VOLSINII

 

Museo Archeologico Nazionale

 

Situato nel medievale Palazzo Papale, il Museo custodisce reperti provenienti dalle necropoli circostanti il centro abitato (Crocifisso del Tufo, Cannicella, Fontana del Leone, Settecamini), che hanno restituito materiali pregevoli. In particolare, si distinguono le notevolissime ceramiche etrusche a figure rosse e i bronzi pertinenti ad un'armatura completa, composta di elmo, corazza, schinieri e scudo.

Di rilevante interesse lo spazio che ospita le due famose tombe a camera dipinte, scoperte nel 1863 da Domenico Golini e recentemente ricomposte nel museo con gli affreschi originali distaccati. Le pitture, che fanno riferimento ai temi del banchetto e del viaggio agli inferi, celebrano con dovizia di particolari i rituali della classe gentilizia.

 

Gli affreschi illustrano scene del banchetto funebre, ambientato nell'oltretomba, alla presenza degli dei dell'Averno. I servi, le cui funzioni sono definite da specifiche iscrizioni poste sopra i personaggi rappresentati, si affaccendano alla preparazione dei cibi. La cura per i particolari evidente, ad esempio, negli ultimi due personaggi a destra; il suonatore di flauto doppio, che accompagna con la sua musica il lavoro degli altri, e l'altro servo, ritratto nell'atto di tritare qualcosa con due pestelli, sopra un bacile.

La famosa tomba degli Hescanas, a Porano, costituisce un ulteriore esempio di pittura etrusca in territorio orvietano. L'ambiente a pianta quadrata, con soffitto a doppio spiovente, riproduce la struttura di un tetto ligneo. Gli affreschi, in parte restaurati, mostrano il defunto che si dirige verso l'oltretomba, su una biga, seguito da un corteo di personaggi. La figura femminile, che indossa un abito giallo bordato in rosso, la meglio conservata.

 

 

Torna a 

Volsinii

Etruria Meridionale 

Aree Archeologiche Etrusche

Etruschi