JINAN        

        

(Tsinan): sulla riva destra del Huanghe, non lontano da una delle 5 montagne sacre della Cina, il Taishan. Jinan ha origini molte antiche, venne decantata da Marco polo per i mercanti, la seta e i suoi giardini. 

E' centro culturale con l'Università dello Shandong e la Scuola di Medicina. Jinan è conosciuta come la città delle sorgenti. 

Durante la dinastia Jin (1115-1234), venne eretta una stele che elencava 72 fonti, ma attualmente la città ne conta più di 100.

La Baduoquan (Sorgente del Getto d'Acqua) è probabilmente il luogo più grazioso della città. Passeggiando sulla sponda del lago o sui graziosi ponticelli si possono notare tre sorgenti che scaturiscono dal sottosuolo, infrangendo la superficie dell'acqua.

La Heihuquan (Sorgente della Tigre Nera): si trova all'interno di un parco e il suo nome deriva da tre teste di tigre, scolpite nella roccia, dalle quali zampilla l'acqua sorgiva.

Il Daminghu (Lago Daming): si trova all'interno delle vecchie mura ed è alimentato dalle numerose acque sorgive che lo circondano. Le sue molte isolette ospitavano case da tè, teatri ove funzionari civili e militari, letterati, artisti e commercianti si davano alla bella vita.

Il Li Qingzhao Ji Nian Guan (o Museo Li Qingzhao): è il museo della più famosa poetessa cinese, nata in questa città nel 1084. Dopo avere sposato il letterato e poeta Zhao Mingcheng, a causa dell'invasione dei Jin dovettero abbandonare Jinan per andare a sud. Dopo la morte del marito (1129), Li Qingzhao compose dei Ci (poema simile alla canzone medievale) di una tristezza struggente e piene di amore per il marito. Questa fu una innovazione letteraria; solitamente i Ci non cantavano l'amore coniugale, erano invece dedicati a lodare le cortigiane e le favorite. Nel museo, oltre ad alcuni antichi ritratti della poetessa, che morì in esilio nel 1151, vi sono anche edizioni antiche delle sue opere.

Il Beijimiao (Tempio Beiji): vi si accede per mezzo di una tripla scalinata in pietra.

La Qianfoshan (Montagna dei Mille Buddha): si trova nella parte meridionale della città. Sulle rocce della collina sono scolpite centinaia di immagini di Buddha, di discepoli e di altri personaggi.

La Huangshiya (Scogliera di Pietra Gialla): altra raccolta di sculture sul fianco della montagna, il nome deriva dal colore della roccia.

La Fohuishan (Montagna della Saggezza di Buddha): con sculture risalenti alla dinastia Tang (618-907). Queste sculture sparse sulle montagne che circondano Jinan ci permettono di studiare l'evoluzione religiosa buddhista locale, dai Wei del Nord fino ai Song del Nord.

Torna alle Città della Cina

 Torna alla  CINA