Home | La rivista | Ricerca | Autori | Approfondimenti | I nostri link | Iniziative | Forum | Servizi | Chi siamo

 

Note

Il rischio della precarietÓ nell'epoca della decostruzione

di Umberto Pagano

"L'uomo di ieri Ŕ morto in quello di oggi, quello di oggi muore in quello di domani."

(PLUTARCO)

 

L'implosione del tempo comunicativo ha catalizzato l'annichilimento dell'idea di spazio, inducendo una radicale palingenesi dell'universo percettivo.

Premettendo (a rischio di essere banali) che la nozione di distanza Ŕ profondamente storica e sociale e non assume significato alcuno se non in relazione alla possibilitÓ e alla rapiditÓ del movimento, non v'Ŕ chi non veda come, piuttosto che rendere omogenea la condizione umana, l'annullamento tecnologico delle distanze spazio-temporali tenda a polarizzarla [cfr. Bauman, 1998, trad. it. 22] e a generare il modello di produzione dell'esistenza pi¨ squilibrato della storia della civiltÓ umana.

Se per alcuni (pochi) l'emancipazione dalla distanza reca in dono una libertÓ senza precedenti, per gli altri sancisce l'impossibilitÓ di appropriazione della localitÓ, la bruciante sospensione limbica nell'indeterminatezza di una condizione di perenne straniamento. L'incremento esponenziale della velocitÓ sottrae senso alle distanze e, quando le distanze non significano pi¨ niente, il fantasma dell'insensatezza si aggira funesto e affamato sulle putrescenti carogne dei luoghi.

Ma se la desemantizzazione del concetto di distanza investe "globalmente" la cultura, non Ŕ altrettanto generale la possibilitÓ tecnologica di accesso al nuovo cr˛notopo spazio-compresso. E mentre i ricchi d'informazione e di tecnologia si spostano veloci sulle ali dei bit con l'insostenibile leggerezza del loro essere digitale, i nuovi poveri restano incatenati all'ineluttabile pesantezza degli atomi e annegano nella liquefatta insignificanza del loro vivere, risucchiati dal gorgo dei loro luoghi-prigione che si destrutturano e si decompongono sotto le loro scarpe piombate. Essi non possono che ammirare i digitali che volano alti sulla loro testa, verso mete siderali, ectoplasmatici generatori di senso, e rassegnarsi alla poderosa pesantezza sublunare della loro materica insensatezza.

Esiste un mondo aereo, leggero, luminoso, i cui abitanti vivono nel tempo; lo spazio non conta per loro, poichÚ possono precorrerlo con rapiditÓ virtualmente infinita. Ed esiste un altro mondo, stridente e metallico e immobile, i cui abitanti sono costretti a vivere in uno spazio che ormai non significa pi¨ nulla.

Ma non a caso ho definito insostenibile la 'leggerezza' dei digitali, infatti, inaspettatamente, si delinea per i due mondi e per i loro abitanti un destino curiosamente simile. 'Locali' e 'globali', pur divisi dall'insuperabile perentorietÓ della frattura tachimetrica, scivolano fatalmente verso un'avvilente deriva della propria identitÓ.

C'Ŕ un tarlo nel Mondo, in questi due mondi: il tarlo della precarietÓ. Che si presenti sotto le spoglie della flessibilitÓ del mercato o sotto quelle pi¨ sfuggenti e penetranti della Unsicherheit, quel tarlo divora tutti e tutto destruttura.

Sigmund Freud, nel suo saggio Civilization and its Discontents (1927) aveva affermato che nella societÓ moderna si instaura una correlazione - determinantesi dinamicamente in modo parallelo all'avanzamento della CiviltÓ - tra espansione della Sicherheit e contrazione della libertÓ. Mezzo secolo dopo, qualcosa Ŕ cambiato e Zygmunt Bauman, nel suo Postmodernity and its Discontents (1997) (che evidentemente richiama proprio il titolo di Freud), pu˛ notare che rimane valido il meccanismo di trade-off tra Sicherheit e libertÓ, ma esso funziona in senso esattamente opposto: nella societÓ secondo-moderna1 Ŕ la Sicherheit ad essere sacrificata sull'altare della libertÓ.

