Corticosteroidi: budesonide, fluticasone, desametasone, triamonolone, betamasone, deflazacort, prednisolone, prednisone

Corticosteroidi: budesonide, fluticasone, desametasone, triamonolone, betamasone, deflazacort, prednisolone, prednisone

appunti del dott. Claudio Italiano

BUDESONIDE

cfr prima corticosteroidi

Il composto in commercio trova indicazione nel trattamento dell'asma bronchiale

Farmacocinetica

Assorbimento.

  La budesonide, somministrata sia nella formulazione spray che in polvere, è caratterizzata da una bassa deposizione polmonare e da un'elevata deposizione orofaringea. Dopo inalazione orale il prodotto viene assorbito regolarmente dal polmone, mentre la quota depositata a livello orofaringeo viene degiutita e assorbita a livello gastrointestinale.

Distribuzione

.Uno svantaggio della somministrazione di polveri è rappresentato dalla necessità di un flusso inspiratorio elevato per poter sospendere la polvere. I bambini, gli anziani e coloro che soffrono di esacerbazione d'asma posono non essere in grado di produrre un adeguato flusso d'aria inspiratorio. A conferma di quanto sopra la budesonide, somministrata sia in spray, che in special modo in polvere, è pertanto caratterizzata da una bassa deposizione polmonare (circa 10%) e da una elevata deposizione nel tratto orofaringeo (circa 55-65%).

Metabolismo.

  Della quota somministrata, nonostante una parziale met-ibolizzazione durante il primo passaggio epatico in metaboliti con scarsa attività glucocorticoide, ben il 10% rimane ancora attivo e quindi può provocare l'insorgenza di effetti sistemici. Se il farmaco viene somministrato per inalatoria tale quota sale al 21 %.

Eliminazione

La quota assorbita viene eliminata parzialmente per ,ia naria, e in piccola parte con le feci.

 

budesonide

Controindicazioni e precauzioni

Ipersensibilità individuale nota alla budesonide, tubercolosi polmonare e tre infezioni batteriche, virali e micotiche a carico delle vie aeree. La budesonide non è efficace nelle crisi d'asma in atto.

Nei pazienti in terapia con corticosteroidi per via orale il passaggio all’impiego della sola budesonide per via orale deve avvenire gradualmente. L'uso nei primi tre mesi di gravidanza e durante l'allattamento è sconsigliato. Particolare precauzione d'uso va posta nei bambini, essendo stata di mostrata da alcuni studi un soppressione dose dipendente a breve termine della crescita.

Effetti collaterali

Possono verificarsi irritazioni della gola, raucedine, abbassamento della voce, secchezza e sapore sgradevole in bocca, nausea e infezione da Candida nell'orofaringe. La frequenza di questi effetti può aumentare con la dose assunta durante la giornata. L'assunzione prolungata del prodotto può determinare una soppressione dell'asse ipofisario e surrenalico. Tale effetto risulta evidente a dosi di budesonide pari a 600-800 μg/die e quindi ampiamente nell'ambito del dosaggio raccomandato. La soppressione dell'asse ipofisi-surrene, oltre a provocare effetti sistemici, può rendersi evidente al momento della sospensione della terapia, che pertanto deve essere graduale.

Uso e somministrazione

La dose raccomandata è di 400-800 μg/die da suddividersi in 2-4 volte.

Preparazioni commerciali

Pulmaxan Turbohaler 200 inal polv 200 gg/dose, Pulmaxan Turbohaler 400 inal polv 400 μg/dose.

FLUTICASONE

Il composto in commercio trova indicazione nel controllo dell' evoluzione della malattia asmatica e della condizione di broncostenosi. 

Farmacocinetica

Distribuzione. La formulazione spray determina una deposizione polmonare e orofaringea paragonabile a quella degli altri MDI; per migliorare tale distribuzione è necessario usare dispositivi appositi. L'erogatore polveri denominato diskhaler sembra determinare una deposizione polmonare pari a solo l’l 1% della dose erogata.

Metabolismo.

Della quota somministrata, nonostante una metabolizzazione epatica in metaboliti di scarsa attività, ne riguita biodisponibile secondo alcuni Autori circa il 12%.
D'altro canto, una quota del farmaco sembra venire assorbita a livello polmonare determinando livelli ematíci bassi ma rilevabili. I dati appaiono in contrasto con quanto affermato dall'azienda produttrice. 
 

