TDCi Tech

 

Il Common Rail della nuova generazione

La Focus TdCi monta un nuovo sistema di iniezione "Common Rail" sviluppato dalla Delphi, il leader mondiale della componentistica per auto.

Concetti di base || Voglio il migliore! || Il common rail sulla Focus || Tecnici pronti alle novitÓ

Il sistema "Common Rail" Ŕ stato inizialmente sviluppato dalla Fiat, in Italia, che poi ne ha ceduto i diritti alla Bosch, che ha prodotto da alcuni anni l'unico sistema sul mercato, diffuso sui modelli Fiat, ma anche presso altre case automobilistiche .

Delphi Ŕ entrata sul mercato fornendo l'equipaggiamento a due produttori: Renault, per la Clio dCi, e Ford, per la Focus TdCi. L'ultima casa ad esntrare sul mercato, dopo Delphi, Ŕ stata Siemens.

CONCETTI DI BASE DEL COMMON RAIL confrontato con il sistema di iniezione diretta e con il sistema "pompa iniettore integrata" della Bosch.

  • La principale differenza fra un sistema di iniezione diretta "tradizionale" e il common rail Ŕ che nel sistema a iniezione diretta la pompa, controllata elettronicamente, provvede al dosaggio del carburante, che viene inviato con dei "colpi" estremamente precisi agli iniettori, ai quali Ŕ delegato il compito di polverizzare nel modo migliore il gasolio per una combustione pi¨ uniforme

  • Nel sistema common rail la pompa non provvede al dosaggio del gasolo, ma lo tiene permanentemente in pressione. In pratica, il sistema assomiglia alle pompe che tengono l'acqua in pressione nelle zone dove l'acqua non arriva a pressione sufficiente: la pompa gira sempre (anche se nelle case.. un pressostato la spegne dopo un certo periodo di utilizzo), un accumulatore di pressione aiuta a compensare le fluttuazioni di pressione, e i rubinetti vengono aperti e chiusi quando necessario. Il common rail ha degli iniettori "attivi", che contengono al loro interno un sistema elettromagnetico che ne permette una velocissima apertura e chiusura. Il gasolio proviene dalla pompa che lo tiene ad altissima pressione, e l'accumulatore di pressione aiuta a compensare le fluttuazioni. "Common Rail" significa "binario comune" o "condotto comune": infatti, la pressione che arriva ai singoli iniettori Ŕ sempre la stessa, ed Ŕ uguale per tutti, nello stesso momento, in netto contrasto con i sistemi di iniezione tradizionale, che prevedono delle "pompate" precise ed indipendenti per ogni singola "cannuccia" che proviene dalla pompa e raggiunge l'iniettore.

  • Il sistema "iniettore pompa" Ŕ usato solo sulla Ford Galaxy 1.9 Td, costruita dalla VW AutoEuropa Plant di Palmela, in Portogallo. Sin dall'inizio della joint venture con VW per la produzione del Galaxy e dello Sharan/Alhambra, il motore diesel adottato Ŕ sempre stato mutuato dalla produzione VW, mentre i modelli a benzina usano i motori del marchio di appartenenza. Sempre prodotto da Bosch, il sistema pompa iniettore usa una testa specifica, che permette l'azionamento delle quattro unitÓ integrate. Spinti da camme supplementari installate sotto al coperchio della distribuzione, gli iniettori appaiono proprio come delle "pompette", che vengono velocemente spinte e generano una pressione elevatissima (il sistema detiene il record per pressione massima, tallonato dal common rail). Gli iniettori sono poi controllati elettronicamente, e forniscono a pressione elevatissima il gasolio alla camera di combustione.

Torna all'inizio

Voglio il migliore!

Facile a dirsi! I tre sistemi presentano ognuno dei punti forti, non per altro la Bosch continua a proporli tutti, senza sostenere la superioritÓ di uno in particolare.

  • Iniezione diretta. Montata da Ford su: Mondeo 115 CV, Transit 2.0, Transit 2.4 fino a 125 CV (pompa Bosch VP44), Focus Tddi 90 CV (pompa Bosch VP30). Costo inferiore, sistema collaudatissimo (sono i sistemi di iniezione pi¨ diffusi al momento). Consumi ridotti.

  • Common Rail. Montato da Ford su: Mondeo 130 CV, Focus TdCi 115 CV. Maggiore potenza, e minori consumi a paritÓ di andatura nell'extraurbano. Potenza maggiore, anche se in parte dovuta alla presenza di altri "strumenti" come il turbo a geometria variabile, che per˛ influiscono sui costi. Maggiore complessitÓ del sistema: anche la sostituzione del rail richiede attenzione e massima pulizia.

