Cover. Quelle adulterate HOME MENU

L'elenco / La radio e il Piper  / Il fenomeno delle cover / I complessi beat / Elenco di cover

Versione italiana

Versione originale

Pregherò

Adriano Celentano

Stand By Me

Ben E. King

L'ora del fucile

Pino Masi

Eve Of Destruction

Barry McGuire

Che colpa abbiamo noi

Rokes

Cheryl's Going Home

Bob Lind

Superstar

Flora, fauna e cemento

Jesus Christ Superstar

Andrew Lloyd-Webber

La tua immagine

Dino

The Sound Of Silence

Simon & Garfunkel

Ho difeso il mio amore

Nomadi

Nights In White Satin

Moody Blues

Bandiera gialla

Gianni Pettenati

The Pied Piper

Crispian St. Peters

Immagina che

Ornella Vanoni

Imagine

John Lennon

Io ti amavo quando

Mina

You’ve Got A Friend

Carole King

Datemi un martello

Rita Pavone

If I Had A Hammer

Pete Seeger-Weavers

La felicità

Antoine

Porquoi ces canons

Antoine

Come potete giudicar

Nomadi

The Revolution Kind

Sonny Bono

Pietre

Antoine, Gian Pieretti

Rainy Day Women 12 & 35

Bob Dylan

Pomeriggio ore 6

Equipe 84

Marley Purt Drive

Bee Gees

Ragazzo solo, ragazza sola

David Bowie

Space Oddity

David Bowie

 

PREGHERO'

"Pregherò" è un classico esempio di traduzione reinventata completamente, più che "adulterata". La storia è stata raccontata da Don Backy, autore della traduzione ed all'epoca membro del Clan di Celentano, in un fumetto autobiografico scritto anni fa e pubblicato sulla rivista di fumetti rivale di "Linus", cioè "Eureka", e poi nel libro “C’era una volta il Clan”.
In realtà il compito di scrivere la versione italiana venne affidato all’inizio a Miki Del Prete (1), sempre del Clan, che però si arenò, e a questo punto intervenne Don Backy, scrivendo un testo totalmente nuovo, che prescindeva dall’originale.
Oltre a tutto la canzone era stata ritenuta erroneamente di dominio pubblico e quindi soltanto in seguito vennero riconosciuti i credit agli autori originali, penalizzando tra l’altro lo stesso Don Backy.
(Per la storia completa vedere il sito www.fansclubdonbacky.it  o la testimonianza di Don Backy).
Naturalmente a questo punto "Stand By Me", che era già un successo internazionale, ma non in Italia, si trasformava da una normale canzone d'amore, con testo piuttosto banale (“quando arriva la notte e la terra è ricoperta dall’oscurità …io non devo avere paura fino a quando resterò con te ecc.”) nella vicenda drammatica ed edificante di una ragazza cieca che ha perso la fede nel Signore a causa di questa dolorosa circostanza, e di un uomo (interperatato da Celentano) che con il suo amore vuole riportarla alla fede.

 

 CHE COLPA ABBIAMO NOI

"Che colpa abbiamo noi" è un altro caso emblematico, si tratta della canzone che ha portato al grande pubblico il movimento beat in Italia, la canzone simbolo del fenomeno di costume dei capelloni, quella protesta vaga e indistinta che sarebbe sfociata poi nel '68. La canzone, già un successo nel Cantagiro del 1966, divenne nota al pubblico di massa grazie ad una storica apparizione dei Rokes, nell'autunno 1966, a "Studio 1", la trasmissione del sabato sera della RAI dell'epoca, presentatore Lelio Luttazzi, che introduceva per la prima volta e con cautela il mondo dei "giovani" nel salotto buono della TV. Il brano originale era in realtà il lato B del primo grande successo, "The Elusive Butterfly Love",  di un cantante americano, Bob Lind, in qualche modo inserito nel fenomeno beatnick e hippy. Ovviamente la canzone originale parlava di una certa Cheryl che tornava a casa abbandonando il protagonista, e del dolore di quest’ultimo, e non ambiva ad essere una specie di inno generazionale come l'ha poi fatta diventare il testo di Mogol.
(testo originale e italiano a confronto)

 LA TUA IMMAGINE

Un caso di via comoda per il successo è rappresentato dalla versione proposta in Italia da Dino, il cantante dei Kings poi avviatosi ad una carriera solistica, partendo del famoso brano di Paul Simon, cantato ovviamente in duo con Art Garfunkel, The Sound Of Silence, che raggiunse fama mondiale con la colonna sonora del film simbolo del 1968, "Il laureato" con Dustin Hoffman, dove in particolare era la canzone dei titoli di testa.
Il testo originale parla di cose difficili, di un mondo da incubo, che forse è quello che diventerà il nostro, di situazioni angosciose in una città irriconoscibile ed estranea, ma la musica è dolce e malinconica. Traduzione complicata, e se poi non piace? Perché non trasformarla in una semplice e banale canzone d'amore e sfruttare l'effetto trascinamento del successo internazionale? E così fu fatto.

