L'inquinamento dell'aria

GLI INQUINAMENTI DELL' ARIA "Air Pollution"

Link correlati al tema: L'inquinamento acustico

Inquinanti ambientali

Rischio di cancro e malformazioni nelle aree del petrolchimico!

Rischio di malformazioni nelle aree del petrolchimico

Rischio di cancro del respiratorio ed inquinamento industriale

Per inquinamento dell'aria s'intende la presenza in essa di una o più sostanze estranee alla sua normale composizione, capaci in qualche modo di turbare la vita dell'uomo, i animali, dei vegetali, influendo sul loro benessere e di causare danni anche ai materiali in genere. Tale definizione che pure racchiude il pensiero di autorevoli igienisti italiani e stranieri va giudicata oggi bisognevole di alcuni perfezionamenti, in quanto bisogna considerare tra gli eventuali contaminanti dell'aria non soltanto sostanze estranee alla sua normale composizione capaci di provocare danni alla vita ed ai materiali, ma radiazioni ionizzanti (inquinamento radioattivo), onde sonore (inquinamento da rumori), odori sgradevoli.
Secondo MAMMARELLA, le principali sorgenti degli inquinamenti atmosferici possono essere così raggruppate :

Naturali
· Polveri
· Fumi
· Masse d’aria aerosolizzata
· Gas sulfurei
· Vulcani
· Combustione di boschi e foreste

Artificiali

-processi combustivi (fumi, ecc.), gas: anidride solforosa, a. carbonica, idrocarburi policiclici, ecc
-Processi di cottura
-Riscaldamento
-Fusione (polveri e materiali di esalazione),  gas (anidride solforosa, idrogeno solforato, ecc) (odori nocivi ,..)
-Lavori in miniere e perforazioni (fumi e polveri)
Processi chimici (fumi e polveri, tossiche o meno), (materiali di esalazione), gas (acido cloridrico, anidride solforosa, idrogeno solforato, ossidi di azoto, (odori noci vi )
Processi nucleari ed atomici (polveri e gas radioattivi).
 


Dall'elencazione si rileva che le sorgenti citate riguardano soprattutto inquinamenti gassosi e pulviscolari. Vi sono però altre sorgenti di inquinamento, legate alla vita i degli animali che consistono nella presenza di microbi patogeni nell'aria. Ciò non è condizionato soltanto ad animali ma a persone malate, ma può essere dovuto alla semplice presenza di animali e di persone sani, portatori tutti di microbi saprofiti ma che possono esserlo anche di patogeni, i pur non causando malattia nel portatore sano, la possono provocare in altri soggetti con cui esso viene a contatto o nel campo dell'inquinamento microbico. L’inquinamento da qualsiasi causa è un  fenomeno che coinvolge non solo i grandi centri, ma anche i piccoli paesi e talvolta le stesse aree rurali,  ha riflessi di ordine estetico, sanitario, economico, pone la necessità di un controllo che, superando le possibilità individuali, richiede interventi ben più qualificati ed organizzati a livello superiore: tali caratteristiche qualificano il fenomeno stesso quale grande e moderno problema di Sanità Pubblica. Sostanze nell'aria che possono causare danni per l'uomo e l'ambiente sono conosciute come inquinanti dell'aria. Inquinanti possono essere sotto forma di particelle solide, goccioline di liquido o gas. Inoltre, possono essere naturali o artificiali. Gli inquinanti possono essere classificati come primari o secondari. Di solito, gli inquinanti primari sono emessi direttamente da un processo, come da un'eruzione vulcanica, il monossido di carbonio nel gas di scarico di un veicolo a motore o come il biossido di zolfo rilasciato dalle fabbriche. Gli inquinanti secondari non vengono emessi direttamente. Piuttosto, essi si formano in aria quando inquinanti primari reagiscono fra loro ed interagiscono. Un esempio importante di un inquinante secondario è l'ozono troposferico - uno dei molti inquinanti secondari che costituiscono lo smog fotochimico. Alcuni inquinanti possono essere sia primari che secondari: vale a dire, sono entrambi emessi direttamente e formata da altri inquinanti primari.
 