  • Pompa/iniettore: il sistema che sulla carta ne esce meglio: potenza elevata, prestazioni al top, consumi ridotti. Ma ci sono dei punti decisamente negativi a suo carico. In particolare, l'architettura del sistema iniettore pompa comporta un carico maggiore sulla cingia di distribuzione. VW ha suggerito un intervallo di sostituzione ogni 60.000 Km, decisamente pochi . Un intervento di questo tipo Ŕ reso costoso dalla necessitÓ di lavorare in spazi ridotti, specialmente per il Galaxy e per le piccole VW e di smontare, a seconda del modello, parecchi componenti. Inltre, ad alcuni clienti si Ŕ posto abbastanza presto il problema della sostituzione degli iniettori. Il costo del sistema non Ŕ indifferente, e le spese di gestione rendono questo motore ben lontano dalle idee dei "dieselisti" vecchio stampo. RomorositÓ notevole, ma potenza a volontÓ.

Torna all'inizio

Il common rail sulla Focus.

Il sistema common rail Ŕ stato introdotto sulla Focus in Italia e Germania prima dell'estate 2001, in anticipo rispetto a tutti gli altri paesi, in onore alla incredibile "fame di diesel" che si Ŕ diffusa in questi paesi, in netto contrasto con le tendenze della Gran Bretagna.

La Focus TdCi impiega un modulo supplementare per il controllo degli iniettori sviluppato appositamente per svolgere il compito di trattare le "operazioni" supplementari necessarie a gestire il sistema di iniziezione della Delphi.

Il sistema ha previsto anche alcune modifiche che riguardano il motore - sotto il profilo puramente meccanico: queste siano di monito a coloro che vorrebbero aumentare la potenza delle loro 90 CV, spesso illusi da promesse fin troppo ottimiste. La silenziositÓ superiore del motore TdCi viene da una serie di accorgimenti messi in atto, fra cui il sensore di battito in testa, mentre un ingegnoso sistema evita lo "scuotimento" del motore dopo lo spegnimento. Provatelo alla fine della prova su strada: il motore si arresta senza nemmeno un sussulto, grazie alla chiusura dell'aspirazione, attuata da uno sportello comandato con la depressione, senza gli scossoni tipi dei motori diesel.

Aprendo il cofano della Focus si vede poco di tutte queste modifiche, in ogni caso Ŕ facile identificare l'elemento caratteristico: il "ragno" che si vede proprio davanti al motore, magari sollevando (con grazia) il rivestimento protettivo. Il "ragno " Ŕ l'accumulatore di pressione, ed Ŕ facile notare come oltre ai tubi che poi arrivano agli iniettori sia presente anche un sensore, avvitato direttamente sul corpo centrale, che permette alla centralina della Focus di conoscere la pressione del carburante.

Provando la TdCi su strada, ci si rende conto facilmente di come tutto questo porti a una combustione praticamente perfetta, con pochissime vibrazioni, silenziosa. La TdCi sa praticamente tutto di quello che succede con la combustione: la temperatura e la pressione del gasolio, il battito in testa, la posizione degli alberi a camme sono tutti controllati da sensori che permettono la regolazione della pressione e dei tempi di iniezione. I pistoni, diversi come forma rispetto a quelli della TdDi, vengono rimepiti con una doppia iniezione, prima viene infatti eseguita l'inizezione pilota, e poi l'iniezione principale, con l'intento di migliorare la regolaritÓ della combustione.

Torna all'inizio

Tecnici pronti alle novitÓ

Il centro di Formazione Ford ha sviluppato numerosissime sessioni speciali per l'addestramento dei tecnici al common rail. Il nuovo sistema ha infatti reso necessario l'inserimento di alcune funzioni supplementari nel sistema diagnostico usato a livello mondiale da Ford e da altre case (con altro nome), il Wordlwide Diagnostic System. Come tutte le Ford , anche la Focus dispone di una centralina che consente aggiornamenti software e verifiche semplificate con l'uso del WDS. E' possibile, ad esempio, controllare contemporaneamente tutti i parametri che si desiderano, sotto forma di indicatori on/off oppure di onde di segnali, o addirittura variare manualmente alcuni parametri, anche durante la guida (il sistema permette di registrare le sessioni durante la guida, e di rivederlo dopo aver accostato, per evitare rischi durante le prove su strada)

Torna all'inizio

Pagina successiva >>>

-Collegamenti Relativi-
Ford Focus TDCi
Galleria fotografica

INDIETRO