 

 L'ORA DEL FUCILE

"Eve Of Destruction" di Barry McGuire, una canzone composta da P.F. Sloan, è stata invece la base musicale per una canzone politica, L'ora del fucile, pezzo forte di un cantautore politico, Pino Masi, niente meno che il cantautore ufficiale di Lotta Continua (si, c'era anche la figura di cantautore ufficiale), poi entrato a far parte del gruppo teatrale di Dario Fo. La canzone originale di P.F. Sloan parlava della terza guerra mondiale, ma dando un po' un colpo al cerchio ed uno alla botte, parlava della terza guerra mondiale ma anche del pericolo rappresentato dalla "Cina rossa"; è diventata invece "L'ora del fucile" (1), il contenuto è facilmente immaginabile.

"The Eastern world, it is explodin'
Violence flarin', bullets loadin'.
You're old enough to kill, but not for votin',
You don't believe in war - but what's that gun you're totin'?
An' even the Jordan river has bodies floatin'.
But you tell me, over and over and over again, my friend,
Ah, you don't believe we're on the eve of destruction."

 (Testo completo e traduzione) (Testo italiano)

 SUPERSTAR

Il caso più imbarazzante in assoluto è rappresentato dalla mitica traduzione del pezzo trainante del musical di Andrew Lloyd-Webber Jesus Christ Superstar, pubblicata nei primi anni '70 da un complesso della scuderia Battisti (la casa discografica Numero 1, alla quale facevano capo anche i Formula 3), i "Flora, fauna e cemento", nei quali ha fatto i primi passi musicali anche Gianna Nannini (ma non con questo pezzo), il loro primo successo era stato "Mondo blu", poi è arrivata questa incredibile cosa.

Difficile comprendere infatti se era ignoranza, sciatteria, provocazione, divertimento (forse erano precursori della canzone demenziale tipo Elio e le storie teste); il fatto è che hanno preso una canzone che parlava di Cristo e della sua vicenda terrena, in un musical che voleva portare questa vicenda al mondo dei giovani di allora, e la hanno trasformata in una specie di canzone d'amore, anzi di corna, dove "Superstar" è una ragazza leggera (diciamo così) alla quale sono dedicati gli immortali versi:

"Lei non c'è, lei non c'è
esce con tutti ma non con te
vieni al bar, vieni al bar
e lascia perdere Superstar"

Non sapevano di cosa parlava la canzone originale perché avevano fatto francese a scuola? Non gliene importava niente? Hanno scritto questa traduzione vagamente blasfema come provocazione post-sessantottesca? Propendo per la seconda ipotesi, ma se qualcuno ha spiegazioni migliori me lo faccia sapere. Bisogna dire che comunque dopo questo pezzo (che trasmettevano anche per radio, lo ricordo ad "Alto gradimento") sono svaniti nel nulla.

 HO DIFESO IL MIO AMORE

Anche in Ho difeso il mio amore, grande successso dei Nomadi, la traduzione italiana, di Pace (quello di Pace-Panzieri-Pilat), prende ben poco dal testo originale, ed inventa una vicenda drammatica e anche discutibile, per quello che si capisce, di un uomo geloso, tradito dalla ragazza, ingannata da un seduttore subdolo, che risolve la questione ammazzandoli tutti e due "per difendere il suo amore", forse finendo suicida (se no come fa a visitare la loro tomba, dovrebbe stare all'ergastolo) (testo italiano). Un pezzo molto suggestivo e anche cantato con classe e tono epico dal grande Augusto Daolio, ma certo un po' lontano dai temi dei Nomadi di qualche anno prima (o di qualche anno dopo) come quelli cantati in "Dio è morto" o "Noi non ci saremo".

