Montalto on line

La ricchezza di Messina nell'accoglienza. Nella disponibilit di essere una citt aperta a tutti.

 
     
 

STORIA CANTATA DI ILENIA ORIGINARIA DI SANTA TERESA  ALL'AUTRI CUNTATA  PI UNURI A IDDA E SPIRANZA A TUTTI

di Filippo Cavallaro su melodia della Taberna Milaensis  (2002)

 
 

Sintiti, sintiti, sintiti.
Viniti tutti a sentiri 'ntornu a mia.
Sintiti, sintiti, sintiti.
Scinniti omini e fimmini p'i la via.

Sintiti, sintiti, sintiti.
U cuntastorii 'ncumencia a bbanniari.
Sintiti, sintiti, sintiti.
Chista i na storia vera 'nfacci o mari.

Nt' villi e valli e nt' voscura funni,
Unni Nina; Danti ddh si spria.
La va p'i circari e nun sapi unni.
P'i lu so amuri lu munnu firria.

M'addisiassi nu tritrattu d'iddha,
Chi prova i robbi fini 'nt' la via.
Permanenti frisca, comu 'na stidda,
La bedda Ilenia tutta 'llucia.


Nt' mari a filuca 'rranca armata,
Cerca di lanzari a fimminedda.
Di pisci ziti i storia cunzumata,
Chi strinci u cori e 'ntruscia li budedda.

Turnava spinsirata, pedi scosa,
Turnava 'n muturi capiddi o ventu.
Finuta a scola, nt' stati si riposa,
A chi ti spetta iv . un coppu a centu.


Sognu, miraggiu o mera 'llusioni,
Comu Fata Murgana 'ntr' lu strittu,
L'iridi mamertina chi s'imponi,
Si metti n menzu e non si vidi chi rittu.

I cussa o Policlinicu i purtata,
'N neurochirurgia a Missina,
Trombosi carotidea i accirtata,
A fisioterapista ci va a sesta matina.



Ddh'Angelica vantata 'nt' la storia
D'Orlandu e Rinaldu, paladini,
Firrianu li so' spadi, nt' 'll'aria,
Cummattunu contra i mali saracini.

A figghiola era scantata assai,
Sintia li so' carni spusissati.
" Curaggiu, a matri, non lassari mai.
Tanti passaru i cch e cchi scuncassati."


Chi splinduri i u tiatru marittimu,
Chi vista ricca e spittaculari.
Bosfuru Zancleo u 'ntnnimu,
Tutti sann'a sempri miravigghiari.

O Centru Neurolesi continua a trama,
Cu Santina e Patrizia p'a terapia.
Brazzu, parola, jamma e capiddi brama,
Ma ddha bbanna da finestra n'a vidia


Dina e Clarenza, vigili nt' nuttata,
Sabbaru Missina d'i francisi.
Carlu D'Angi trova a strata sbarrata,
Petri d'n coddu e campani 'ntisi.

A prioccupa assai a malatia,
Si senti cunfunnuta e maniata.
So' matri ci cunsigghia la via,
Du libri si liggiu nt' na nuttata.


Fimmini missinisi, chi gran curaggiu,
Cummattunu i Vespri Siciliani
Ristanno beddi comu i rosi i maggiu,
Su' cori, testa e forza ntr' li mani.

Cu Filippu annau a travagghiari,
Nt' palestra o spitali Piamonti.
Cu gonnelli ranni si visti arrivari,
Esercizi fa tabilluni 'n fronti.


Rosa Donatu, cannuneri n pettu,
Cummattiu p'i strata u quarantottu,
Difinnennu a tutti i banni sempri rettu,
Lanzetta mentri priparava u bottu.

A figghiola i so' amicizii pirdiu,
Sta sempri intra tutta a jurnata.
"Chatta" nt' internet cu gran disiu
E nt' cellulari si spetta na chiamata.


Missina ti vosi n terra la svintura,
Autri voti sparti di ddha matina.
Tu eri e resti na vera signura,
Circau . ma non ti mittiu 'ncatina

Lu vintidui di marzu du dumila,
U to' vuleri ebbi soddisfazioni,
Ncapu a ddhi trampuli fai rizzari i pila,
Nt' caminata uora nni fai lizioni.


A Vara, Virgini Assunta maistusa,
Tirata p'i li strati i pisu.
A Matri a Littra, patruna ggenerusa,
Attornu ci giria tuttu u Paradisu.

Ilenia dda femma avant'a tutti.
So patri s'avvicina a nu divotu,
E c'un filazzu, di ddi coddi rutti,
Nu bracciali ci fa e porta u votu.


A vita oramai mpuni u diploma,
Dicunu c'a scola nni fa a tutti pari,
E prufissuri s'ava dari caloma,
Crediti ti dannu ma ha scriviri e parrari.

Davanti a cummissiuni riunita
Ti cumporti bona, . . . studiasti.
Unu di tanti esami d'a to' vita,
A promozioni propiu ti meritasti.


Nt' sta storia chi cantari vi vosi.
Viditi comu ognunu nt' so' vita,
Nuddu po' diri no! No a sti cosi.
Na malatia non vadda si si zita,

Si si maritata o schetta, c'u o senza figghi,
Spascia una o chhi funzioni,
Ti lassa ferma p'i unni pigghi pigghi.
Jai abbisognu di bona riabilitazioni!


Sintiti comu sona sta rumanza:
llenia rricansci i so ddifficult;
Si preja pi chiddu chi s'avanza;
E cura sempri chi la so bilt.
Divintau n'anticu omu di panza,
Parra sincera e parti senza vilt!

 

 

per informazioni o messaggi contattare: montaltonline@libero.it