L'emancipazione dai vincoli spazio-temporali catalizzata dalla tecnologia, liberandoci dall'idea di luogo, despazializzando la produzione dell'esistenza, irrimediabilmente induce una fatale complicanza nella possibilitÓ di strutturare la coscienza come identitÓ. Complicanza generalizzata nella misura in cui, nella dimensione culturale, si rivela generale la desemantizzazione simbolica dell'idea di spazio.

Ha giustamente affermato Niklas Luhmann che l'uomo moderno Ŕ sempre "parzialmente dislocato". Egli Ŕ, sempre pi¨, ovunque ma, paradossalmente, non Ŕ mai in nessun luogo completamente; la produzione sociale della sua esistenza Ŕ una dilaniante ipostasi di questo drammatico ossimoro, di questo prostrante aporema.

Non possiamo che muovere passi incerti, circondati dal rischio, su segatura di realtÓ: logico residuo dell'inesorabile azione erosiva del tarlo spietato della precarietÓ.

Siamo in presenza di nuovi e diversi meccanismi poietici dell'esperienza umana, meccanismi dominati dal rischio e dall'incertezza: Ŕ l'epoca della Risikoleben [cfr. Bauman, 1999, trad. it. 150], in cui il rischio Ŕ inconfutabilmente assurto ad attributo ontologico della societÓ moderno-riflessiva, non Ŕ pi¨ una sua accidentale 'sporgenza' ma la sua stessa sostanza.

Parallelamente, si sta delineando un nuovo modello di uomo, quello che Ernest Gellner, con un'efficacissima metafora mutuata dall'industria dell'arredamento, ha voluto definire 'uomo modulare'.

I mobili di un tempo nascevano con forme e funzioni definitive, quelli attuali, invece, sono componibili, ampliabili con l'aggiunta di moduli pi¨ o meno indipendenti; essi non raggiungono mai uno stato perentorio e possono essere continuamente e rapidamente riconfigurati, nella misura in cui ogni loro configurazione Ŕ caduca e precaria. Allo stesso modo, l'uomo modulare esperimenta la frammentazione delle sue esperienze e delle sue competenze. La precarietÓ Ŕ il suo Zeitgeist. Si tratta del modello pi¨ 'avanzato' di uomo serializzato assemblabile, capace di decostruirsi e rimodularsi con una caleidoscopica mutevolezza ma che, in questa schizofrenica metamorfosi, smarrisce la sua essenza. L'identitÓ nell'era della modularitÓ Ŕ sempre pi¨ parossisticamente temporanea [cfr. Ferguson, 1998, p.8-9]; l'affrancamento dai vincoli spazio-temporali propulsa un'iperbolica accelerazione delle possibilitÓ di una sua palingenesi, fino a renderla cosý metamorfica e liquida da comportarne la deriva. Quello componibile Ŕ un uomo amorfo, autopoietico ma anche ontologicamente precario; la rapiditÓ cui si Ŕ condannato lo ingabbia in un paradossale meccanismo iperdinamico di indeterminatezza. E la sua modularitÓ non si esaurisce nell'ambito cognitivo, ma invade anche quello anatomo-fisiologico. I cyberuomini ultramoderni si autogenerano come esseri biomeccanici e proliferano di estroflessioni percettive e comunicative quanto di appendici tecnologiche, ed essi stessi non sono che insignificanti appendici di una "societÓ reticolare"2, in cui anche i rapporti interpersonali non sfuggono al principio di precarietÓ e si realizzano in fugaci incastri di posticce sporgenze modulari, in una sorta di puzzle che snervantemente viene distrutto e ricostruito all'infinito, ma in cui ogni volta i pezzi cambiano di forma.

