Le risorse disponibili in rete sono organizzate secondo un sistema di librerie, o pagine, chiamato World Wide Web o pi semplicemente WWW, a cui si pu accedere utilizzando un'applicazione specifica chiamata "browser", di cui esistono diverse versioni. Il WWW stato progettato e organizzato in modo che le informazioni siano accessibili in forma di pagine e documenti ipertestuali.

Il World Wide Web (WWW) fu messo a punto nel 1989 da Timothy Berners-Lee, successivamente i collaborazione con Robert Cailliau, presso il centro di ricerca CERN di Ginevra, per permettere la condivisione di informazioni tra gruppi di ricercatori di fisica delle alte energie di diverse nazioni. In seguito si trasformato in una piattaforma per lo sviluppo di software, mentre il numero di computer e utenti collegati cresciuto a dismisura.

Le risorse di World Wide Web sono organizzate in modo da permettere all'utente una facile e rapida consultazione. La caratteristica del sistema, che ha contribuito in modo determinante alla sua fortuna, quella di essere ad accesso completamente libero, e di permettere a chiunque di contribuire all'ampliamento del patrimonio di informazioni condivise creando le sue proprie pagine multimediali.
Il WWW, secondo la definizione che ne d il suo stesso creatore, innanzitutto un concetto, un mondo virtuale nel quale tutte le informazioni sono accessibili, da qualsiasi sorgente esse provengano, in maniera semplice e coerente. Per realizzare questo mondo virtuale il Web utilizza programmi definiti
ipertesto, scritti in un linguaggio chiamato Hypertext Markup Language (HTML). In questi programmi possibile creare "link" per accedere a documenti che risiedono su computer in qualsiasi parte del mondo: tutto quello che serve conoscere l'indirizzo di questo computer e il nome del documento (URL), assegnati secondo un protocollo accettato a livello mondiale. Allo stesso modo, il proprio documento pu essere visto e "puntato" da qualsiasi altro computer, ovunque esso sia localizzato. Le comunicazioni tra computer impiegano lo standard Hypertext Transfer Protocol (HTTP): per rendere pubbliche le proprie informazioni si deve disporre di un computer chiamato "server", e per accedere al Web si deve utilizzare un programma chiamato "browser" che permette di visualizzare testi, immagini, suoni o altri oggetti informativi contenuti nei documenti sullo schermo del computer.
La comunicazione realizzata, di solito, mediante connessioni
Transmission Control Protocol (TCP), anche se possibile utilizzare qualsiasi tipo di connessione.
L'accesso al Web e la ricerca di documenti definita con il neologismo "navigare": l'utente pu effettuare ricerche interattive e raccogliere informazioni selezionando parti di testo evidenziate (che mostrano appunto i link ad altri documenti) o specifici oggetti sullo schermo. I collegamenti sono estesi a tutta la rete Internet mondiale, formando una base di conoscenze multimediale distribuita su larga scala; esistono anche realizzazioni a scala pi ridotta, costituite da piccole reti Internet di impresa dette Intranet, usate in determinati ambienti.