Il paziente ipoteso:cause

Ipotensione: cause

 

appunti del dott. Claudio Italiano

 

ipotensione parte seconda

Quanti pazienti soffrono di pressione bassa o ipotensione ortostatica! Tale sintomo si definisce come decremento della presione  arteriosa di 15-20 mmHg quando il soggetto passa dalla posizione clinostatica (da coricato) a quella ortostatica, con o senza aumento dei battiti cardiaci di almeno 20 pulsazioni al minuto. La pressione deve rimanere così per almeno 5 minuti, quindi, di norma, dovrebbero intervenire i meccanismi di adattamento. La sincope, in particolare, può essere scatenata da diversi fattori, quali l’ortostatismo, la deglutizione, la digestione, la minzione, la defecazione, la tosse, l’esercizio fisico, il caldo, l’estensione del collo, lo stress psicologico, l’iperventilazione, la nevralgia del IX nervo cranico. Il  paziente ipoteso accusa vertigine, sensazione di sbandamento, testa vuota e sincope, con visione offuscata.  Tale sintomatologia, anche se spesso è innocua, può diventare pericolosa se, per esempio, il paziente perde l’equilibrio e finisce per terra, recando a sé lesioni importanti. E’ un classico la frattura della testa del femore nell’anziano con osteoporosi, oppure il trauma cranico commotivo. Talora questo sintomo, l’ipotensione, riconosce, come sua eziopatogenesi, l’impiego eccessivo di farmaci ipotensivanti, di beta-bloccanti, di diuretici, specie d’estate e nell’anziano (cfr malesseri estivi), dove ogni trattamento anti-ipertensivo deve essere attentamente calibrato dal medico al sopraggiungere della stagione estiva. Per individuare I'ipotensione ortostatica, si devono rilevare i valori della pressione arteriosa, con il paziente in posizione supina, seduta ed eretta e quindi confrontarli.  Chi vi scrive, conosce bene una sua assistita di 85 anni che, durante la stagione invernale, viaggia con 200 mmHg e, durante l’estate, con 120 mmHg!!  Quindi, occhio quando si effettuano terapie anti-ipertensive. Altre volte, sempre nel soggetto anziano, I'ipotensione ortostatica può essere causata da prolungata posizione supina, o da squilibrio idroelettrolitico, specie se il riflesso della sete è torpido: l’anziano difficilmente assume liquidi se non è invitato e pressato a farlo. Alcune patologie endocrine o sistemiche, come appresso specificato, possono causare ipotensione.

 

Misurazione pressione

Anamnesi ed esame obiettivo

 

Se il paziente è in grado di rispondere alle vostre domande, dunque, la situazione non è ancora così drammatica come si pensava, chiedete se:

- ha spesso vertigini, debolezza (cfr scompenso cardiaco) o crisi lipotimiche quando si alza?

- accusa astenia, ortopnea (cfr scompenso),impotenza, nausea, cefalea, dolore addominale o dolore toracico ed emorragie gastrointestinali?

- assume farmaci per la pressione? E quali?

Esame obiettivo.

 

lniziare I'esame obiettivo controllando il turgore della cute del paziente e valutare il turgore dei bulbi oculari con la digitopressione delicata (!)  Palpare i polsi periferici ed auscultare il cuore ed auscultare  i polmoni.  Infine, controllare la forza muscolare e osservare se l’andatura del paziente è incerta.

Cause di ipotensione

 

Cause dell’ipotensione ortostatica

Primarie

Disautonomia acuta o subacuta

Pandisautonomia pura

Pandisautonomia associata a segni neurologici

Disautonomie croniche

Disautonomia cronica pura

Atrofia multisistemica

Malattia di Parkinson con disautonomia

Secondarie

Congenite (deficit fattore di crescita nervoso)

Ereditarie (ad esempio, amiloidosi familiare, sindrome Riley-Day)

Malattie metaboliche

Diabete mellito

Malattie croniche epatiche e renali

Deficit di vitamina B12

Secondarie ad abuso di alcool

Malattie infiammatorie

Sindrome di Guillain-Barré

Mielite trasversa

Infezioni (batteriche, virali)

Intossicazioni (ad esempio, botulismo)

Tumori cerebrali e sindromi paraneoplastiche

Connettivopatie (ad esempio, LES)

Lesioni midollari

Farmaci (ad esempio, alfa-litici)

Sincope neuro mediata

 

ipotensione parte seconda

indice della visita del paziente

index