Principali inquinanti primari prodotta dalle attività umane

Essi sono:

Ossidi di zolfo (SO x ) - in particolare l'anidride solforosa, un composto chimico con la formula di SO 2 . SO 2 è prodotto da vulcani e nei vari processi industriali. Dal carbone e petrolio spesso contengono composti di zolfo, la loro combustione genera anidride solforosa. Ulteriore ossidazione di SO 2 , di solito in presenza di un catalizzatore come NO 2 , forme H 2 SO 4 , e le piogge acide Questa è una delle cause principali di preoccupazione per l'impatto ambientale circa l'uso di questi combustibili come fonti di energia.
Ossidi di azoto (NO x ) - in particolare il biossido di azoto sono emessi dalla combustione ad alta temperatura, e sono anche prodotte naturalmente durante i temporali con scariche elettriche . Si può scorgere come una cupola nebbiosa di colore marrone o come un pennacchio nelle città. Il Biossido di azoto è il composto chimico con la formula di NO 2 . Questo gas tossico ha una caratteristica forte, odore pungente. NO 2 è uno degli inquinanti dell'aria più importanti.
Monossido di carbonio (CO) - è un gas incolore, inodore, non irritante ma molto velenosa. E 'un prodotto di combustione incompleta di combustibili come il gas naturale, carbone o legna. Veicolare di scarico è una delle principali fonti di monossido di carbonio.
Anidride carbonica (CO 2 ) - un gas incolore, inodore, non tossico, un gas serra associato anche all'acidificazione degli oceani , emesso da fonti come la combustione, dalla produzione di cemento, e dalla respirazione . Viene riciclato in atmosfera attraverso il ciclo del carbonio .
I composti organici volatili - COV sono un importante inquinante dell'aria esterna. In questo campo sono spesso divisi in categorie separate di metano (CH 4 ) e non metanici (COVNM). Il metano è un gas serra estremamente efficiente che contribuisce ad una maggiore riscaldamento globale. Composti organici volatili di idrocarburi anche altri gas ad effetto serra svolgono un ruolo significativo nella creazione di ozono e nel prolungare la vita del metano in atmosfera, anche se l'effetto varia a seconda della qualità dell'aria a livello locale. All'interno del COVNM, i composti aromatici benzene, toluene e xilene sono sospetti cancerogeni e possono causare leucemia attraverso un'esposizione prolungata. 1,3-butadiene è un altro composto pericoloso che è spesso correlato a lavorazioni industriali.
Il particolato
Il particolato (PM) o polveri sottili è costituito da minuscole particelle in sospensione allo stato solido o liquido, disciolte in un gas. Le fonti di particolato possono essere artificiali o naturali. Alcune particelle presenti in natura, provenienti da eruzioni vulcaniche, tempeste di polvere, incendi boschivi e praterie, la vegetazione viva, e gli spruzzi del mare rappresentano fonti di particolato. Le attività umane, come la combustione di combustibili fossili nei veicoli, centrali elettriche e vari processi industriali generano anche notevoli quantità di aerosol.
Radicali liberi persistenti collegato nell'aria particelle fini potrebbe causare malattie cardiopolmonari.
 
Metalli tossici, come piombo , cadmio e rame.
Clorofluorocarburi (CFC) - dannosi per l' ozono emessi dai prodotti attualmente vietato l'uso.
L'ammoniaca (NH 3 ) - emessa dai processi agricoli. L'ammoniaca è un composto con la formula NH3 . Si è un gas con un caratteristico odore pungente. L’ammoniaca contribuisce in modo significativo alle esigenze nutrizionali degli organismi terrestri, servendo come un precursore di generi alimentari e fertilizzanti. L’ammoniaca, direttamente o indirettamente, è anche un elemento fondamentale per la sintesi di molti farmaci. Anche se in largo uso, l'ammoniaca è caustica e pericolosa.

Odori - come da spazzatura, liquami, e processi industriali
Inquinanti radioattivi - prodotto da esplosioni nucleari , eventi nucleari, la guerra esplosivi , e dei processi naturali, come il decadimento radioattivo del radon .
Inquinanti secondari comprendono:
Particolato formato da gas inquinanti primari e composti nella smog fotochimico. Lo smog è una sorta di inquinamento atmosferico, la parola "smog" è un sinonimo di fumo e nebbia. Una fonte moderna di smog di solito non viene dal carbone, ma dalle emissioni veicolari e industriali per formare inquinanti secondari che si combinano anche con le emissioni primarie per formare lo smog fotochimico.
L'ozono troposferico (O3 ) formata da NO x e COV. L'ozono (O3 ) è un costituente fondamentale della troposfera. E 'anche un importante costituente di alcune regioni della stratosfera comunemente noto come lo strato di ozono. Reazioni chimiche e fotochimiche che coinvolgono guidarla molti dei processi chimici che avvengono nell'atmosfera di giorno e di notte. A concentrazioni anormalmente elevate causato dalle attività umane (in gran parte dalla combustione di combustibili fossili), è un inquinante, e componenti di smog.
Perossiacetilnitrato (PAN) - similmente formata da NO x e COV.

cfr  indice argomenti della visita