Anno 1 n° 1 - 24 Maggio 1998


Indice:

Editoriale

Polemica Borghetto

I verdi de lu Castellucce

In breve

Perdere per un anello

Pubblicità

 

Disastrosa prestazione di Piano Selva, detentrice del Palio, appena quinta !
Il Palio scende a Caselle
La contrada arancione si aggiudica il 2 palio precedendo di un soffio i galletti della Certosa ed i celesti della Collina.
Borghetto: desta grande impressione il cavallo arabo Youssouf ma la seconda tornata viene considerata nulla per uscita dal tracciato. I sostenitori borghettari: Siamo stati derubati, siamo noi i veri vincitori!


Delusione di una tifosa certosina (foto SC)

Massimo Olori il pi regolare
Dal nostro inviato - Con tre tornate estremamente regolari la Contrada Caselle si aggiudica la seconda edizione del Palio delle Contrade, grazie alla valida prova del cavaliere Massimo Olori. I casellanti hanno festeggiato con i soliti caroselli lungo le vie del paese cantando a squarciagola: "I campioni siamo noi, ma chi c... siete voi!". Tributato il dovuto onore ai vincitori, c' da segnalare l'amarezza dei gialli della Certosa che per un'inezia hanno visto svanire i sogni di gloria e si sono aggiudicati la piazza d'onore; amarezza che si tradotta in sconforto quando, in tarda serata, si appresa la notizia che il galletto, mascotte della Contrada, era stato ricoverato d'urgenza, in coma etilico, a seguito di abuso di alcolici. Abbiamo raccolto la seguente dichiarazione a caldo di un tifoso certosino: "Chi non salta della Uazza , !!" Discreto terzo posto della Cullina (burocraticamente chiamata Contrada Sacconi) che per un anello sfiorato ha mancato la vittoria e che aveva al seguito uno sparuto manipolo di contradaioli. Insipido quarto posto del Centro Storico, piazzamento tenuto dopo il sorteggio dei cavalli e che rappresenta un risultato sicuramente inferiore alle attese ed inadeguato rispetto sia alla grande organizzazione dei contradaioli (stendardi, bandiere, striscioni e chi pi ne ha pi ne metta!) che alla folta rappresentanza di tifosi. Abbiamo raccolto la dichiarazione rilasciata dal folcloristico giullare della Contrada: "L'anno scorso quinti, adesso quarti, fra tre anni, se la matematica non un'opinione, vinceremo il palio. Per, capmece nu cavalle nucc mjje, il nostro mi sembrava un po' imbarazzato e piuttosto macchinoso!" Sull'orlo della disperazione i tifosi della Uazza (Piano Selva per i raffinati!) che hanno difeso nel peggiore dei modi il Palio conquistato nella prima edizione. Lo striscione "Benvenuti in Paradiso" non stato di buon auspicio per la contrada di color fucsia, in quanto il campo di gara si rivelato un Inferno per la Uazza e soprattutto per il suo fantino al quale tutti i tifosi delle altre contrade hanno consigliato un buon oculista. Un tifoso ha dichiarato: "Seme fatt' na f'guraccia, f'rtuna ch' la Rta fatt' 'llu macille, s'nn arr'vavam' udd'me!". SDL