Per quanto possa sembrare efficiente e coevolutiva con l'ambiente, la modularizzazione dell'esistenza ha conseguenze esiziali: essa genera "una sorta di frammentazione che priva ciascuna attivitÓ del sostegno delle altre, rendendola fredda e valutabile sono in relazione al proprio fine dichiarato, piuttosto che parte di una cultura 'totale' calda e integrata" [Gellner, 1996, 104]. E allora, l'atomizzazione dell'umana esperienza diviene crocevia di una proliferazione dell'alterazione3 e dell'anomia. E allora la societÓ metaspaziale della "parziale dislocazione" diviene il campo drammatico della decostruzione del SÚ. Nei non luoghi di produzione della nostra esistenza smembrata germoglia una ir(razionalitÓ) ultramoderna che esaspera fino al parossismo i classici postulati della non finitezza del processo di socializzazione e della indeterminatezza dell'Io [cfr. Seel, 1998, p.39-40].

L'implosione del tempo implica, inesorabilmente, la deriva dell'identitÓ, la sua vivisezione, la sua polverizzazione. La fisiologica mutevolezza dell'uomo si Ŕ fatta patologica incapacitÓ di generare razionalitÓ, assiologie, senso.

Nel suo saggio Nuova confutazione del tempo (il titolo contiene una deliziosa contradictio in adjecto), Jorge Luis Borges cita un antico testo buddista in cui viene sostenuto che "il mondo si annienta e risorge seimilacinquecento milioni di volte al giorno e che ogni uomo Ŕ un'illusione, vertiginosamente attuata da una serie di uomini istantanei e soli" [Borges, 1946, ed. cit. 185].

Borges Ŕ dichiaratamente mosso dall'intento di negare il tempo, intento in cui lo hanno preceduto in molti, da Sesto Empirico a Francis H. Bradley ad Arthur Schopenhauer. Non ho qui intenzione di spingermi su quel sentiero ripido e sdrucciolevole, ma mi limito a prendere in prestito quella icastica immagine buddista per descrivere l'uomo postmoderno: egli non Ŕ solo modulare, Ŕ anche istantaneo e - aggiungerebbe Buman - solo. La sua istantaneitÓ lo imprigiona e lo condanna a non vivere se non il presente, all'incapacitÓ di progettare il suo futuro, perchÚ dilaniato dalla Unsicherheit. Basta rilevare il sentimento di impotenza e di vuoto che affligge molti giovani, per rendersi conto che la detemporalizzazione e la conseguente desemantizzazione dello spazio, producono una Risikogesellschaft4 in cui gli effetti sulla costruzione psicosociale dell'individuo sono precisi, concreti e dolorosi. Altrettanto evidenti sono le conseguenze sulle istituzioni che tradizionalmente garantivano la continuitÓ e la soliditÓ del sistema sociale.

L'uomo Ŕ l'unico essere vivente - verosimilmente - a vivere l'insicurezza ontologica, dal momento che "la coscienza di sÚ introduce l'esperienza esistenziale della sua finitudine" [Crespi, 1985, 21]. La consapevolezza del proprio esserci fonda implicitamente il dubbio nullificante5 circa la realtÓ di questo essere e l'incertezza del suo perdurare: l'idea della morte.

Da sempre la cultura ha sviluppato strategie di difesa dalla insicurezza ontologica, meccanismi che consentissero la produzione di senso anche relativamente ad un'esistenza, come quella umana, caratterizzata dalla fugacitÓ. Dall'inizio della civiltÓ "le paure generate dalla consapevolezza della propria morte furono incanalate, almeno in parte, verso le preoccupazioni per la sopravvivenza di pi¨ ampie totalitÓ, da cui veniva derivato il significato della vita individuale" [Bauman, 1999, trad. it. 46]. Istituzioni come la famiglia e la nazione svolgono proprio questa funzione di produzione di senso. Ma nella societÓ dell'incertezza tale ruolo Ŕ ormai compromesso, e le istituzioni versano nella medesima condizione di instabilitÓ e transitorietÓ del singolo: si stanno sfaldando. "I ponti costruiti collettivamente fra la transitorietÓ e l'eternitÓ sono andati in pezzi e l'individuo Ŕ rimasto faccia a faccia con l'autentica, assoluta, precarietÓ della propria esistenza. Ora si da per scontato che affronti le conseguenze con le proprie forze" [Ibidem]. In tal modo comincia ad essere compromessa anche l'efficienza dell'identitÓ come luogo della differenza, ovvero della oscillazione tra socialitÓ e asocialitÓ. [cfr. Crespi, 1985, 41].

