SERVIO TULLIO

 

Secondo la tradizione sesto re di Roma, che avrebbe regnato dal 578 al 535 a.C. Nato, in base alla leggenda, a palazzo reale da una prigioniera di guerra Ocresia, e dal lare domestico e allevato con ogni cura, dopo che un prodigio aveva preannuncato la sua futura grandezza, con l'aiuto della regina Tanaquilla succedette senza difflcoltÓ a Tarquinio Prisco, di cui aveva sposato la figlia.

Il suo nome Ŕ associato a due fatti: la costituzione serviana e il tempio di Diana sull'Aventino. Non pare invece che si possano attribuire a lui le cosiddette mura serviane, almeno nello stato in cui sono conservate. Il carattere distintivo del suo regno fu il tentativo di fondere nativi ed etruschi. Servio venne educato a Roma nel palazzo reale. Spos˛ una figlia di Tarquinio. Nel 579 Tarquinio fu ucciso ad opera di persone legate all'ambiente dei figli di Anco Marcio, quarto re di Roma. Tanaquilla, dapprima nascose al popolo la morte di Tarquinio, e poi riuscý a far nominare Servio re di Roma.

L'imperatore Claudio, autore di un storia dell'Etruria, parlando in senato a favore della concessione della cittadinanza romana agli abitanti della Gallia Comata, per sottolineare la tradizione romana di apertura all'accoglienza degli stranieri, narr˛ un storia diversa. Secondo Claudio, Servio Tullio, con il nome di Mastarna (vedi paragrafo), avrebbe avuto un ruolo importante nella storia di Vulci, cittÓ etrusca. Amico di Celio e Aulo Vibenna, signori di Vulci, avrebbe combattuto al loro fianco senza fortuna. Con i resti dell'esercito si sarebbe posto al servizio di Tarquinio, che per ricompensa gli avrebbe permesso di abitare con i suoi compagni sulla collina a cui diede il nome di Celio, in onore del suo capo. Questa versione potrebbe nascondere un fatto pi¨ grave: un esercito, proveniente da Vulci, avrebbe occupato Roma e ne avrebbe cacciato i Tarquini, che sarebbero rientrati alla morte di Servio Tullio, comandante dell'esercito invasore. Mastarna Ŕ un nome latino etruschizzato, deriva da magister e significhebbe qualcosa di analogo a "il condottiero". Il termine servus, non di origine indoeuropea e forse etrusco, significava straniero senza diritti, apolide. 

In sostanza il sesto re di Roma sarebbe stato conosciuto con un nome etrusco a Roma ed uno latino in Etruria. La costruzione sull'Aventino del tempio dedicato a Diana, l'Artemide greca, fu un atto di politica internazionale. Il tempio di Artemide ad Efeso era considerato il simbolo della federazione delle cittÓ della Ionia in Asia Minore. Il culto di Diana e l'idea di federazione dovevano essere assai vivi nel mediterraneo occidentale dopo la rifondazione, avvenuta nel 540 a.C., della colonia greca di Marsiglia. La statua di Diana venne posta nel tempio romano esattamente come Artemide nel tempio di Marsiglia. Il tempio sull'Aventino, costruito intorno al 540 a.C., mirava a riunire politicamente e religiosamente Roma, il Lazio e l'Etruria meridionale, a somiglianza del sistema federale etrusco dei Dodici Popoli. Il tempio venne costruito fuori della cittÓ, su di un colle scarsamente abitato. Solo nel 465 l'Aventino diverrÓ zona residenziale con una legge ascritta al tribuno della plebe L. Icilio. La posizione esterna venne prescelta probabilmente per poter attirare il maggior numero di persone, poveri, immigranti, schiavi, ecc. La fondazione del tempio veniva festeggiata il 13 agosto.

Servio Tullio eresse i templi gemelli di Mater Matuta e della dea Fortuna nel Foro Boario, il mercato in riva al Tevere. Mater Matuta Ŕ una divinitÓ italica, con tempio principale a Satrico, cittÓ a sud di Roma. La dea della Fortuna, tradizionale divinitÓ latina, era simboleggiata da una statua velata, come quelle degli dei etruschi del Fato. La fondazione dei templi gemelli veniva festeggiata l'11 giugno. Il tempio di Fors Fortuna venne costruito sull'altra sponda del Tevere, fuori della cinta cittadina e alle celebrazioni potevano partecipare gli schiavi.

Servio Tullio divise la popolazione romana in base al territorio, indipendentemente da criteri etnici o di nascita. La cittadinanza venne a dipendere dal luogo di residenza. In tal modo molti immigrati, mercanti, agricoltori etruschi o di altra provenienza poterono divenire cittadini romani, fedeli a Roma prima che alla famiglia o al gruppo etnico. Vennero definite 4 trib¨ urbane: Suburana (il Celio), Palatina, Esquilina, Collina. Il numero delle trib¨ extra-urbane, inizialmente 16, arriv˛ in seguito a 31. L'appartenenza ad una circoscrizione territoriale (tribus), basata sul domicilio, consentý lo sviluppo di un catasto per valutare i beni fondiari ed assegnare i cittadini ad una classe e fissare il tributum relativo.

Il popolo romano fu diviso in cinque classi di cittadini/soldati in base al censo. Ogni classe forniva all'esercito un certo numero di centurie, gruppi di cento uomini. Nella prima classe, la pi¨ ricca, si reclutavano 18 centurie di cavalieri e 80 di fanti, Nella seconda, terza e quarta 20 centurie e nella quinta 30. Un sistema di tassazione proporzionale al reddito. Erano esentati dal servizio militare e dalle spese connesse i cittadini con un reddito molto basso (i capite censi). Le centurie all'interno di ogni classe si distinguevano in quelle formate da seniores, la riserva dei cittadini al di sopra di 46 anni, e quelle formate da iuniores, i combattenti effettivi. Le centurie di iuniores e di seniores erano in numero pari.

La prima classe era armata con elmo, scudo tondo, corazza e schinieri, lancia, giavellotto e spada. La seconda classe era armata come la prima, ma senza corazza. Portava uno scudo pi¨ piccolo e allungato. La terza classe aveva elmo e armi offensive. La quarta classe aveva lancia e giavellotto. La quinta classe aveva delle fionde.

I diritti politici erano proporzionali ai servizi che i cittadini fornivano all'esercito. Ogni centuria, in quanto unitÓ di combattimento era una unitÓ di voto. I capite censi formavano una sola centuria. Due centurie erano riservate al genio (carpentieri e fabbri) e votavano con la prima classe. Due centurie erano riservate ai musici e votavano con la quarta classe. In totale si avevano 193 centurie, con maggioranza assoluta della prima classe (80+18). Il sistema eliminava i privilegi della nascita o della etnia, e nel contempo evitava gli inconvenienti della tirannia del numero. I Comizi Centuriati costituirono l'assemblea dei soldati e si riunirono all'esterno dei sacri confini della cittÓ. Questa assemblea divenne l'entitÓ dominante dopo la caduta della monarchia, sia dal punto di vista legislativo che elettorale. Sarebbe stato infine ucciso dal genero, Tarquinio il Superbo, d'accordo con la moglie Tullia, la quale non esit˛ poi a passare con il cocchio sul suo corpo nel vicus che dal fatto prese il nome di sceleratus.

 

Torna ai Personaggi   a  ROMA

e  agli Etruschi