Ambiente Milazzo

Livelli di metalli pesanti in adolescenti che vivono nell'Area Industriale di Milazzo-Valle del Mela (Sicilia settentrionale)

[Levels of Heavy Metals in Adolescents Living in the Industrialized Area of Milazzo-Valle del Mela (Northern Sicily)].

 
Si ringrazia il prof. Francesco Squadrito per il lavoro miliare svolto per Milazzo e per la cortesia ricevuta nel pubblicare questo abstract. Claudio Italiano

Prof. Squadrito Francesco, Universita MessinaAutori dello studio: Monica Interdonato, Alessandra Bitto, Gabriele Pizzino, Natasha Irrera, Giovanni Pallio, Anna Mecchio, Antonino Cuspilici, Letteria Minutoli, Domenica Altavilla, e Francesco Squadrito

Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Sezione di Farmacologia, Università di Messina,Torre Biologica 5th Floor, c / o AOU Policlinico G. Martino, Via C. Valeria Gazzi, 98125 Messina, Italia
Assessorato Territorio Ed Ambiente, Regione Sicilia, Via Ugo La Malfa, 90146 Palermo, Italia
Dipartimento di Pediatria, Ginecologia, microbiologiche e Scienze Biomediche, Università degli Studi di Messina, 98125 Messina, Italia
cfr anche cadmio e pubertà   cadmio e stress ossidativo e danneggiamento DNA  livelli metalli pesanti Milazzo Valle-Mela

Sommario


Nella zona di Milazzo-Valle del Mela, la presenza di impianti industriali e la raffineria petrolifera creano problemi di salute ai residenti del luogo. Per questo motivo, abbiamo valutato i livelli di metalli pesanti in 226 bambini di età compresa tra 12-14 anni, che vivono nei 7 comuni dell'area. Una popolazione di pari età di controllo (n = 29) che vive a 45 km dal sito industriale è stato arruolata. Arsenico, cadmio, cromo, mercurio, nickel, e vanadio sono stati analizzati in campioni di urine delle 24 h, mentre la concentrazione di piombo è stata valutata in campioni di sangue. Un questionario per quanto riguarda lo stile di vita e la percezione del rischio è stato anche somministrato. I ragazzi dell'hinterland tra Milazzo-Valledel Mela avevano livelli di cadmio significativamente superiori rispetto a entrambi i controlli (p <0.0001)ai valori di riferimento de European Germany Environmental Survey (GerES-IV) (Geres-IV) e del National Health and Nutrition Examination Survey americano (NHANES). Inoltre, i bambini hanno dimostrato una maggiore percezione di vivere in un ambiente ad alto rischio. I dati presenti, innanzitutto, indicano chiaramente che gli adolescenti che vivono in Milazzo-Valle del Mela hanno una accresciuta concentrazione di cadmio nel corpo, che può essere dannoso per la salute umana e. Questi risultati meritano una particolare attenzione da parte del governo locale e regionale per avviare programmi di prevenzione su questa popolazione suscettibile. Nel 1986, il ministero dell'Ambiente italiano ha ufficialmente riconosciuto un certo numero di aree ad alto rischio in tutta Italia, ed inoltre negli ultimi due decenni altre aree sono state aggiunte alla lista. Il numero attuale di aree ad alto rischio è 53, tra cui 3 in Sicilia, dove le attività industriali attuali hanno causato cambiamenti ambientali che possono essere dannosi per la salute umana. La regione siciliana ha tre siti contaminati: le aree di Milazzo-Valle del Mela, Augusta-Melilli-Priolo, Gela. Uno studio epidemiologico recente in una coorte di soggetti che vivono nella contrada Gabbia  (Valle del Mela zona) ha dimostrato che il tasso di mortalità ed il numero di dimissioni ospedaliera record per il cancro si sono incrementati. In accordo con questi risultati, l'analisi della Osservatorio  Epidemiologico per i tumori specifici mostrato aumento statisticamente significativo nella percentuale di colon e tumori del retto e mieloma multiplo. Inoltre, tale analisi ha sottolineato che popolazione femminile mostrato un aumento di incidenza di cancro al seno, mentre la popolazione di sesso maschile ha avuto un aumento significativo dei tumori maligni della trachea, bronchi e polmoni, il sistema nervoso centrale, e della tiroide. Pochissimi studi hanno affrontato i possibili effetti di basse esposizioni ambientali croniche a miscele di pesanti metalli nella popolazione generale dei paesi industrializzati, in particolare per quanto riguarda le possibili interazioni con organi e tessuti. Inoltre, vi è una scarsità definita di dati riguardanti i bambini; questa è una causa specifica di preoccupazione: infatti, si sa che i bambini assorbono più facilmente e prontamente i metalli rispetto agli adulti e sono particolarmente Area industriale a rischio ambientale per metalli pesantisensibili per motivi biologici e di sviluppo. La maggior parte delle nostre conoscenze relative agli effetti sullaIndustrie a Milazzo salute dei metalli tossici deriva principalmente da studi condotti su popolazioni con esposizione relativamente elevata, come i lavoratori nell'industria o in ambienti pesantemente inquinati. Solo negli ultimi anni alcuni studi riguardanti il biomonitoraggio umano (HBM) hanno affrontato i possibili effetti di una esposizione ambientale cronica a basse concentrazioni di miscele di questi metalli nella popolazione dei paesi industrializzati, soprattutto dei soggetti particolarmente sensibili, come gli adolescenti. Infatti, sono state espresse preoccupazioni che i bambini possano essere più sensibili all'esposizione tossica rispetto agli adulti perché essi hanno in proporzione una maggiore assunzione di contaminanti alimentari, un attivo processo di sviluppo, più vie di esposizione, e attività socio sensibili. Guardando alla situazione preesistente HBM in Italia, la valutazione della dose interna di metalli nell'ambito della popolazione generale è disponibile solo per alcune aree geografiche d'Italia e solamente nella regione Lazio sono stati studiati i bambini. Inoltre, non sono disponibili dati per la regione Sicilia. Per superare questa mancanza di informazioni, alcuni paesi traggono valori di riferimento per la popolazione generale degli adolescenti utilizzando dati provenienti da indagini di un gran numero di individui, come dallo studio tedesco ambientale (Geres IV) e da U.S.National Health and Nutrition Examination Survey . Alla luce di queste osservazioni, l'obiettivo primario di questo lavoro è stato quello di effettuare uno studio di biomonitoraggio in adolescenti che vivono nella zona di Milazzo-Valle del Mela per identificare la loro esposizione ad arsenico, cadmio, cromo, piombo, mercurio, nichel e vanadio: infatti, questi metalli pesanti sono tipiche emissioni di raffinerie di petrolio e centrali termoelettriche che sono localizzato nelle vicinanze.

Risultati

Concentrazioni dei metalli pesanti negli adolescenti rispetto al gruppo di controllo

indice argomenti su ambiente di Milazzo