Controindicazioni e precauzioni 

Ipersensibilità individuale verso i componenti. Il fluticasone non è adatto per la terapia sintomatica delle esacerbazioni asmatiche.
 Il paziente deve essere adeguatamente istruito sulle modalità corrette di inalazione. In corso di trattamento a lungo termine possono verificarsi alcuni effetti sistemici.
 Le informazioni sulla tollerabilità in gravidanza sono ancora limitate. per cui la somministrazione dovrebbe essere presa in considerazione solo se il beneficio atteso è superiore ai rischi per il feto. Non è noto se il fluticasone venga escreto nel latte materno.

Effetti collaterali

Possono verificarsi candidosi orofaringea e raucedine.
A dosaggi pari a 2000 μg/die si determina alterazione dell'asse ipotalamoipofisi.

Uso e somministrazione 

La dose raccomandata è pari a 100-1000 μg/die 2 volte al giorno. La dose iniziale deve essere stabilita in funzione della gravità della malattia. ad esemrl,forme lievi 100250 ~tg 2 volte/die, forme moderate 250-500 μg 2 volte die,
 Preparazioni commerciali
 * Flixotide Forte aerosol dosato a 250 gg/dose.

TRIAMONOLONE E TRIAMONOLONE ACETATO

 Glucocorticoide classificato come agente antiinfiammatorio e antiasmatico, è presente in Italia in composti per via orale e parenterale, e oltre che topici per uso dermatologico. Fuori dal nostro Paese sono disponibili forme per via inalatoria.

Farmacocinetica

 I dati riguardanti la farmacocinetica sono ovviamente più ricchi per le prepazioni utilizzate per via sistemica. Per quanto concerne la via inalatoria, è da ricordare che il 10-25% della dose inalata viene distribuito nel polmone e che la restante parte è inghiottita o depositata nella bocca. Inoltre i metaboliti derivanti da una biotrasformazione prevalentemente epatica risultano essere inattivi. Una modesta porzione può essere metabolizzata localmente nel polmone. L'emivita biologica risulta essere di 18-36 ore. Il triamcinolone, disponibile in dose di 100 μg può essere somministrato anche 16 volte in un giorno.

Controindicazioni e precauzioni

Sono simili agli altri corticosteroidi somministrabili per via inalatoria.  

Effetti collaterali 

Non sono frequenti e sono comunque di lieve entità. Fra i più infrequenti si ricordano broncospasmo, irritazione alla cavità orale, rash, soppressione della risposta immunitaria.

DESAMETASONE FOSFATO

E’ un glucocorticoide classificato come antiinfiammatorio, la cui dose di 750 μg corrisponde a 5 mg di prednisolone. In altri Paesi è disponibile anche la forma per via inalatoria orale o endonasale per la terapia dell'asma. In Italia è disponibile la forma per via nasale, ma con indicazioni diverse, dalle riniti anche allergiche alle congiuntiviti.

Farmacocinetica

Il 30-50% della dose inalata oralmente viene assorbito per via sistemica. Distribuito in massima parte attraverso la bocca e il faringe, in minima parte attraverso la trachea e i bronchi, raggiunge rapidamente i muscoli, il fegato, la cute, l'apparato enterico e il rene. Si lega debolmente con le proteine plasmatiche, attraversa la barriera placentare e si ritrova nel latte materno.
 Il metabolismo è prevalentemente epatico, dando luogo a metaboliti inattivi glucuronati e solfati, che vengono poi escreti dal rene. L'emivita è di 36-54 ore. 
Per la terapia di asma bronchiale da moderata a severa, il desametasone può essere inalato da 3 a 12 volte al giorno. 

Controindicazioni e precauzioni 

I preparati a base di desametasone non devono essere impiegati nei casi acuti d'asma, né in pazienti con lesioni cutanee da herpes e miceti, né in pazienti con diabete mellito, ulcera peptica o tubercolosi. 

Effetti collaterali

 Sono rappresentati da ipertensione, cefalea, nausea soppressione ipofisaria, epistassi, petecchie, rash.
 Preparazioni commerciali
 In combinazione con ossimetazolina: * Nasicortin soluzione con pipetta 10mL. In combinazione con tonzonio bromuro: * Rinedrone nebulizzatore 15 g.
 Corticosteroidi per via orale e per via parenterale
 La scelta dì un trattamento orale va operata solo dopo il fallimento di quello inalatorio a dosi elevate, utilizzando molecole a breve durata d'azione e per un tempo comunque limitato. Ciò è particolarmente importante nell'anziano, dove è necessario porre attenzione a diminuìre la dose o limitare l'impiego di ogni altro farmaco che venga assunto contemporaneamente, con particolare riguardo agli anticonvulsivanti. agli antiacidi a base di salì di alluminio, all'eparina, ai FANS, ecc.
 Altrettanta attenzione va posta nel controllare il quadro elettrolitico, spesso già compromesso, e in particolar modo la kaliemia. poiché gli steroidi e i diuretici, frequentemente associati, possono portare a un pericoloso stato di impoverimento di potassio.
 In questo volume verranno citati composti tra i più usati nella terapia pneumologica, quali il betametasone, il deflazacort, il prednisoIone e il prednisone.

