamente, dopo tante missioni, i motori iniziarono a scadere di potenza; in quest'ultimo periodo avevamo il compito di posare le bombe Beta di profondita', in previ-sione del passaggio di navi nemiche. Ad invasione avvenuta fummo inviati a La Spezia e precisamente a Bocca di Magra, per i lavori necessari, ed il Comandante Rizzo cosi' scriveva a suo padre: "Purtroppo la grande superiorita' nemica ci ha tolto la bella terra d'Italia, bisogna aver fede e lavorare. Ho fatto il mio dovere per il bene del servizio e per l'onore del mio nome".
Avevamo percorso circa 1.800 miglia marine.
Dopo due giorni di permanenza il Comandante mi chiamo' e mi disse:


- Hai lavorato duramente, percio' meriti un permesso.
Non nascondo che fui molto contento. Mi disse che dovevo tornare a Bari a prendere i tabacchi; io pero' temevo che mi potessero fermare e riferii le mie perplessita', ma il Comandante mi rispose di non preoccuparmi perche' nessuno mi avrebbe ostacolato e mi saluto' con il consueto affetto.
Non potevo sapere che era l'ultima volta che lo vedevo!
Cosi' presi la mia valigetta, la riempii di capi di biancheria e partii. Giunto a Bari dopo tante peripezie, I '8 settembre fu dichiarato l'armistizio. Non potevo piu' ripartire e mi presentai al Comando Marina di Bari.
Del MAS. n. 531 non seppi piu' nulla!
Dopo tanti anni ho appreso quanto era accaduto: il Comandante Rizzo aveva preso tutti i documenti di bordo (da distruggere) e con una motobarca si era diretto all'isola d'Elba, ma qui durante un bombardamento tedesco perse la vita.
Oggi, all'eta' di 86 anni mi viene da pensare, nelle notti insonni, che io invece sono ancora vivo! Questo perche' il caso o meglio il mio Comandante, Giorgio Rizzo di Grado e di Premuda, ha voluto cosi', lo sono andato in guerra e sono ritornato, al contrario il motto del 531 non e' servito a proteggere il suo Comandante!
Spesso penso all'equipaggio del M.A.S. n. 531, al mio direttore di macchine, agli altri amici: eravamo sempre d'accordo e in armonia. Eravamo sempre "Pronti al fiammifero".
Qualora questo scritto venga pubblicato, desidero che il mio nome resti sconosciuto, non vi e' la necessita' di renderlo noto; al contrario, ho ritenuto doveroso narrare episodi della seconda guerra mondiale che hanno visto il sacrificio, tra gli altri; di' un uomo come Giorgio Rizzo di Grado e di Premuda."

IL NASTRO AZZURRO

index