LA FAUNA DELLA RISERVA DI CAPO MILAZZO

a cura di Mario Crisafulli  per info Pippo Ruggeri   cell. +39 3381467505

vedi parte prima Riserva del Capo, la fauna parte 1°

Uccelli della Riserva di Capo Milazzo

 

Il famoso libro di Mario Crisafulli

Milazzo Natura, libro  di Mario Crisafulli

Appartenenti alla famiglia dei Corvidi sono il corvo imperiale (Corvus corax), la taccola (Corvus monedula), nidificanti nel Promontorio, e la gazza (Pica pica), che nidifica in tutto il territorio e che frequenta soprattutto i campi coltivati.  Fra ì numerosi uccelli acquatici migratori sono abbastanza regolari alcuni cicogniformi della famiglia degli Ardeidi, come il tarabusino (Ixobrychus  minutus), la garzetta (Egretta garzetta) e l'airone cenerino (Ardea cinerea); questi in autunno e in primavera, durante le migrazioni, sostano lungo le spiagge, le scogliere del Promontorio e lungo i greti dei torrenti, quando lasciano o raggiungono le aree di riproduzione nelle zone umide d'Europa. Il tarabusino e l'airone cenerino sono nidificanti anche in Sicilia. Per quanto riguarda le specie legate agli ambienti antropizzati ricordiamo la passera sarda (Passer hispaniolensis), la passera mattugia (Passer montanus), che nidificano nei buchi dei muri e sugli alberi delle aree rurali, e il balestruccio (Delichon urbica) una rondine frequente nei cieli milazzesi dalla primavera all'autunno, che costruisce il suo nido di fango sotto i cornicioni degli edifici più alti e in alcune pareti rocciose del Promontorio.

Tarabusino

Tarabusino, Capo Milazzo

Upupa

Upupa, Milazzo, Riserva del Capo

Nei giardini e nelle campagne si incontrano spesso il merlo (Turdus merula), che nidifica soprattutto nei frutteti, il codirosso spazzacamino (Phoenicurus ochruros) e il pettirosso ( Erithacus rubecula), che a Milazzo sono solo svernanti; queste specie, non essendo particolarmente diffidenti dell'uorno, spesso sono visibili nei cortili o sui tetti delle case. Inoltre, recentemente nei coltivi della Piana è stata osservata la nidificazione dell'upupa (Upupa epops) . Particolare importanza per l'equilibrio degli ecosistemi rivestono le specie insettivore, come la capinera (Sylvía atricapilla), l'usignolo di fiume (Cettia cettí) e l'occhiocotto (Sylvía melanocephala). Questi uccelli, appartenenti alla famiglia dei Silvidi, nidificano sul suolo e nella vegetazione bassa, dove cacciano piccoli invertebrati, fra i quali anche alcuni aracnidi, come le zecche che, in presenza insufficiente di questi piccoli volatili e di altri predatori (lucertole, scinchi, toporagni), possono proliferare in modo veramente "fastidioso" per l'uomo. Le infestazioni, infatti, sono

Il gheppio

Il gheppio, Milazzo, Riserva del Capo

generalmente causate da fenomeni di degrado ambientale, come gli incendi., che distruggono l'habitat degli insettivori (macchie, cespugli, siepi) e il pascolo eccessivo, che oltre a favorire la riproduzione dei parassiti per la presenza diffusa di animali a sangue caldo (ospiti), ostacola il ripristino della vegetazione spontanea.  Fra i passeriformi frequentatori invernali di prati e campi coltivati ricordiamo alcune specie che si distinguono per la vivacità dei colori delle loro livree, come lo zigolo nero (Emberiza cirlus), della famiglia degli Emberizidi e alcuni fringillidi. Fra questi  l'Upupa (epops). il fringuello (Fringílla coelebs), il verdone (Carduelis chloris) e il cardellino (Carduelis carduelis) in primavera generalmente si spostano nella vicina fascia collinare e montana dei Peloritani per la riproduzione, mentre il verzellino (Serimus serinus) modifica in modo regolare nei frutteti delle campagne milazzesi. Di recente è stata inoltre osservata la nidificazione della ballerina gialla (Motacilla cinerea), specie che fino ad oggi si riteneva solo svernante nel territorio di Milazzo.

 

 

 

AVIFAUNA NIDIFICANTE
Falco pellegrino (Falco peregrinus)
Gheppio (Falco tinnunculus)
Piccione selvatico (Columba livia)
Barbagianni (Tyto alba)
Assiolo (Otus scops)
Cívetta (Athene noctua)
Upupa (Upupa epops)
Balestruccio (Delíchon urbica)
Ballerina gialla (Motacilla cinerea
Scricciolo (Troglatydes troglatydes)
Passero solitario (Monticola solitarius)
Merlo (Turdus merula)
Usignolo di fiume (Cettia cetti)
Capinera (Sylvia atricapilla)
Occhiocotto (Sylvía melanocephala)
Averla capirossa (Lanius senator)
Gazza (Píca píca)
Taccola (Corvus monedula)
Corvo imperiale (Corvus corax)
Passera sarda (Passer híspaniolensis)
Passera mattugia (Passer montanus)
Cardellino (Carduelis carduelis)
Verdone (Carduelis chlorís)
Verzellino (Serius serius)

AVIFAUNA NON NIDIFICANTE
Cormorano (Phalacrocorax carbo)
Marangone dal ciuffo (Phalacrocorax aristotelis)
Tarabusino (Ixobrychus minutus)
Garzetta (Egretta garzetta)
Airone cenerino (Ardea cinerea)
Oca lombardella (Anser albifrons)
Poiana (Buteo buteo)
Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus)
Quaglia (Coturnix coturnix)
Re di quaglie (Crex crex)
Pavoncella (Vanellus vanellus)
Beccaccino (Callinago gallinago)
Beccaccia (Scolopax rusticola)
Piro-piro piccolo (Actitís hypoleucos)
Gabbiano comune (Larus ridibundus)
Gabbiano reale (Larus cachinnans)
Tortora (Streptotelia turtur)
Martin pescatore (Alcedo atthis)
Allodola (Alauda arvensís)
Calandro (Anthus campestrís)
Ballerina bianca (Motacílla alba)
Cutrettola (Motacíllaflava)
Saltimpalo (Saxicola torquata)
Pettirosso (Erithacus rubecula)
Codirosso spazzacamino (Phoenicurus ochrurus)
Beccafico (Sylvia borin)
Cinciallegra (Parus major)
Rigogolo (Oriolus oriolus)
Storno (Sturnus vulgaris)
Cornacchia grigia (Corvus corone)
Fringuello (Fringilla coelebs)
Zigolo nero (Emberiza cirlus
 

Torna all'indice argomenti sull'ambiente

 >> riserva del capo fauna, parte 3°