BETAMETASONE

Glucocorticoide che trova indicazione in varie forme patologiche. in campo pneumologico è utilizzato nella terapia dell'asma sia per via orale che per via iniettiva. E’ disponibile sotto forma di vari sali, di cui il fosfato sodico è il più utilizzato, anche in associazione con l'acetato. 0.75 mg di betametasone corrispondono a 25 μg di cortisone e a mg di prednisolone.

Farmacocinetica

Assorbimento . Il betametasone viene assorbito dal tratto gastroenterico Vista la sua alta solubilità in acqua, se viene iniettato per via endovenosa fornisce una risposta rapida, se viene iniettato per via intramuscolare può garantire un effetto abbastanza prolungato.
 Distribuzione. E’ rapidamente distribuito a tutti i tessuti, si lega strettamente alle proteine plasmatiche, soprattutto alle globuline per circa il 65%. Si ncorda che, come la maggior parte dei corticosteroidi, il legame con le globuline ha un'alta affinità e bassa capacità, al contrario del legame con l'albumina. che ha bassa affinità e grande capacità di legame. li betametasone ha una biodisponibilità dei 72% e un tempo di dimezzamento pari a cìrca 6 ore.
 Metabolismo. Il betametasone viene metabolizzato in larga misura nel iegato e parzialmente nel rene. L'eliminazione avviene per via biliare e per via renale.

Controindicazioni e precauzioni

 Il betametasone non deve essere utilizzato in pazienti in cui sia stata accertata ipersensibìlità al farmaco o a componenti la preparazione. Non deve essere utilizzato altresì nei pazienti sottoposti a vaccinazioni, poiché il farmaco può sopprimere la risposta immune.
E’ necessario non utilizzare il betametasone in pazienti che facciano contemporaneo uso di corticosteroidi per via inalatoria.
 Il farmaco va usato con cautela in soggetti portatori di ulcera gastrointestinale gastrite erosiva disfunzioni renali osteoporosi, diabete mellito, tubercolosi, cirrosi glaucoma, cataratta, disturbi tromboembolici, ipertensione arteriosa, instabilità psichica.

Effetti collaterali

Le più comuni reazioni nell'anziano sono insonnia ed euforia, seguite da nausea, ipoglicemia, mialgia, ipokaliemia, ritenzione di sodio e di liquidi.
 Uso e somministrazione
 La dose usuale di betametasone o del suo sale fosfato sodico per via orale corrisponde a 0.5-5 mg al giorno espressa in termini di betametasone, suddivisa in vari tempi.
 Per quanto riguarda la via parenterale, il fosfato sodico di betametasone può essere iniettato per via endovenosa o intramuscolare in dosi equivalenti da 4 a 20 mg di betametasone
 Preparazioni commerciali
Betametasone: * Celestone compresse 0.5 mg, liquido 0.5 mg/mL os gocce, fiale iniettabili 4 mg. Betametasone fosfato sodico: * Bentelan compresse effervescenti 0.5 nig, Bentelan-R compresse effervescenti 1 mg, Bentelan fiale ev o im 1.5 mg, 4 mg, Bentelan Depot 5 mg fiale im; * Celestone-AR confetti 1 mg, Celestone Cronodose 6 mg fiale im; * Minisone compresse effervescenti 0.5 mg.

DEFLAZACORT

E’ un glucocorticoide di recente introduzione in commercio. Le caratteristiche farmacocinetiche song paragonabili a quelle degli altri glucocortìcoidi, tranne per la minore incidenza di effetti collaterali rispetto soprattutto al prednisone e prednisolone.
 La dose per via orale va da 6 a 90 mg/die suddivisi in vari tempi.
 Preparazioni commerciali
 * Deflan compresse 6 mg, 30 mg, gocce * Flantadin compresse 6 mg, 30 mg.

PREDNISOLONE

E' un glucocorticoide utilizzato in varie patologie, comprese quelle pneumologiche, ed è disponibile sotto forma di sali differenti, di cui l'acetato è il più usato nella terapia dell'asma. Relativamente all'attività antiinfiammatoria 5 mg corrispondono a 25 mg di cortisone.

