Alterazioni del volume e della forma dei globuli rossi

Alterazioni del numero e della morfologia dei globuli rossi

 

appunti del dott. Claudio Italiano               

 

.

globuli rossi normaliIl sangue è formato da una sospensione di cellule speciali in un liquido chiamato plasma. In un uomo adulto, il sangue costituisce circa 1/12 del peso corporeo e corrisponde a 5-6 litri. Il 55 % del sangue è costituito da plasma, il 45 % da cellule chiamate anche elementi figurati.  Nel sangue, sono presenti cellule speciali, classificate in: eritrociti e leucociti. Sono presenti anche le piastrine, che non sono però considerate vere e proprie cellule.  In condizioni patologiche si può osservare sia un aumen­to, sia una diminuzione dei globuli rossi. Inoltre, possono in diverse condizioni patologiche presentarsi modificazioni della morfologia eritrocitaria.

Per poliglobulia si intende un aumento stabile del volu­me eritrocitario totale circolante; per pseudopoliglobulia si intende un aumento numerico non assoluto degli eritrociti, ma relativo, in quanto si riferisce alla quantità degli eritroci­ti per mmc (per lo più transitorio per fenomeni di emoconcentrazione, come per esempio nelle condizioni in cui il paziente è disidratato.

 

Una riduzione del patrimonio eritrocitario (oligocitemia) si può associare o meno ad una riduzione del patrimonio emoglobinico (anemia), intendendosi con quest'ultimo ter­mine quella condizione in cui si viene ad attuare una riduzio­ne del patrimonio totale emoglobinico.

In generale, ogni qualvolta si verifica una riduzione del patrimonio emoglobinico si attua pure una riduzione del numero delle emazie.

Le alterazioni della morfologia eritrocitaria compren­dono:

Anisocitosi: presenza di emazie con notevole variabili­tà nelle dimensioni. Può essere dovuta alla presenza di macrociti (cfr anemia megaloblastica), cellule cioè più voluminose della norma come nelle condizioni di carenza di vitamina B12 e di folati, in cui i globuli non riescono a dividersi e presentano, dunque, un volume eccessivo e di microciti, (cfr anemia microcitica) cellule cioè più piccole della norma. Le prime si possono trovare non solo nelle anemie megaloblastiche, ma anche in anemie aplastiche e in corso di leucemie, mentre i microciti sono di solito presenti nelle anemie da carenza di ferro. Queste ultime sono delle forme di facile riscontro in medicina che più da vicino interessano l'internista,  Si tratta di anemie ipocromiche, cioè con scarso contenuto di emoglobina per globulo rosso, che, se viene pesata, risulta inferiore alla norma, quindi inferiore a 27 picogrammi per globulo, e che in questo caso scende anche a valori inferiori del 30%, rispetto alla norma. Inoltre il medico, leggendo l'emocromocitometrico, (in questo caso anche voi dopo che avrete letto questa pagina) valuterà, tra le righe, il volume dei globuli rossi, che normalmente è intorno a 76-80 micron cubi, e noterà che VCM sarà inferiore a tali valori, quindi i globuli sono più piccoli e, pertanto, si parlerà di microcitemia o anemia microcitica;  Altre forme di anemie con microcitosi si riscontrano nelle anemie emolitiche, nella mielosclerosi e nella talassemia.

prelievi

Link correlati al tema:     Anemie   Le anemie    Le anemie introduzione    Le anemie microcitiche sideropeniche   Le anemie macrocitiche e megaloblastiche   Le anemie mielodisplasiche    Le anemie emolitiche    Eritropoietina ed anemia    Sindromi mieloprofilerative    La policitemia, introduzione    La policitemia, diagnosi e terapia   Trombocitemia essenziale    Il mieloma    Le leucemie

 

oppure cfr    index di ematologia