Soffocamento

Soffocamento

 

appunti del dott. Claudio Italiano

related link: La dispnea
L’organismo per vivere necessita dell’introduzione di ossigeno e della combustione del glucosio tramite le complesse reazioni metaboliche che avvengono in esse, dunque l‘asfissia, o  soffocamento, è la condizione nella quale l'assenza o la scarsità di ossigeno impedisce una respirazione normale. Ne consegue che il cervello, dopo qualche minuto, va incontro a grave sofferenza. L'asfissia viene spesso accompagnata dalla sensazione di "fame d'aria"; il bisogno di respirare è indotto da livelli crescenti di gas di rifiuto nel sangue, come l’anidride carbonica e dai bassi livelli di ossigeno. Esempio classico è il bambino che soffoca. Le cause possono essere le più varie: vanno dalla inalazione di polveri, per esempio il bambino che per gioco respira  o rigurgita latte e lo inala, oppure i giocattoli piccoli, le monete, le noccioline, palloncini  sgonfi, spille da balia, micro pile. Altre volte, giocando, si mette in testa i sacchetti di plastica o, dormendo, si soffoca con il cuscino in culla!>

Perché avviene l’asfissia?


Perché c’è ostruzione fisica delle vie aeree, o perché c’è impedimento a che avvengano i normali atti respiratori e, di conseguenza, lo sgambio dei gas respiratori, o per compressione del torace o dell'addome (per asfissia compressiva del infortunato che resta schiacciato durante un terremoto tra le macerie!) o,proprio, per mancanza dei gas respiratori stessi o per la loro alterazione (es. asfissia da monossido di carbonio, asfissia da anidride carbonica che deriva nei processi industriali di fermentazione di vino e birra). Altre volte sono delle condizioni respiratorie acute che la determinano come l’edema della glottide e le crisi  asmatiche.



In particolare si ha soffocamento per:

  • ostruzione delle vie aeree esterne;
  • annegamento, con l’acqua che viene inalata nelle vie respiratorie, peggio se è acqua dolce, che crea condizione di edema polmonare;
  • presenza di cibo o elementi estranei nella trachea;
  • strangolamento;
  • restringimento delle vie aeree dovuto ad asma o reazione anafilattica;
  • inalazione di rigurgito o ingesti

    Alterazione del contenuto dei gas respiratori

    L'asfissia può risultare dall'esposizione prolungata ad un'atmosfera contenente una concentrazione di ossigeno troppo bassa.
  • Lavoratori che entrano in un bidone di fermentazione in un birrificio ignari del fatto che lo spazio è riempito da anidride carbonica oppure lavoratori che discendono in una fogna o nella stiva di una nave contenente gas senza ossigeno e più pesanti dell'aria, solitamente metano o anidride carbonica;
  • L'uso sconsiderato di un rebreather subacqueo (per esempio vecchi respiratori a circuito chiuso a calce sodata dei militari)  dove l'aria respirabile ricircola e contiene poco ossigeno;
  • Respirare una miscela ipossica di gas respirabile mentre immersi in acque poco profonde dove la pressione parziale dell'ossigeno è troppo bassa per mantenersi coscienti; i "gas di fondo" ipossici sono studiati solo per essere respirati a profondità dove quantitativi maggiori di ossigeno divengono tossici, sotto pressione;

  • Perdita di pressurizzazione in aereo; la pressione all'interno degli aerei commerciali è mantenuta a quella equivalente a 6000 ft (1800 mt), ma un guasto all'impianto di pressurizzazione può riportare la pressione interna pari a quella esterna;

    Interferenze chimiche o psicologiche con la respirazione


    Varie situazioni chimiche e psicologiche possono interferire con l'abilità del corpo di assorbire ed usare ossigeno o regolare i livelli di ossigeno nel sangue:

  • Inalazione di monossido, per esempio dallo scarico di un'auto, o da un camino difettoso della stufa a legna. Il monossido di carbonio ha un'alta affinità simile a quella dell'ossigeno e si lega in maniera indelebile con l’emoglobina dei globuli rossi.
  • Talora il contatto con sostanze chimiche, inclusi agenti polmonari (come per esempio il fosgene) e agenti sanguinei (come per esempio acido cianidrico);

  • Apneenotturne;

  • Overdosederivata da assunzione di droghe, quando i centri del respiro vengono depressi;
  • Sindromi da iperventilazione alveolare centrale
  • Un disordine del sistema nervoso autonomo nel quale un paziente deve respirare sua sponte. La sindrome da acuto stress respiratorio.
  • soffocamento

    Sintomi


    Se si tratta di un bambino, questi comincerà improvvisamente a tossire in modo spasmodico, stizzoso e diventerà bluastro. Per prima cosa si richiede sempre l’intervento del 118 e si cerca di non peggiorare la situazione, battendogli istintivamente le spalle, mentre è all’impiedi!! Invece è indicata la manovra di Heimlich a testa in giù.
    Se il bambino ha più di un anno: mettetelo in piedi o seduto; mettetevi alle sue spalle e con le braccia sotto le ascelle cingete il torace; chiudete una mano a pugno e appoggiatela sulla pancia del bambino tra l'ombelico e le costole, con l'altra mano afferrate il pugno chiuso e di eseguite una veloce ed energica pressione verso l'alto (l'aria verrà rapidamente spinta fuori favorendo l'espulsione dell'oggetto inalato); ripetete queste compressioni per cinque o dieci volte in successione rapida fino a quando l'oggetto non verrà espulso.
    Manovra di HeimlichSe il bambino ha meno di un anno:
    mettetelo disteso a pancia in giù sulle vostre ginocchia o sull'avambraccio, mettendo la testa più in basso del corpo, controllando che il bambino abbia la bocca aperta; battete forte con il palmo della mano tra le scapole sulla schiena,  se questa manovra non funziona provate a far uscire il corpo estraneo procedendo come si fa con il bambino che ha più di un anno di età
    Se il bambino continua a non respirare e perde conoscenza:
    aprite la bocca del bambino e aiutandovi con una luce guardate se riuscite a vedere l'oggetto e provate a rimuoverlo con un dito con una pinzetta ( attenzione a non spingere l'oggetto più); fate la respirazione bocca a bocca poiché spesso è possibile forzare il passaggio dell'aria, mentre nel frattempo si aspettano i soccorsi.

    visita del paziente