IL COLLEZIONISTA

MINI-ASSEGNI

100bancabelinzaghi.gif (32770 byte) 100bancacattolica.gif (40135 byte) ma100btrento.jpg (26070 byte) ma300sella.jpg (17897 byte)

Una rapida interrogazione alla memoria subito rivela la presenza, un quarto di secolo fÓ, di un curioso fenomeno: la risoluzione al problema della mancanza di moneta "spicciola" con la comparsa dei miniassegni.

In  Italia, infatti, negli anni 1976  e  77, non potendo pi¨ sopperire ai resti con caramelle, francobolli e gettoni del telefono ai quali per l'occasione  era stato riconosciuto, in maniera bonaria,  da commercianti e clienti in diverse parti d' Italia il valore del costo.  Fu anche l'anno dell'apparizione della prima scheda telefonica prepagata:  una invenzione che poi ha dilagato nel mondo. In quei giorni le banche emisero dei piccoli assegni circolari  o al portatore di valori vari: 

 50 - 100 - 150 - 200 - 250 - 300 - 350   lire.

Tali miniassegni circolarono indisturbati e portarono alla soluzione  di tanti piccoli problemi nei pagamenti e resti nei vari esercizi commerciali.  Tutto questo ebbe fine quando la Zecca di Stato pass˛ in gestione al Poligrafico dello Stato che fu finalmente in grado di far fronte alle necessitÓ monetaria di piccolo taglio.

Si presume anche che questo fenomeno abbia portato alle casse delle banche un discreto introito, in quanto sicuramente essendo "spiccioli" di carta ne sia stata smarrita,  deteriorata e  rimasta in tasca  a tanti cittadini una buona parte.  Tutto questo Ŕ dimostrato dal fatto che a  tutt' oggi se ne trovano in abbondanza.

Una situazione simile si verific˛ in Germania e Austria con i NOTGELD nel primo dopoguerra.  

  Continua .......

 Home                Notgeld                    fturra2@inwind.it