La Storia.




 1926 - 1936 (Periodo Ascarelli)

Gagliardetto del 1926Il 1/8/1926 fu fondata l'Associazione Calcio Napoli . Anche se Ascarelli fu Presidente del Napoli fino al marzo 1930 (precisamente dal 1925 al 1927 e dal 1929 al 12/3/1930 data della sua scomparsa) questo periodo è indicato come periodo Ascarelli perché questi fu l'artefice della prima vera gestione "professionale" del calcio a Napoli. Infatti, anche dopo la sua morte, la metodologia di lavoro da lui attuata fu proseguita da Mr. Garbutt, tecnico che svolse le funzioni di allenatore dal 1929 al 1935. Il periodo compreso tra il 1926 ed il 1929 è da considerare fallimentare sia dal punto di vista societario (numerosissimi cambiamenti al vertice) che dal punto di vista dei risultati. Dal 1929 al 1936 invece il giudizio è senz'altro più positivo avendo ottenuto risultati di un certo rilievo, anche con una puntata in Europa. Il migliore risultato fu il posto del 1933/34, mentre il peggiore fu il posto dei campionati 1931/32 e 1935/36. Quest'ultimo campionato rappresentò l'inizio di una discesa che portò alla prima irrimediabile retrocessione.

IL "METODO"

La tattica di gioco praticata negli anni trenta fu la naturale evoluzione della cosiddetta tattica "danubiana" perché ispirata dalla scuola austro-ungherese. Espresso graficamente questo modulo di giuoco può essere rappresentato da due W sovrapposte; delle due, la W davanti al portiere presentava due difensori centrali (uno più arretrato e più votato alla difesa, ed uno più avanzato con compiti più offensivi), e due mediani laterali che si occupavano di coprire le fasce laterali, lasciando il compito di impostare il giuoco al "centromediano", vero cervello della squadra. Questa tattica fu definita "METODO" in contrapposizione al cosiddetto "SISTEMA". Sostanzialmente era uno schema di gioco simile a quello che fu riscoperto negli anni 50/60 dopo il "Sistema", e che aveva come unica variante l'ala "tornante"; era cioè costituito da un libero, uno stopper, due terzini, due attaccanti e quattro centrocampisti di cui uno veniva chiamato "centromediano metodista".



 1926-27

L'esordio del Napoli sulla ribalta del calcio nazionale non fu certo esaltante. Infatti il primo campionato si chiuse all'ultimo posto, con 1 punto su 18 incontri, 7 gol fatti (di cui un rigore ed un autogol) e 61 gol subiti. Il Napoli non retrocesse perché fu ridisegnato il campionato successivo con la creazione di due gironi da 11 squadre! Debutaa nel Napoli Attila Sallustro (vedi foto).

 1927-28
Stessa sorte toccò al Napoli nel campionato 1927/28 anche se si classificò terzultimo con 15 punti. Ma al penultimo posto si classificò la Lazio che, rappresentando Roma capitale (eravamo nel "ventennio") "doveva" essere salvata. Questa fu la fortuna del Napoli che così si ritrovò ancora in serie A.

 1928-29
BuscagliaUltimo campionato prima dell'avvento del "girone unico". Il Napoli, spinto dal "motorino" Carlo Buscaglia - vedi foto - (262 presenze nel Napoli con 39 gol in dieci anni) finì all'ottavo posto a pari punti con la Lazio. Il successivo campionato era previsto a 16 squadre per cui le prime otto d'ogni girone avrebbero formato la nuova "serie A". Fu quindi necessario uno spareggio tra Lazio e Napoli che si disputò a Milano il 23/6/1929 e terminò 2 a 2. Prima che si disputasse un secondo spareggio, fu deciso di allargare la nuova serie A da 16 a 18 squadre salvando così, per la terza volta consecutiva, il Napoli dalla serie cadetta. Il primo spareggio tra Napoli e Lazio passò alla storia per essere stata la prima "radiocronaca" della storia del calcio italiano. Infatti, da un balcone della redazione del giornale "Mezzogiorno sportivo" in Piazza San Ferdinando il giornalista Felice Scandone raccontava alla folla sottostante le notizie che Michele Buonanno riceveva via telefono in diretta dal suo collega a Milano.

