Eritema o arrossamento della pelle

Generalità su Eritema o arrossamento della pelle

 

a cura del dott. Claudio Italiano

Dermatologia

  • Prurito

  • Lesioni elementari dermatologiche

  • Lesioni elementari dermatologiche 2

  • Lesioni della pelle scure

  • Lesioni della pelle rosse

  • rosacea

  • Definizione

    Si definisce eritema la dilatazione e la congestione dei vasi sanguigni, cioè del microcircolo dei capillari della cute, che determina un  arrossamento della pelle, come espressione del fenomeno di Il dott. Claudio Italianoinfiammazione e di irritazione cutanea. Si parla di eritema attivo L’eritema può essere localizzato o generalizzato e può insorgere immediatamente o gradatamente, la pelle può assumere un colore che vira dal rosso vivo al rosso violaceo, congesto.  Se, viceversa, parliamo di porpora, questa si definisce anche come arrossamento della cute, ma è dovuta al microsanguinamento interno, dunque per vasculite.L'immagine si rifà ad un nostro caso di vasculite, cioè stiamo parlando delle porpore con interessamento dei capillari, leggi il testo- Dai casi clinici del dott. Claudio Italiano

    La prova che si tratti di un eritema si attua impiegando un banale vetrino sulla cute: in questi casi la pelle, essendo schiacciata, anche la circolazione si arresta e la cute si schiarisce, mentre la porpora resta tale.  Ciò è la comprova che l’eritema dipende dall’arrossamento della cute su base microcircolatoria, per modificazioni del circolo ematico di capillari e piccoli vasi e riconosce meccanismi farmacologici, immunologici e neurologici, potendo derivare da:

    Traumi e cause fisiche e radianti, chimiche

    Danno tissutale

    Reazioni allergiche

    Ustioni ed eritema solare

    Infezioni micotiche

    Lesioni eritematose in corso di psoriasi infezioni

    malattie esantematiche

    malattie autoimmuni

    infiammazione in generale

    farmaci

    disvitaminosi

    Anamnesi

    La prima cosa da fare è raccogliere una buona anamnesi. L’eritema si accompagna a prurito? E’ iniziato da poco?  C’è stata febbre? Il paziente ha infezione alle vie respiratorie o dolore articolare?  Sta assumendo farmaci? Ha edemi o altre lesioni cutanee? La cute è calda?

    Cause dell’eritema

    In primis, le reazioni allergiche ad alimenti, farmaci e sostanze chimiche possono dare eritema, talora anche con brutte reazioni urticarioidi ed edema. L’anafilassi è una condizione predisponente, cioè si tratta di un’estrema reazione allergica che provoca intenso arrossamento cutaneo, edema della faccia e, peggio ancora, della glottide (chi vi scrive ne ha affrontato qualche caso!), shock cardiogeno per broncospasmo, sudorazione, debolezza.

     

    Ustioni

     Nelle ustioni termiche dapprima vi è edema del tessuto, quindi arrossamento ed infine la comparsa di vesciche che tecnicamente si chiamano “bolle” o flittene. Nel caso di esposizione al sole, si avrà per effetto dei raggi ultravioletti eritema diffuso, quindi anche la comparsa di bolle e dolorabilità nelle zone esposte.

    dermatite seborroica del neonato, per esempio se non è stato allattato al seno!

    Dermatiti

    . Abbiamo già parlato in questo website di dermatite atopica che segue all’esposizione della pelle a sostanze allergizzanti o agenti irritanti, oppure riconosce più semplicemente uno stato atopico della persona alla base della sua eziologia. Tale affezione si può associare a prurito ed essudazione della cute, che appare coperta da fini vescicole e desquamazione essudativa.  Nella dermatite seborroica (da stress) l’eritema si accompagna ad una essudazione untuosa della pelle, fino ad arrivare a chiazze ed aree della pelle pruriginose, rosso-giallastre, essudanti materiale sebaceo, alle sopracciglia, alle orecchie, alle pliche nasolabiali che possono dare un’eruzione a farfalla, che ricorda addirittura il lupus sistemico.

    Dermatomiosite

    . Questa patologia è frequente nelle donne di età maggiore dei 50 anni, e provoca un’eruzione al volto, al collo, al tronco ed ai letti ungueali. Le papule di Gottron, delle piccole lesioni violette, spuntate, possono comparire alle articolazioni delle dita.

    Erisipela

    . Questa affezione si caratterizza per improvvise lesioni tumefatte, rosee o purpuree alla testa ed al collo, con febbre,mal di gola, linfoadenopatia cervicale, fino a vere e proprie lesioni bollose emorragiche. L'erisipela (dal greco, ερυσίπελας - pelle rossa) è causata da un’infezione acuta della pelle, che coinvolge il derma profondo ed in parte l'ipoderma, causata da batteri piogeni; il principale responsabile è lo streptococco beta-emolitico di gruppo A, ma talora risulta in causa lo stafilococco aureo o altri germi meno comuni, a seguito della penetrazione dei germi attraverso la cute lesa. La patologia si manifesta in genere agli arti, talora dovuta anche a banale puntura d’insetto.