"Nights in white satin
Never reaching the end
Letters are written
Never meaning to send
Beauty had always miss
With these eyes before
Just what the truth is
I can’t say anymore
Cause I love you
Yes I love you"

(Testo completo e traduzione)

 BANDIERA GIALLA

Non era in realtà la sigla né la canzone-inno della famosa trasmissione radiofonica, che era invece un R&B americano nella versione di Rock Roberts (T Bird). era invece un tentativo successivo di mettere il cappello su questo grande successo in radio con un pezzo scritto ad hoc, trainato dalla trasmissione stessa, ed affidato ad un nuovo cantante, il simpatico "scucchione" Gianni Pettenati, poi interprete di altre canzoni "giovanilistiche" in quella breve stagione di fine anni '60. Curiosamente come base musicale per il pezzo venne preso un brano di successo nel Regno Unito un anno prima, The Pied Piper, che aveva anche dato il nome al più famoso locale "beat" di quegli anni, cioè appunto il Piper di Roma, e quindi anche avviato la carriera della "ragazza del Piper", alias Nicoletta Strambelli, alias Patty Pravo (il primo disco della quale, Ragazzo triste, aveva nella facciata B proprio una cover, però in inglese, di Pied Piper).
Naturalmente il testo originale parlava di tutt'altro, per l'appunto di un moderno "pifferaio di Hamelin", che, come nella nota favola, incanta  non i bambini della cittadina tedesca (dopo aver incantato i topi), ma più opportunamente ed utilmente, la ragazza che voglia seguirlo, un flauto pre-Jethro Tull suona il tema evocando il livello favolistico, e forse facendo eco al "Mr.tamburino" di Bob Dylan, anche lui incantatore, ma per altri scopi, ma la musica sognante e l'arrangiamento particolare di questo brano, precursore in qualche modo della psichedelia in musica, sembravano evidentemente ai nostri discografici le basi ideali per un inno giovanilistico, che declamava, un anno prima che le bandiere prendessero un significato simbolico un po' meno maneggevole:

"Ehi, questa sera è festa grande
noi scendiamo in pista subito
e se vuoi divertirti vieni qui
insieme a noi ….
Finché vedrai, sventolar Bandiera gialla
tu saprai che qui si balla…" 
(Testo completo)

Il brano venne ovviamente presentato a  Bandiera gialla e diventò disco giallo (Vedi la scaletta del 8 ottobre 1966)

 IMMAGINA CHE

Ebbene sì, anche la grande cantante Ornella Vanoni (come pure Mina, vedi dopo) ha interpretato una traduzione di fantasia, per giunta di un super classico, la canzone del secolo XX, secondo più o meno tutte le classifiche e i sondaggi fatti nel 1999, vale a dire Imagine di John Lennon.  L’album era “Un gioco senza età” del 1972 e la spericolata versione italiana era di Piccaredda e Paolo Limiti (proprio lui, il noto presentatore specializzato in programmi-nostalgia, in precedenza apprezzato paroliere).
Il testo originale, come noto un inno alla libertà da tutte le costrizioni e da tutte le fedi, viene infatti piegato ad una banale canzone d’amore, una storia a due, che non si rivolge più a tutti gli uomini, insomma un’altra cosa, che ha in comune con l’originale solo il bellissimo tema musicale. Come al solito ci si affidava probabilmente alla non conoscenza della lingua inglese da parte degli italiani.
D’altra parte lo stesso errore lo avrebbe fatto anni dopo Gianni Morandi il quale, invitato al famoso concerto alla presenza di Papa Giovanni Paolo II a metà degli anni ’90, quello nel quale avrebbe cantato davanti al Pontefice anche Bob Dylan (come noto ebreo di nascita ma convertitosi dopo i 40 anni al cattolicesimo), ebbe la splendida idea di cantare proprio Imagine, però in inglese, e non certo per una improbabile contestazione.
E sicuramente è una idea veramente singolare cantare al capo della religione cattolica, in mondovisione:

“Immagina se non esistessero le nazioni …
niente per cui uccidere e per cui morire
e neppure nessuna religione
immagina tutta la gente
che vive la propria vita in pace…”

Tenendo conto, soprattutto, che Papa Woytila conosce perfettamente l’inglese!

(Traduzione completa)

 IO TI AMAVO QUANDO

Anche Mina ha cantato una versione di fantasia di un  altro classico notissimo della canzone americana, vale a dire “You’ve Got A Friend” di Carole King. La versione di Mina (Io ti amavo quando), dovuta alla penna di non so quale autore, non aveva brutte parole, era un ritratto di uomo fuori dagli schemi, erede di “una stirpe pazza di eroi” solo che non c’entra veramente nulla con l’originale, non c’è traccia della promessa di correre in qualsiasi stagione dell’anno “Winter, spring, summer and fall” al richiamo dell’amore.
Ancora una volta la barriera linguistica faceva sentire gli autori al riparo da qualsiasi critica e confronto.