 

 1929-30

Stadio Ascarelli

Il 6/10/1929 iniziò ufficialmente l'avventura di Willy Garbutt come allenatore del Napoli. Siederà sulla panchina azzurra fino al 4/6/1935. Nel febbraio del 1930 fu inaugurato il nuovo Stadio Ascarelli (nella foto). Fu anche il primo campionato a Napoli per Vojak (vedi foto), acquistato dalla Juventus, e per Cavanna, Vincenzi, Mihalic Marcello (vedi foto) e Sallustro II. Vojak fu subito capocannoniere della squadra con 20 gol (secondo Sallustro con 13): Risultato finale 5° posto con 37 punti.

 

 

 1930-31
ColombariQuest'anno ritorna come Presidente Giovanni Maresca di Serracapriola che acquista dal Torino il centromediano Colombari (nella foto) per ben 250.000 lire! Il girone d'andata si concluse con il Napoli al 2° posto in classifica a 25 punti, con 9 vittorie in 9 partite casalinghe. Alla fine si classificherà al 6° posto con 37 punti ma con due prestigiose vittorie in trasferta: 2 a 1 con la Juventus e 3 a 2 con il Milan.

 1931-32
Questo fu il peggiore campionato di Vojak (9 gol), con alcune sconfitte brucianti (6 a 1 a Milano con l'Ambrosiana e 4 a 1 con il Torino) e con un bottino finale di 35 punti che valse il 9° posto in classifica finale. Ma l'anno 1931/32 fu segnato da una profonda crisi finanziaria che costrinse Maresca di Serracapriola a dimettersi, sostituito dal Comm. Eugenio Coppola, che a sua volta "abdicò" per l'Ing. Savarese (il passivo era di circa 800.000 lire di allora);

 1932-33
Coppola Sallustro e AscarelliL'Ing. Savarese, subentrato al Comm. Eugenio Coppola alla seconda giornata di campionato, riuscì ad infondere tranquillità all'ambiente, soprattutto dal punto di vista economico; fu così che, ritrovati Vojak (22 gol) e Sallustro (19 gol) (nella foto al centro, tra il Comm. Coppola, presidente nel 31-32, ed Ascarelli), la squadra raggiunse il posto finale a 42 punti, a pari punti con il Bologna.


 

 

 1933-34
VojakNuovo brillante campionato, senz'altro il migliore di tutti gli anni trenta, con 46 punti finali ed il 3° posto in classifica, con Vojak (nella foto) a segno ben 21 volte (Sallustro soltanto 5). Il campionato fu disputato allo Stadio XXVIII ottobre del Vomero perché l'Ascarelli, divenuto di proprietà comunale, fu rifatto ex-novo in cemento.

 1934-35
Sentimenti II (al centro)Ritorno all'Ascarelli con il nuovo portiere Sentimenti II (al centro tra i fratelli). Il campionato fu deludente con 29 punti ed il 7° posto in classifica. Vojak e Sallustro, in fase calante, collezionarono rispettivamente 10 e 7 gol. Il 26 aprile 1935 fu nominato Vicepresidente provvisorio Achille Lauro. Il 4/6/1935 Willy Garbutt lasciò la panchina del Napoli e con lui si chiuse la cosiddetta era Ascarelli.


 

 

 1935-36
Nuovo allenatore fu l'ungherese Csapkay che rifondò la squadra (andarono via Ferraris II, Vojak, Vincenzi, Gravisi). La classifica finale vide il Napoli all'ottavo posto con 28 punti a parità con il Milan. Dal 15 marzo 1936 il presidente del Napoli fu Achille Lauro che, a fine campionato, licenziò l'allenatore ungherese. Capocannoniere fu Busani con 12 gol che, nonostante questo, non meritò la riconferma per l'anno seguente.

Pagina precedente (1904-1926)  

Pagina successiva (1936-1950)