Il risultato di questo processo Ŕ, per John Carroll, "l'egoismo di una insicurezza cronica"[Carroll, 1998, 92]: "se non possiamo avere il nutrimento spirituale che chiediamo, allora accumuleremo i beni di questo mondo in grande quantitÓ" [Ibidem, 94].

Le spinte compulsive al consumo, tipiche della societÓ postmoderna, sono il chiaro sintomo di un ipercarico simbolico del consumo stesso: consumiamo per dimenticare la morte. Nel tardo capitalismo si assiste ad una perversa inversione tra genesi del bisogno e creazione del bene; se la societÓ primo-capitalistica era fondata sulla produzione di beni seriali attraverso lo sfruttamento della forza-lavoro, la societÓ capitalistica avanzata Ŕ fondata sulla produzione in serie di bisogni, e allo sfruttamento della forza lavoro si aggiunge quello della forza consumo. "Il sistema dei bisogni Ŕ il prodotto del sistema di produzione" [Baudrillard, 1974, trad. it. 93].

La sopravvivenza del capitalismo dipende, dunque, dalla sua capacitÓ di generare insoddisfazione, e la fuga dalla morte dell'individuo deve trarre propulsione dal desiderio, non tanto dal desiderio di specifici oggetti quanto dal metadesiderio (il desiderio di desiderare).

Anche in questo il tempo ritorna come dimensione essenziale. L'atto di consumo perfetto, nella logica capitalistica postmoderna, Ŕ un atto di soddisfazione istantanea, in un duplice senso: "i beni dovrebbero soddisfare nell'immediato, senza richiedere speciali capacitÓ o il protrarsi di un lavoro preparatorio; e la soddisfazione dovrebbe cessare immediatamente, ossia non appena esaurito il tempo necessario al consumo. Che andrebbe ridotto all'essenziale" [Bauman, 1998, trad. it. 91-92].

E' evidente come il paradigma produttivo tipico della modernitÓ e della postmodernitÓ Ŕ stato edificato nel e sul mito dell'accelerazione, sul dogma della massimizzazione della rapiditÓ della produzione, del consumo e del ciclo cremastico, in totale spregio della necessitÓ di contenimento dell'entropia. L'aumento esponenziale delle compromissioni ambientali nÚ Ŕ una palese evidenza.

L'uomo modulare ultramoderno, che esperimenta l'estroflessione consumistica dei brandelli della sua identitÓ esplosa, Ŕ entropico, precario, istantaneo, solo.

Nella societÓ despazializzata e virtualizzata del rischio, "il nostro [comune] destino non Ŕ spaventoso perchÚ Ŕ irreale; Ŕ spaventoso perchÚ Ŕ irreversibile" [Borges, 1946, 186].

Scivoleremo nel gelido abisso dell'Incertezza, e sopra di noi lo Spirito della PrecarietÓ. Attoniti e immoti, udiremo il fruscio sottilissimo delle sue ali, mentre si libra, pi¨ leggero di un sogno, sulle mute rovine del nostro mondo decostruito.

 

Note

1 Si fa riferimento all'ormai nota idea di Ulrich Beck (1986) di modernitÓ di secondo ordine, o modernitÓ riflessiva.

2 La definizione Ŕ di M. Castells (1998)

3 Si veda J.P.Sartre (1960), Critique de la raison dialectique, Paris, Gallimard; trad. it. Critica della ragione dialettica, Il Saggiatore, Milano, 1963.

4 Il termine Ŕ usato da Ulrich Beck (1986) nel suo noto Risikogesellschaft. Auf dem Weg in eine andere Moderne Suhrkamp Verlag, Frankfurt am Main; trad. it. La societÓ del rischio. Verso una seconda modernitÓ, Carocci, Roma, 2000.