 DATEMI UN MARTELLO

  

Prima del beat, prima delle canzoni di protesta, era arrivato il grande cantante e autore americano Pete Seeger che, oltre ad aver inventato il folk per le masse con i suoi Weavers, era anche riuscito a portare al successo internazionale una proto-canzone di protesta, la notissima If I Had A Hammer, grazie anceh alla successiva versione del noto trio folk Peter, Paul & Mary. Naturalmente qualcuno ha pensato di farne una versione italiana ed affidarla ad una delle più note cantanti di quegli anni (inizio anni ’60), cioè Rita Pavone, che aveva anche allora una immagine di ragazza “ribelle” e di cantante “per giovani”.

Il testo è somigliante, nello spunto, all'originale americano, ma cambiano radicalmente gli obiettivi: dal mondo che non va, e bisogna aggiustare a martellate, passiamo a problemi molto più circoscritti e precisi:

“Datemi un martello – che cosa ne vuoi fare
lo voglio dare in testa – a chi non mi va
a tutte e coppie – che stanno appiccicate
che vogliono le luci spente – e le canzoni lente
che rabbia mi fa”

e poi si giunge a qualcosa di ancora più mirato, a puntare il martello alla testa “di quella smorfiosa” che gli ha sottratto il moroso.
Il testo originale volava un po’ più alto. La versione italiana badava a togliere qualsiasi riferimento sociale (anche molto blando, come in questo caso) ed a sfruttare l’eco internazionale e l’immagine di canzone “contro” e “per giovani”, depotenziando però totalmente il testo.

 LA FELICITA'

Ancora un esempio di traduzione volutamente travisata, sempre negli anni d'oro delle cover: una canzone destinata ad essere un lato B del primo grande successo del cantautore francese Antoine, famoso anche per essere stato l'"inventore" delle camicie a fiori per uomini. Antoine all'inizio era stato un cantante quasi di protesta, negli anni del beat, '66, '67, prima di essere omologato dal sistema discografico italiano come cantante bizzarro e spiritoso, fino ai vertici di “Ti chiamerò Cannella” e “Lei ha una voglia di fragola”, e poi al progressivo e veloce oblio. I primi passi, con Elucubrations d'Antoine, L'alienation, e, appunto Porquoi ces canons, li fece con canzoni che volevano fare riflettere, in contrasto con il look estroso. Porquoi era il lato B di Elucubrations e venne usata anche per il lato B del primo successo italiano del cantante, Pietre. Antoine infatti dopo il grande riscontro internazionale era stato condotto verso il ricco mercato italiano e presentato, come si usava, come ospite straniero al Festival di S.Remo. Il Festival in questione era il famoso n.17 del 1967, quello nel quale Luigi Tenco si sparò per la frustrazione di non riuscire a ottenere il successo che riteneva di meritare, mentre in finale andavano "La rivoluzione" di Gianni Pettenati, "Io tu e le rose" della malcapitata “cueriaghina” Orietta Berti (citata a futura e imperitura memoria nella lettera di addio di Tenco) e, appunto, "Pietre". Antoine era in coppia con un produttore ed autore, Gian Pieretti, che tentò proprio in quella occasione, con qualche successo, il lancio in grande stile, prendendo come base una canzone di Bob Dylan dell’anno prima, Rainy Day Women 12 & 35, dalla quale riprese il testo e lo schema del pezzo.

Nel lato B, visto che bisognava metterci qualcosa, inserirono Porquoi ribattezzata "La Felicità", e ampiamente travisata. La forma canzone era la stessa, a domanda e risposta, un dialogo tra padre e figlio, ma stavolta su temi generali ed innocui, a differenza del modello francese, che usava parole sconvenienti come "cannoni" o, peggio, "fabbriche".

Il particolare curioso è che il cantante (e autore) era il medesimo, e che l'autore del testo italiano era Herbert Pagani, il futuro cantante e paroliere franco-italiano che avrebbe scritto e interpretato tante canzoni incentrate su un suo particolare ideale di ottimismo e pensiero positivo, prima della prematura scomparsa per leucemia intorno ai 40 anni, e parliamo di "Albergo a ore" , "Teorema" (...fuori dal letto, nessuna pietà), "Cento scalini", "Cin Cin con gli occhiali”.

