Luigi
De Bellis

 


 HOME PAGE 
  
Opere riportate:

     
 

Il Canzoniere

 
 

 

 
 

Ernesto

 
     
     

 





Umberto Saba



ERNESTO: Romanzo


Scritto fra il maggio e il settembre del 1953 e lasciato incompiuto, fu pubblicato postumo in un'edizione che comprende tredici lettere di Saba e una nota di Sergio Miniassi, poi ripresa l'anno successivo.
Diviso in sei parti, cinque «episodi» con la breve «Quasi una conclusione» a separare il «Quarto» dal «Quinto»>, Ernesto è il romanzo della vecchiaia e della malattia di Saba e narra trasparente la proiezione autobiografica dell'adolescente protagonista - le vicende dì una maturazione sessuale e umana.

Nella Trieste di fine Ottocento, Ernesto è un giovane tra i dodici e i diciassette anni, unico figlio di una donna intristita che da tempo è stata abbandonata dal marito. Pur essendo soprattutto amante del violino e delle letture, oltre che candidamente anarchico nel comportamento, Ernesto è impiegato nella ditta commerciale del signor Wilder, un ungherese collerico e a volte ridicolo. Durante una pausa del lavoro, all'inizio del romanzo, Ernesto conosce «l'uomo», un bracciante ventottenne con il quale intreccia, per impulsiva curiosità e incertezza di desiderio, una relazione segreta. L'uomo, mai altrimenti nominato, concepisce presto un vero e proprio amore per il ragazzo, il quale invece ricambia con una tenerezza sempre più distratta, mista di crescente distacco intellettuale e di turbamento. Ma il loro rapporto è anche franco e ignaro delle differenze sociali, come quando, nel «Secondo episodio», in un dialetto triestino addolcito e agile. Ernesto racconta al compagno le beffe da lui organizzate ai danni del signor Wilder. Tuttavia, la "vergognosa" relazione, la figura materna, debolmente austera, e gli zii, che incutono timore, stringono Ernesto in un cerchio da cui sente il bisogno di liberarsi. L'episodio del barbiere Bernardo, che senza immaginarne le conseguenze emotive rade la prima peluria al ragazzo, fa scattare l'impulso a una nuova maturazione: ed Ernesto conoscerà anche la Tanda, una prostituta che lo accoglierà con stupita benevolenza e lo inizierà all'amore eterosessuale.

Il «Quarto episodio» è il centro del libro: Ernesto scopre che il suo principale ha assunto un nuovo praticante di contabilità, un ragazzo silenzioso e senile, e medita allora di provocare il proprio licenziamento. Oltre all'orgoglio e all'insofferenza, lo spinge la volontà di sottrarsi agli sguardi dell'uomo e ai sensi di colpa che ne derivano. Scrive dunque al signor Wilder una lettera impertinente e volutamente provocatoria, ottenendone la reazione immaginata. Tornato a casa, comincia il doloroso confronto con la madre alla quale si confida con inquiete reticenze; alle insistenze di lei, che pure riesce a farlo riammettere al suo posto di lavoro, Ernesto è costretto a svelare l'autentica regione della sua "fuga"; e la confessione, inaspettatamente, ottiene il difficile perdono. Qui compare il breve inserto intitolato «Quasi una conclusione», nel quale Saba attribuisce alla vecchiaia e alla stanchezza la probabile impossibilità di continuare la narrazione. Segue tuttavia un «Quinto episodio», che narra del concerto del violinista Ondricek durante il quale l'appassionato Ernesto conoscerà Ilio, un ragazzo dalla cui bellezza rivarrà soggiogato. Scivolando in questa nuova "deviazione", impostagli da un incontro eccezionale, Ernesto riuscirà a ottenere la compagnia del ragazzo, al tempo stesso sconvolto e consolato da un'affinità profonda.

Scritto durante l'ultima parentesi felice della sua vita, il romanzo ebbe per Saba la funzione di una grande liberazione psicologica. L'istintività e il candore mostrati dal protagonista costituiscono la modalità con cui l'autore, ormai vecchio, assolve con vigile benevolenza le tendenze altrimenti inconfessabili di tutta la sua vita, peraltro nascoste nella sua opera poetica e nelle pieghe della sua personale, lunga nevrosi. Inserendo nel racconto commenti e ammonizioni all'immaginario lettore, Saba svela la continuità fra le decisive esperienze fisiche e sentimentali della propria adolescenza e i tanti enigmi della sua arte maggiore.

 

HOME PAGE


Copyright 2002 Luigi De Bellis.
Webmaster: letteratura@tin.it