Aversa e la Facoltà di Ingegneria

L'On. Santulli interroga il suo Governo per sapere dei destini della Facoltà di Ingegneria della sua Città. Siccome egli ha poca memoria, proverò a ricordargli quello che egli non ha fatto per la Facoltà e, soprattutto, quello che un parlamentare, specie se di maggioranza, potrebbe e dovrebbe fare.
L'On. Santulli ricorderà che già nel 98 la Facoltà di Ingegneria presentò un progetto di ristrutturazione del complesso dell'Annunziata. Io ebbi la fortuna di avere per un giorno intero un cicerone d'eccellenza, il compianto On. Arch. Tiberio Cecere, che mi mostrò, mi illustrò, mi condivise quel progetto, mi contagiò del suo entusiasmo, mi rese partecipe di un sogno possibile che metteva insieme la tutela della memoria architettonica ed urbana della Città con una Università all'avanguardia, con aule ed uffici, ma anche e soprattutto con laboratori di ricerca.
L'On. Santulli ricorderà la posizione assunta dal suo gruppo politico e da egli rappresentata nell'aula del Consiglio Comunale: sembrava che l'Università fosse diventata l'ultimo degli speculatori edilizi. Poco conta se prevalessero in quel giudizio forse le piccole insoddisfazioni di ancor più piccoli docenti di provincia o un sereno giudizio politico; ciò che resta è il clima insopportabile che si creò intorno alla vicenda.
Noi, all'epoca forza di governo, come partito portammo nella Città l'On. Cuffaro, sottosegretario all'allora MURST. Si incontrò con i Presidi delle due Facoltà cittadine, con il Sindaco. Ascoltò ed assunse impegni. Poi li mantenne.
Faccia lo stesso. Si riscatti e faccia finta di essere esponente di una maggioranza di governo. Nella città e nel paese. Cominci a proporre di restituire con un emendamento quello che la finanziaria del suo governo toglie alle università: 570 milioni di euro, oltre mille miliardi delle vecchie lire !!!
A proposito, anch'io ho avuto una visione, l'Arch. Cecere mi ha lasciato in eredità la sua propensione al sogno. L'ex Texas è stata per decenni l'industria dell'elettronica per la città. Un punto di riferimento anche culturale per il territorio. Oggi quella realtà sta per essere smantellata. Al suo posto, senza finte ipocrisie, si prepara l'insediamento di un grande centro commerciale. Verrà cancellato un importante pezzo di memoria storica della città. Questo è il mio sogno: che la ex Texas diventi la sede della Facoltà di Ingegneria. Agisca con il suo governo e, soprattutto, parli con il suo collega parlamentare di Forza Italia che di fatto controlla la proprietà dell'immobile e lo convinca a rispondere al bando della Facoltà di Ingegneria.


Aversa, 21 ottobre 2002

Luca de Rosa
Segretario Provinciale