Mare di Milazzo e dedica a Calipso

Milazzo ed il suo mare

O mia Dea Calypso,
chiudi gli occhi e cavalca con me il mondo dei colori di questo mare,
dove Odisseos navigò per ingannare il Ciclopico Polifemo
e poscia giungere nelle terre di cui Eolo era sovrano,
e che da lui si nomarono Eolie...
Tuffa le belle membra e godi sulla tua pelle eburnea
la spuma frizzante del nostro procelloso pelago,
che avvolge le belle membra sinuose di femmina.
Calati nei silenzi dorati della sera estiva del Capo
nei soavi effluvi mediterranei, quando il canto monotono della cicala
turba l'abbraccio degli amori furtivi...
e pensami tra le tue braccia, tra ll'eccitante afrore
del tuo corpo di donna, Calipso... pensami...
lontano dai fragori delle ferree canne e dei fumi pestiferi di levante, pensami!

Una volta Iddio consegnò ad un popolo di marinari una spiaggia bellissima detta "Ngonia", cioè angolo ma essi, stolti ed insani, non capirono il dono ricevuto!

VIDEO VIDEO VIDEO VIDEO !

Nelle pagine dedicate al grande Federico De Robero, si descrive,  in questo sitoweb, il mare di Milazzo, attraverso il racconto dello scrittore, grazie a videoclip realizzati dal sottoscritto, i cui link sono appresso riportati:

video clip introduttivo a cura di Claudio Italiano

video clip sulla spiaggia di Ponente come descritta dal De Roberto

video clip sul Capo dove si ammira lo spettacolo del Faro e delle Eolie

video clip sulla Marina Garibaldi in tempesta

video clip sulla Marina in tempesta video finale

 

 

 

Tramonto alla spiaggia di ponente con sfondo di Vulcano (isole Eolie)

 INDEX

index ambiente Milazzo