    Eritema marginato reumatico

    . E’ una lesione caratteristica delle febbre reumatica, patologia che causa una serie di lesioni eritematose.

    Eritema multiforme

    . L’eritema multiforme o sindrome di Stevens-Johnson è un’eritema del tipo orticariode, improvviso, caratterizzato da vescicole e bolle sulle labbra, lingua e mucosa buccale, con aumento della salivazione. Può comparire diarrea, ulcere corneali, infezione delle congiuntive, coriza, epistassi ed infiamamzione di uretra e vagina e ano.  Vi può essere anche  febbre.

    Eritema nodoso

    . E’ una lesione nodosa della cute, caratterizzata da noduli dolenti eritematosi; sono lesioni dure rotondeggianti e sporgenti di solito a gruppi, sugli stinchi, ginocchia e caviglie, ma anche natiche e braccia, polpacci e tronco.

    Congelamento

    . Il congelamento di primo grado conferisce alle parti corporee colpite un colorito grigio smorto, seguito da arrossamento bluastro al momento del riscladamento a cui consegue la formazione di bolle.

    Intertrigine

    . Si manifesta nelle aree sottoposte a macerazione e sudorazione, per esempio le pieghe sottomammarie, all’inguine, dove nelle zone lesionate si può sovrapporre infezione batterica o micotica (cfr Infezioni micotiche).

    Epatopatia cronica

     Si associa a lesioni arrossate della cute, specie nell’alcolista , dette “spider nevi”, angiomi stellari, xantomi ed altre lesioni pruriginose, spesso correlate con l’ittero.

    Lupus eritematoso.

    E’un’affezione autoimmune che da origine ad un esantema a farfalla della faccia caratteristico, da u nsemplic erossore ad rash maculare squamoso, nettamente demarcato con placche, associato a fotosensibilità. Si accompagna a febbre, cefalea, astenia, vomito e nausea.

    Fascite necrotizzante. Dovuta ad infezione streptococcica, esordisce con eritema a livello di un trauma, con la comparsa di vescicole ripiene di liquido e bolle e quindi il processo vira versola forma necrotizzante in 7-10 giorni.

    Psoriasi. E’ una malattia dermatologica, caratterizzata da squame biancastre su un fondo di eritema, in zone come i gomiti, le ginocchia, il torace, il cuoio capelluto. Le chiazze eritemato-desquamative possono infettarsi e divenire pustolose; talora compaiono lesioni alle unghia delle dita, del tipo puntiforme (onichia puctata). Le lesioni sono appena rilevate sul piano cutaneo da pochi millimetri di dimensioni a decine di centimetri. Il colore è rosso vivo, ma l’eritema può essere mascherato dalle squame biancastre, che vengono asportate col grattamento periodico di Brocq. Segno di Auspitz è il sanguinamento che deriva allo decapitazione delle papille dermiche.

    FORME

  • PSORIASI PUSTOLOSA
  • PSORIASI ERUTTIVA, con lesioni esplosive, specie nei bambini, agli arti al tronco
  • PSORIASI VOLGARE, manifestazioni estese, al capillizio, ai gomiti, alle ginocchia
  • PSORIASI INVERTITA, manifestazioni alle pieghe cutanee
  • PSORIASI ERITRODERMICA, arrossamento generalizzato della cute e lesioni
  • PSORIASI ARTROPATICA, con interessamento della cute e delle articolazioni, predilige l’età media.

  • Malattia di Raynaud

    La cute dei mani e dei piedi diventa bianca e fredda a seguito di esposizione a fredo per fenomeno di vasocostrizione (cfr anche m. autoimmuni)

    Rosolia. Caratteristica malattie esantematica dell’adolescenza che insorge con lesioni di tipo piano, solitarie e confluenti, pruriginose, al volto ed al tronco e poi agli arti, con febbre che al massimo raggiunge 39 C°- La malattia rientra nel complesso TORCH, cioè nell’ambito delle affezioni pericolose per l’abortività e le malformazioni del nascituro.

    Orticaria da farmaci

    Eritema dovuto a farmaci

    Molti farmaci possono determinare eritema. Fra essi principalmente ricorderemo i chinolonici, che sono antibiotici inibitori delle girasi, impiegati nella cura di cistiti, otiti, bronchiti ecc.  altri farnaci che determinano rash sono: allopurinolo per la cura della gotta, anticoagulanti, antimetaboliti, barbiturici, cefalosporine, codeina, corticosteroidi, cotrimossazolo, diazepam, eritromicina, gentamicina, Sali d’oro, griseofulvina, indometacina, isonazolo, litio, tetracicline, fenitoina, chinidina, sulfonamidi, salicilati, sulfoniluree, tiazidici, fenoftaleina, contraccettivi orali. A fianco, da un mio caso clinico, potete vedere una paziente che a seguito dell'assunzione di un farmaco aveva avuto una reazione eritematosa urticariode, accompagnata ad intenso prurito. Furono necessari cure con antistaminici e cortisonici per circa 6 giorni, prima di addivenire ad una risoluzione del rash in questione.

     

    index dermatologia