Filastrocche sull'autunno  

 

 

 

Autunno (G. Rodari)

Il fieno falciato
il cacciatore ha sparato,
l'autunno inaugurato:
Il grillo si murato
nella tomba in mezzo al prato.

 

 

A scuola!

Bimbo, bimbetta,
la scuola vi aspetta.
Ci son tanti bambini,
spensierati e birichini;
si siedono ai banchi
e quando sono stanchi
di scrivere e studiare
si mettono a cantare:
"Giro giro tondo
com' bello il mondo!
Chi lo vuol conquistare
a scuola deve andare
In cielo sta il sole,
nel prato le viole,
sull'albero le pere,
il latte nel bicchiere,
la rondinella vola,
i bimbi vanno a scuola!"

 

 

Pioggia

Tic e tac
la pioggia cade,
cade svelta
sulle strade.
Balla e canta:
tic e tac.

Con l'ombrello 
vo bel bello
nelle pozze
a far cic ciac.

Scendi scendi,
pioggia bella:
canta a tutti la novella
della nuvola piccina
che s' sciolta stamattina.

 

 

Addio estate

L'estate se ne andata,
la nebbia gi si alzata.
Addio sole, sabbia, mare
e bei monti da scalare!
In citt siamo tornati
alla scuola preparati.

 

 

Piove

Tic toc, tic toc ... fanno i goccioloni.
In casa i bimbi stan buoni.
Dalle finestre guardano fuori
e sentono tanti rumori:
della pioggia il ticchettio,
della gente il chiacchierio,
di motori un gran fracasso ...
Pi non vogliono andare a spasso.
I rami scuote il vento
e quasi fa spavento.
I bambini sognano il sole
e lo chiaman con dolci parole.

 

 

Piove: che guaio!

Cielo grigio. Tempo brutto.
Piove piove ... dappertutto.
Erbe e fiorellini
fan la doccia nei giardini.
Luccicano strade e tetti.
I bambini, poveretti,
non possono uscire,
non si sanno divertire.
L'acqua dei fiumi cresce,
dalle sponde esce,
allaga e fa danni.
facile prender malanni.
Con impermeabile ed ombrello,
tutti invocano il tempo bello.

 

 

Pioggerella

Sei tornata pioggerella,
che ogni cosa rifai bella?
Pioggerella d'argento,
tiepida e senza vento,
innaffia erbe e germogli
sugli alberi ancor spogli.
Finisci presto il tuo lavoro
e lascia passare il sole d'oro.

 

 

Nebbia

difficile attraversare
quando la nebbia appare:
fitta nasconde la strada
e nessuno sa dove vada.
Il suo umido grigiore
penetra fino al cuore;
a tutti d malinconia
ma accende la luce della fantasia.

 

 

Frutti autunnali

In autunno maturan
molti frutti. In pianura
vedi di riso spighe dorate,
nei boschi di montagna
lucidi gusci di castagna.
Anche uva, mele e pere
vengon presto raccolte.
Nelle chiome di verde folte,
ridono cachi grandi e gialli.
Tra pochi giorni ormai
gli alberi non avran pi doni:
come la natura tutta,
prenderanno meritato riposo.

 

 

Colori d'autunno

Autunno, autunno mio,
all'estate diamo addio!
Rosse come il sangue
son le ultime foglie
e gialle come il sole.
Splendono nei giardini
dalie e crisantemi:
colori vivi e lieti
per darci il tuo saluto.
Anche nei prati ti vediamo arrivare, 
con scintille di luci chiare.

 

 

 

La pioggia (R.Piumini)

No, non una sola goccia,
sono tante, sono pioggia:
scende sciolta, lava, bagna,
d da bere a ogni campagna,
riempie buchi nelle strade,
fruscia fresca mentre cade,
fa la doccia al mondo secco,
d una goccia ad ogni becco.

 

 

 Il vento (R.Piumini)

Sentila, soffia,
sentila, sbuffa:
dolce ti graffia,
un'aria buffa.
Senti che voce,
senti che fiato,
vento veloce,
vento fatato.
Senti carezza,
senti spintone,
aria di brezza,
vento burlone.