COMUNICATO STAMPA

Nelle settimane scorse si era avviato nel centrosinistra un percorso politico per la definizione di politiche unitarie in materia ambientale ed in particolare sul ciclo dei rifiuti. Sembrava che finalmente sarebbe stato possibile affrontare la questione a partire dai contenuti e dalla politica.
La mascalzonata politica dell'elezione del CDA del Consorzio CE2 ad opera dei DS e della Margherita riporta invece alla ribalta il più deteriore uso del manuale Cencelli e spalanca le porte ad una feroce stagione di spartizioni e lottizzazioni da estendersi agli altri enti strumentali.
I Comunisti Italiani non ci stanno. Non è sicuramente questo il modo di costruire il centrosinistra che le donne e gli uomini della provincia ci chiedono.
Ci chiedono perché paghiamo i costi economici ed ambientali di un CDR, se poi a valle non ci sono gli impianti in grado di usare il combustibile.
Ci chiedono perché le politiche emergenziali dei commissariamenti debbano ancora passare sulle loro vite.
A questo noi Comunisti lavoriamo e lavoreremo per dare delle risposte, con testardaggine, cercando di lavorare per la costruzione di un Ulivo diverso nel quale sia finalmente possibile parlare di politica.

Caserta, 16 ottobre 2002

Luca de Rosa
Segretario Provinciale