Farmacocinetica

Assorbimento. Avviene attraverso il tratto gastroenterico ed è compromesso dall'introduzione di cibo.
Distribuzione. Si distribuisce in tutto l'organismo. Il picco di concentrazione plasmatica viene raggiunto 1-2 ore dopo la somministrazione orale e la sua emivita plasmatica è di 2-4 ore. Il prednisolone si lega strettamente alle proteine plasmatiche.
Metabolismo. Si deve ricordare che il prednisolone esiste informa metabolicamente attiva, mentre il prednisone deve essere convertito in prednisolone. Questa conversione è generalmente rapida, necessitando di un'emivita di 60 minuti. Viene biotrasformato in metaboliti inattivi, quali glucuronato e solfato.
 Eliminazione. Il prednisolone è escreto nelle urine sia in forma libera che sotto forma di metaboliti coniugati.

Controindicazioni, precauzioni, effettì collaterali, interazioni

Sono simili a quelli degli altri corticosterodi, con una ridotta propensione rare ritenzione sodica, sbilanciamento elettrolitico ed edemi (v. prednisone).
 Uso e somministrazione
 Nella forma per via orale è solitamente impiegato il prednisolone acciaio dosi di 5-60 mg/die somministrate in tempi diversi.
 Per via parenterale, intramuscolare o endovenosa, si preferisce del fosfato sodico alle dosi di 4-60 mg/die.

Preparazioni commerciali

Prednisolone: * Cortisolone compresse 5 mg; * Meticortelone compresse 2.5 mg, 5 mg. 
Prednisolone acetato: * Meticortelone fiale 125 mg: * Metilbetasone solubile fiale im 80 mg.
 Prednisolone emisuccinato sodico: * Soludacortin fiale ev 10 mg -` mg
 Prednisolone acetato e prednisolone + prednisolone e cortisone acetato.
 * Dutimelan 8-15 confetti 7 mg e 4 mg + 3 mg e 15 me. Dutimelan 15 Mite confetti 4 mg e 2 mg + 2 mg e 8 mg.
 

PREDNISONE

Il prednisone è un glucocorticoide biologicamente inerte, poiché viene convertito in prednisolone nel fegato. Per quanto concerne l'attività antiinfiammatoria, 11 mg corrispondono a 10 mg di prednisolone. 

Farmacocinetica

 Assorbimento. Avviene nel tratto gastroenterico. Dopo somministrazione orale si raggiunge il picco in 1-2 ore.  
Distribuzione. Viene distribuito rapidamente nei muscoli, fegato, cute, intestino e rene, Si lega strettamente alle proteine plasmatiche, ma solo la porzìone slegata è attiva.
 Metabolismo. E' metabolizzato nel fegato nel metabolita attivo, il prednisoIone.
Eliminazione. L'eliminazione avviene soprattutto attraverso il rene. Solo una minima parte viene escreta nelle feci.

Controindicazioni e precauzioni

Il prednisone non deve essere usato in pazienti con ipersensibilità accertata a preparazioni contenenti adrenocorticoidi, né in pazienti sottoposti a vaccinazioni. Il prednisone deve essere usato con cautela in soggetti con ulcera gastroduodenale, disfunzioni renali, ipertensione arteriosa, diabete mellito, disturbi della coagulazione, tubercolosi, ipoalbuminemia, ipotiroidismo, cirrosi instabilità emotiva e tendenze psicotiche, iperlipidemia, glaucoma, cataratta.

Effetti collaterali

 I più comuni sono euforia insonnia, disturbi del simpatico, ma non rari sono edemi, cefalea, comportamenti psicotici nervosismo, cambiamenti di umore, irritazione gastrica, aumento dell'appetito, pancreatite, ipokaliemia, ritenzione di sodio, iperglicemia, osteoporosi, eruzioni cutanee, irsutismo, atrofia muscolare.

 Interazioni

Comuni e importanti sono le interazioni con altri farmaci, comunemente utilizzati dal paziente anziano. Se ne citeranno alcune. Gli antiacidi diminuiscono l'effetto del prednisone. I barbiturici e la fenitoina diminuiscono l'effetto a causa di una maggiore induzione enzimatica a livello epatico. L'insulina e gli antidiabetici orali causano ipoglicemia. L'isoniazide e i salicilati provocano alterazioni del dosaggio, per un incremento dei loro metabolismo. Gli anticoaguianti orali diminuiscono d'effetto. Il prednisone diminuisce la risposta anticorpale in seguito alla somministrazione di vaccini aumentando il rischio di complicanze neurologiche. I diuretici depletori di potassio associati a prednisone aumentano il rischio di ipokaliemia.

Uso e somministrazione.

La dose giornaliera è di 5-40 mg/die. Occorre supplementare con calcio e Vitamina D.
 Preparazioni commerciali.
Deltacortene compresse 5 mg/25 mg

 

cfr anche indice di pneumologia