Porquoi ces canons diceva:
“ Perché questi cannoni? Per fare lavorare le fabbriche. Perché queste fabbriche? Per dare lavoro agli operai. Perché questo lavoro duro e faticoso? Per guadagnare il denaro. Perché questo denaro, a cosa serve? Per comprare i cannoni. ”

La versione italiana, La felicità, era diventata:

“Dimmi babbo che cos'è la felicità? Figlio mio è un frutto che mangi solo in libertà. Dimmi babbo dove sta questa libertà? Sta di casa in un paese che si chiama verità. Dimmi babbo alla mia età posso andarci anch'io? Se ti porti la bontà per pagarlo. Dimmi babbo la bontà quanto peserà? Pesa quanto il mondo ma, da' coraggio a chi ce l'ha. Ma il coraggio a che servirà? Lo vedrai lungo il cammino verso la felicità.”

 

 COME POTETE GIUDICAR

Anche i Nomadi, per la canzone che li ha lanciati nel mondo della musica, cioè Come potete giudicar, presentata al mitico Cantagiro del 1966, quello nel quale venne lanciato anche in Italia il fenomeno dei “capelloni”, individuarono un successo americano, The Revolution Kind (Il tipo rivoluzionario), del primo periodo di Sonny Bono,  quando Sonny non si era ancora unito con Cher e faceva canzoni vagamente di protesta, alla Bob Dylan. Il testo originale è stato ignorato, più che travisato, perché effettivamente anche quella di Sonny Bono era una canzone “di protesta”, e non per esempio una canzone d’amore come la versione originale di “Che colpa abbiamo noi”.

Naturalmente nessun accenno nella canzone americana ai capelli lunghi (una ossessione all’epoca, tipicamente italiana) e nessuna propensione all’inno generazionale. (Testo italiano).

Il pezzo funzionò e i Nomadi si accreditarono come il più deciso tra i nuovi gruppi italiani, con l’aiuto di Guccini e delle canzoni scritte per loro (prime fra tutte “Dio è morto” e “Noi non ci saremo”) iniziarono così la loro mitica carriera, che dura tuttora, ad oltre trentacinque anni di distanza da questo primo ingenuo brano.

“…But a man's got a right to talk about what's on his mind
That doesn't necessarily mean he's the revolution kind”

(Ma un uomo ha il diritto di esprimere quello che ha in mente
senza che questo significhi necessariamente che sia un tipo rivoluzionario
)

 PIETRE

Il brano portato con successo al famoso Festival di S.Remo del 1967 da Antoine e Gian Pieretti, autore lo stesso Pieretti con l’ubiquo Ricky Gianco, è un caso molto particolare di traduzione adulterata, nel senso che qui il processo è al contrario, il testo è fedele, ma la canzone dovrebbe essere diversa. Infatti sin dal primo ascolto i giornalisti musicali notarono la somiglianza del testo e del pezzo con il brano Rainy Day Women 12 & 35 di Bob Dylan, contenuto nell’album Blonde On Blonde dell’anno prima, peraltro era il primo brano di un disco molto noto e di un autore altrettanto noto, anche se sconosciuto, o quasi, al pubblico del Festival.

In questo brano Bob Dylan, ricorrendo alla stessa metafora delle pietre tirate in testa indiscriminatamente, biasimava le critiche ricevute per la sua svolta country e rock dell’anno prima ancora, che aveva tradito, secondo molti, la purezza ed il rigore della sua ispirazione folk (e politica) e lo stava portando verso sbocchi commerciali (Bob Dylan si è venduto al sistema, si diceva).
La canzone italiana, accreditata ormai come una versione non ufficiale, prende la stessa idea e lo stesso schema del testo, semplificando alcune metafore, e mette il tutto su una musica teoricamente diversa, anche se in realtà parente stretta del modello americano (è una marcetta, molto simile).
Naturalmente la versione non è ufficiale perché i brani di S.Remo dovrebbero essere originali.
Potete fare voi stessi il confronto tra il testo del brano originale di Bob Dylan e quello della canzone portata al Festival, con buon successo, da Pieretti e Antoine.

E' possibile anche leggere in merito la posizione di Gian Pieretti, in una intervista di qualche anno fa.

