TICINUM

 

(PAVIA) In seguito alla conquista, nel II secolo a.C., da parte dei Romani, la città di Ticinum (che dal 49 a.C. assunse il nome di Ticinum Papiae da cui ebbe origine l’attuale nome) fu un importante centro della Gallia Cisalpina. Nel corso delle invasioni barbariche ricevette un importante ruolo militare e fu occupata tante volte fino a che, sotto il dominio di Teodorico, i re Ostrogoti scelsero questa come residenza sino al 553, quando i Bizantini vi instaurarono il loro presidio.

Nel 571 i Longobardi la conquistarono e la preferirono come capitale del loro regno per la sua rilevanza politica, militare ed economica. Successivamente, Carlo Magno, nel 774, vinse il re longobardo Desiderio e si impadronì di Pavia che, all’epoca capitale del Regnum Italiane, continuò la sua strada verso il progresso. Nell’XI secolo fu fondato il Comune e con esso nacquero contrasti con Milano; le due città si erano messe in competizione per il possesso dell’egemonia politica, economica, culturale e religiosa nell’ambito della regione. Nelle lotte tra i comuni e gli imperatori svevi, Pavia parteggiò per gli imperatori. Dopo la sconfitta degli Svevi (XIII secolo), numerose famiglie, di sovente in contrasto tra loro, si contesero il governo della città. Nel 1359 i Visconti riuscirono ad impadronirsi della città dopo una resistenza protrattasi per tre anni.  Tuttavia, la contesa del ruolo di centro politico, militare e culturale del ducato tra Milano e Pavia, seguitò anche durante il regno dei Visconti e degli Sforza. Nel corso dei secoli successivi ebbe lo stesso destino del Ducato di Milano e cadde sotto il dominio prima di spagnoli e poi di austriaci. Con l’occupazione dei Savoia di parte del territorio di Pavia, iniziò un lento tramontare della città che fu frenato solo in parte dalle riforme di Maria Teresa d’Austria. Nel 1796 fu conquistata dai francesi e nel 1815 ritornò nelle mani degli austriaci; fu tuttavia centro di cospirazione antiaustriache durante la Restaurazione ed il Risorgimento. Nel 1859 venne annessa allo Stato Sabaudo.

 

Torna alle Città Italiche