MORGENTI

 

A pochi chilometri da Aidone sorgono le splendide rovine di Morgantina. Le pi¨ antiche testimonianze di vita si riferiscono alla prima etÓ del bronzo (1800-1400 a.C.) epoca cui si fanno risalire i resti di capanne che attestano l' esistenza di un villaggio.

Il villaggio sito in prossimitÓ di sorgenti d'acqua occupava un vasto altopiano. Fondata dai Siculi nel XI sec. a.C., in particolare dal re Morgete, discendente di Italo degli Enotri , su un monte chiamato Cittadella ebbe il suo massimo splendore  con l' arrivo dei Greci che risalirono dal fiume Gornalunga, ai tempi navigabile, alla ricerca di nuove terre da sfruttare.

Dalla fusione delle due civiltÓ si form˛ la comunitÓ di Morgantina.  La storia di Morgantina fu strettamente legata a Siracusa durante il regno di Gerone II (275 -215 a.C.).

   il foro

In quel periodo conobbe la sua massima floridezza economica e fu una vera e propria cittÓ organizzata funzionalmente con importanti edifici pubblici e religiosi. Dopo la morte di Gerone II nel 215 a.c. si apre per Siracusa e Morgantina un periodo oscuro caratterizzato da lotte interne per il controllo del potere e dalla graduale frattura dell'alleanza fatta precedentemente con Roma.

il teatro

Caduta Siracusa sotto il controllo di Roma anche Morgantina nel 211 a.c. venne distrutta da parte dei Romani i quali cedettero la cittÓ e i suoi territori a mercenari di origine Spagnola. 

Durante i due  secoli successivi alcuni edifici vennero ricostruiti e a volte destinati ad altri usi. In questo periodo Morgantina, anche se ridotta a piccola cittÓ, ebbe una  vitalitÓ economica e commerciale documentata dai resti di numerose officine dedite alla produzione di vasi e oggetti vari  di terracotta e ceramica per l'uso interno e per l'esportazione. Nel 35 a.C. Morgantina coinvolta dalla guerra civile tra Sesto Pompeo ed Ottaviano fu da quest'ultimo distrutta e saccheggiata.  

 

Torna alla pagina iniziale