 POMERIGGIO ORE 6

Uno degli ultimi grandi successi del numero uno tra i complessi italiani dell'era beat, la Equipe 84. Come molte altre canzoni del gruppo di Modena si trattava di una cover di una canzone straniera, in questo caso dei Bee Gees, un brano contenuto nell'ambizioso disco doppio del 1969, Odessa, del gruppo australiano, degno erede dei Beatles per la facilità e leggerezza di scrittura (secondo alcuni).
Il testo italiano è una specie di inno (o presa d'atto) alla rivoluzione dei costumi seguente al 1968, ed in esso viene simpaticamente preso in giro il perbenismo ipocrita della famiglia tradizionale.
Totalmente diverso il testo originale (apparentemente neanche preso in considerazione) che parla di una vicenda grottesca e paradossale di una famiglia numerosa che diventa ancora più numerosa (il protagonista parte per un giro in macchina con 15 figli e se ne ritrova 35).

 RAGAZZO SOLO, RAGAZZA SOLA

In questo caso il "misfatto" è stato compiuto con la complicità, anzi con l'attiva partecipazione dello stesso Duca Bianco della musica inglese. Infatti è stato David Bowie o il suo entourage a decidere nel 1969 di tentare un ingresso nel ricco mercato italiano dei singoli a 45 giri, con un pezzo in lingua italiana. Il brano scelto è stato, come naturale, il più grande successo dell'epoca del cantante e musicista inglese, Space Oddity, un brano bellissimo nella musica ed originale nel testo, che echeggiava sin dal titolo il grande interesse per lo spazio e la fantascienza rilanciato in quegli anni, oltre che dalle imprese spaziali, dal capolavoro del cinema di fantascienza "2001 A Space Odissey" di Stanley Kubrick. Non a caso infatti il titolo orignale allude a Space Odissey (Odissea nello spazio) proponendo in alternativa una "Space Oddity" (stranezza nello spazio, inconveniente nello spazio, bizzarria nello spazio).
Per motivi sconosciuti ed incomprensibili, invece che prendere come base il testo originale, e la avventura del malinconico protagonista Major Tom, perso nello spazio, probabilmente ispiratore del Capitano McKenzie della analoga avventura raccontata da Elio e le storie tese diversi anni dopo, venne commissionato al solito ubiquo Mogol un testo completamente diverso, sull'incontro in uno spazio terreno (una città deserta) di due ragazzi abbandonati dai rispettivi amori. Un testo definito infatti, con tipico aplomb inglese, "completely unrelated" rispetto a quello originale nel sito inglese di Bowie, ma che Bowie ha cantato con convinzione (e tipico accento british) e non ha rinnegato, ma anzi ha inserito nella sua raccolta Rare del 1983 (ovviamente dedicata a singoli e rarità).

Testo inglese con traduzione (Space Oddity) / Testo italiano (Ragazzo solo, ragazza sola)

 Note:

(1) Co-autore dei primi successi di Celentano, “24000 baci” e “Il ragazzo della via Gluck”

(2) Secondo alcuni canzonieri le parole in italiano sulla musica di P.F.Sloan sarebbero della famosa musicista Giovanna Marini, che peraltro aveva già scritto una canzone politica prendendo la musica di una canzone americana dei Beach Boys Sloop John B, chiamata “La linea rossa”; secondo altri gli autori sarebbero lo stesso Pino Masi e P.Nissim.

(3) Anche sulla rete, e non parliamo sui libri, le notizie sui Flora, Fauna e Cemento sono assai scarse, probabilmente qualcuno non gli ha perdonato questo infortunio. Comunque sono stati fondati tra gli altri da Mario Lavezzi, il musicista che aveva sostituito Riky Maiocchi nella prima formazione dei Cameleonti, e al gruppo si aggiunse agli inizi anche una giovane Gianna Nannini (con il brano Stereotipati noi). Altro mebro del gruppo era Sergio Longhi, poi giornalista e telecronista sportivo. Lavezzi ha continuato poi la carriera nella musica come produttore. Segue una discografia, probabilmente incompleta:

LP: Rock (‘73)
LP: Disamore (‘75)
SINGOLI:
FLORA FAUNA E CEMENTO
La nostra piccola canzone
Mondo blu (Battisti)
Visionario no
Superstar
FLORA FAUNA E CEMENTO/CAMALEONTI
Eri bella/Piccola Venere
FLORA FAUNA E CEMENTO/PAPPALARDO 1975
La nostra piccola canzone/Come bambini

(4) Il brano dei Moody Blues era stato proposto, prima dei Nomadi, dai Profeti, con lo stesso testo; dopo il successo dei Nomadi altre versioni sono arrivate dai Bit-Nik e dai Gatti Rossi; Dalida ne ha proposto una versione con testo e titolo diversi (Un po' d'amore).

 © Alberto Truffi 2001-2002 - 2003

TOP

REVISIONI

HOME