5 Vedi J.P.Sartre (1943), L'ŕtre et le nÚant, Paris, Gallimard; trad. it. L'essere e il nulla, Milano, Mondadori, 1958;

 

Riferimenti bibliografici

Baudrillard, J. (1974), La sociÚtÚ de cosummation. Ses mytes, ses structures. Gallimard, Paris; trad. it. La societÓ dei consumi. I suoi miti e le sue strutture, Bompiani, Milano, 1976.

Bauman, Z. (1999), In Search of Politics, Polity Press, Cambridge; trad. it. La solitudine del cittadino globale, Feltrinelli, Milano, 2000.

Bauman, Z. (1998), Globalization. The Human Consequences, Polity Press-Blakwell Publishers Ltd., Cambridge-Oxford; trad. it. Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone, Laterza, Bari, 2001.

Bauman, Z. (1997), Postmodernity and its Discontents, Polity Press, Cambridge.

Beato, F., La valutazione dell'impatto ambientale. Un approccio integrato, Milano, Angeli, 1995.

Beck, U. (1986) Risikogesellschaft. Auf dem Weg in eine andere Moderne Suhrkamp Verlag, Frankfurt am Main; trad. it. La societÓ del rischio. Verso una seconda modernitÓ, Carocci, Roma, 2000.

Borges, J.L. (1946), Nuona confutazione del tempo; in Borges J.L. Otras Inquisiciones, EmecÚ, Buenos Aires, 1960; Ia ed. ital. Altre inquisizioni, Feltrinelli, Milano, 1963; ed. cit. Feltrinelli, 1998.

Carroll, J., Ego and Soul: The Modern West in Search of Meaning, Harper Collins, London, 1998.

Castells, M., The Information Age:Economy, Society and Culture, Blakwell, Oxford, 1998.

Crespi, F., Le vie della sociologia. Problemi, teorie, metodi, il Mulino, Bologna, 1985.

Gellner, E., Conditions of Liberty: Civil Society and its Rivals, Penguins Book, London; trad. it. Condizioni della libertÓ, Edizioni di ComunitÓ, Torino, 1996.

Ferguson, H., Glamour and the End of Irony in Hunter J.D. (a cura di) The Question of Identity, University of Virginia Press, Richmond, 1998.

Freud, S. (1927), Civilty and its Discontents; trad. it. Il disagio della civiltÓ, Bollati-Boringhieri, Torino, 1985.

Giddens, A. (1990) The Consequences of Modernity, Polity Press, Oxford; trad. it. Le conseguenze della modernitÓ. Fiducia, rischio, sicurezza e pericolo, il Mulino, Bologna, 1994.

Hunter, J.D. (a cura di), (1998) The Question of Identity, University of Virginia Press, Richmond;

Kundera, M. (1984), Nesnesitelnß lehkost bytÝ; trad. it. L'insostenibile leggerezza dell'essere, Adelphi, Milano, 1985.

Luhmann, N. (1991) Soziologie des Risikos, de Gruyter, Berlin; trad. it. Sociologia del rischio, Bruno Mondadori, Milano, 1996.

Mead, G.H. (1934) Mind, Self and Society, Chicago, University of Chicago Press; trad. it. Mente sÚ e societÓ, Firenze, Giunti-Barbera, 1972.

Rifkin, J. (1980) Entropy: A New World View, New York, Viking Press; trad. it. Entropia, Mondadori, Milano, 1982.

Sartre, J.P. (1960), Critique de la raison dialectique, Paris, Gallimard; trad. it. Critica della ragione dialettica, Il Saggiatore, Milano, 1963.

Sartre, J.P. (1943), L'ŕtre et le nÚant, Paris, Gallimard; trad. it. L'essere e il nulla, Milano, Mondadori, 1958.

Schopenhauer, A. (1819) Die Welt als Wille und Vorstellung, Vier BŘcher, Leipzing; Ia ed. it. Il mondo come volontÓ e rappresentazione, Bocca, Torino, 1988.

Seel, J. (1998), Reading the Post-Modern Self in Hunter J.D. (a cura di) The Question of Identity, University of Virginia Press, Richmond.

 


Home | La rivista | Ricerca | Autori | Approfondimenti | I nostri link | Iniziative | Forum | Servizi | Chi siamo