ELORO

 

La testimonianza Greca, piu' importante nel territorio netino è rappresentata da Eloro, fondata fra la fine dell'VIII e gli inizi del VII secolo a.C. dai Greci di Siracusa, che avevano iniziato da pochi decenni la loro avventura coloniale in Sicilia. La posizione strategica in territorio siculo, la grande fertilità della valle del Tellaro, e la buona esposizione al mare, fecero di Eloro, una della colonie più importanti per Siracusa.

L'imponenza della cinta muraria, costruita in più fasi fra il VI ed il IV secolo a.C., il passaggio per la città della famosa Via Elorina, il santuario extra-urbano di Kore, attivo dal VI al IV secolo a.C., il contemporaneo santuario urbano di Demetra, il teatro ellenistico, la stoà a parasceni del III sec., l'Asklepieon ellenistico, testimoniano la grande importanza strategica, militare, politica, religiosa, civile e culturale che la città ebbe al tempo dei tiranni e soprattutto al tempo di Gerone II, uno degli ultimi grandi tiranni di Siracusa. L'emblema della città resta la Colonna Pizzuta, un imponente monumento funebre di età ellenistica costruito da qualche ricca famiglia elorina.

 

Torna alla Sicilia